• 2 commenti
  • 16/02/2023 08:19

I morti di serie B delle Foibe

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani, in relazione all’iniziativa tenutasi oggi nell’auditorium San Francesco di Lucca, promossa dall’ANPI e dal movimento Sinistra Con, che ha visto la partecipazione dello storico Eric Gobetti, precisa quanto segue:

troviamo incomprensibile la scelta di non informare in merito alla giornata la dott.ssa Donatella Buonriposi, dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale Provinciale di Lucca e Massa Carrara, soprattutto in considerazione dell’adesione di numerosi istituti scolastici al convegno;

è doveroso proporre agli studenti tematiche storico – civile, ma sarebbe anche opportuno favorire lo scambio dialettico anche tra differenti orientamenti ideologici, senza indulgere a forme di negazionismo, laddove, ormai, testimonianze, studi, eminenti esperti del settore abbiano dimostrato l’evidenza di orribili accadimenti (shoah, foibe) che ci si ostina a mettere in discussione.

Tra i compiti della scuola vi è anche quello di “raccontare” i grandi eventi del nostro passato senza strumentalizzarli; dare la possibilità a più voci di “leggere” le vicende storiche consentirà agli studenti di essere consapevoli del proprio passato in funzione di un presente e di un futuro ispirati alla solidarietà e rispetto della vita umana, a prescindere da tutto.

Il CNDDU si associa quindi ai contenuti espressi dal sindaco di Lucca, dott. Mario Pardini, ispirati alla distensione degli animi e alla moderazione dei toni. 

“La complessità delle vicende che si svolsero, in quegli anni terribili, in quei territori di confine, la politica brutalmente antislava perseguita dal regime fascista, sono eventi storici che nessuno oggi può mettere in discussione.

Va altresì detto, con fermezza, che è singolare e incomprensibile che questi aspetti innegabili possano mettere in ombra le dure sofferenze patite da tanti italiani. O, ancor peggio, essere invocati per sminuire, negare o addirittura giustificare i crimini da essi subiti.

Per molte vittime, giustiziate, infoibate o morte di stenti nei campi di prigionia comunisti, l’unica colpa fu semplicemente quella di essere italiani.” (Sergio Mattarella, Palazzo del Quirinale, 10/02/2023)

I concetti espressi nella dichiarazione dal nostro Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, indicano con compiutezza i valori da trasmettere alle future generazioni per credere in un’epoca foriera di umanità e comprensione tra le genti.  

prof. Romano Pesavento

presidente CNDDU

I commenti

Infatti loro hanno la giornata del ricordo mentre dei milioni di persone uccisi dai vigliacchi fascisti nessuno ne parla

anonimo - 16/02/2023 20:21

dice oggi qualcuno.....

anonimo - 16/02/2023 08:22

Gli altri post della sezione

Assi viari ah, ah, ah....

Gli assi viari di Lucca so ...

IL BUCO NERO

Intendiamoci, a Lucca il p ...

Geal, Gaia, Acque ecc...

Io come gestore a Capannor ...