• 0 commenti
  • 03/11/2022 17:38

RICORRENZA DELLA MORTE DI MICHELE FANINI

4 Novembre 2019 – 2022: Ricorrono 3 anni dalla scomparsa di Michele Fanini, il “meccanico dei campioni” di Segromigno Piano, molti dei quali hanno indossato i colori delle squadre Fanini e di Amore e Vita. In sua memoria si terrà una messa a suffragio presso il Santuario della Madonna delle Grazie di Montenero (LI).

Purtroppo sono già passati oltre 1000 giorni da quel fatale 4 Novembre in cui, Michele all'età' di 74 anni, si spense prematuramente (ed inaspettatamente) presso l’ospedale San Luca di Lucca (dove era ricoverato da alcuni giorni a causa di un malore). Una perdita di un grande persona che a lasciato un vuoto immenso, incolmabile per i figli Cristina, Lorenzo e Manuel per fratelli Pietro, Brunello e Ivano e per i nipoti.

Il noto meccanico e dirigente sportivo lucchese fu scopritore insieme al padre Lorenzo ed appunto ai fratelli Ivano (patron di Amore e Vita), Pietro e Brunello (organizzatore del Giro della Toscana femminile), di numerosi talenti diventati poi campioni ed indiscussi protagonisti del ciclismo mondiale. Tra i tanti, vanno ricordati soprattutto Michele Bartoli e Mario Cipollini, di cui Michele fu proprio il primo in assoluto a metterli in bicicletta all’età di sei anni.

Passano gli anni ma il ricordo di Michele, persona buona, umile e grandissimo conoscitore di ciclismo e della bicicletta, rimane e rimarrà sempre indelebile nel cuore e nella mente dei familiari, degli amici e di tutte le tantissime persone che gli volevano bene e che puntualmente arrivavano al suo negozio da tutto il mondo per affidarsi a lui nel farsi “mettere in sella”. Non passa però il dolore per la sua improvvisa perdita, soprattutto, è impossibile per i familiari darsi pace per come la sua morte è stata causata e per la quale quattro medici sono sotto accusa e dovranno comparire davanti al Giudice per rispondere dell’imputazione di omicidio colposo in relazione al decesso. La famiglia chiede giustizia e spera nella Procura che intanto ha proceduto con l’imputazione coatta per ipotesi di negligenza a carico dei professionisti che lo avevano in cura.

Nel frattempo non si fermano le iniziative per onorarne la memoria, proprio per il lavoro prezioso di mastro artigiano nella costruzione di bici Fanini grazie agli insegnamenti di papà Lorenzo. Michele, anche se molto riservato e schivo ai riflettori dei mass-media, ha contribuito e fatto conoscere in tutto il mondo le proprie bici Fanini utilizzate da molte rappresentative nazionali dei team Fanini, e corridori negli anni 70-80, che, per le particolarità nella realizzazione artigiana di telai in acciaio Fanini. Inoltre, nel tempo, importanti aziende di settore ne hanno appreso la qualità e la validità della lavorazione artigiana ai telai Fanini che poi nel tempo, ne hanno presso spunto e studiato modifiche di miglioramento con appositi brevetti. È per tali motivi che lavorazioni artigianali per la maestria nella realizzazione e montaggio delle bici Fanini conosciute in tutto il mondo tra gli anni 70-80 da parte di Michele Fanini, vanno valorizzate nel ricordo della memoria per tutta la comunità. Infatti nel 2020, è stato presentato da parte del carissimo amico di famiglia, nonché suo ex corridore Stefano Bendinelli, una richiesta al  Comune di Capannori per ricordare la figura di Michele Fanini attraverso una titolazione prendendo spunto della cittadella dello sport e della pista in fase di realizzazione dall'amministrazione Menesini.

Gli altri post della sezione

Bcl - Virtus

Seconda partita del giro ...

Cecina - Bcl 98/71

Il Bcl esce sconfitto da ...