• 10 commenti
  • 09/08/2022 15:57

Parliamo di Lucca e del suo turismo

Lucca è famosa nel mondo forse per i Comics (e per un pubblico di nicchia che per il 90% è italiano!!!) indi il forse è anche esagerato. Ma di certo non per una manifestazione di concerti che non solo ha altri 62 eguali nel mondo che ma che per il 75% ha ormai artisti italiani e oltretutto ben pochi internazionalmente noti. Lucca è conosciuta per le Mura, per l'arte, per Puccini e per essere una delle città d'arte più belle non solo della provincia italiana ma di tutto il mondo. Altro che rocchettari nelle piazze. Cosa buona e giusta, per carità del signore, ma dipende come la si fa. I dati parlano per essi stessi: poi può piacere e non piacere e nessuno sta dicendo che non debba essere fatto. E' nel come che giace l'intera differenza e il come non può essere - pare - affrontato. E questo non è più tollerabile. La cornice? Ma come, non è il Festival che rende grande e famosa Lucca? Allora è l'opposto! E se è l'opposto, l'immagine si paga. O almeno si pagano i servizi e il suolo pubblico. Per rispetto a tutti coloro che il suolo pubblico lo pagano tutto l'anno per campare famiglie col loro commercio. Piaccia o non piaccia, questa è la realtà. O si affronta o sarà sempre peggio. Possiamo essere almeno un po' inca**ati?


Vi sono poi altri aspetti che molti non considerano perché vengono dati per scontati.
Ricordo quando da ragazzotto andavo la sera verso mezzanotte fuori dalla Bussola a Focette a veder passare le stelle della musica -quelle sì!, internazionali- e urlavo di gioia solo al vederle però poi non entravo per mancanza di pecunia. Un segno di provincialismo giustificabile in un ragazzo o ragazza a quel tempo ma oggi leggere commenti scritti da adulti che difendono a spada tratta manifestazioni cui poi non andranno fa un po' effetto. Questo si è fanatismo acritico di gente che che non si pone neanche il problema d'immagine negativa che questa manifestazione ci porta e soprattutto non vuol sapere quanto ci costa a noi lucchesi questo baraccone. Molti non sanno che il SF ai lucchesi costa decine di migliaia di euro oltre ad altre decine per quelli sugli spalti. E sono soldi di tutti che paghiamo con le tasse.
Poi magari sono gli stessi che scrivono che la tal strada è piena di buche, o non ci sono più le strisce pedonali, o manca il personale ed i servizi minimi di base. Gente che si lamenta perché siamo precipitati nelle classifiche della qualità della vita ai livelli più bassi da decenni perché mancano i soldi!

Io non sono contrario al SF. Sono contrario a che venga finanziato con denaro pubblico, quando dovrebbe invece essere un guadagno per le casse comunali, e soprattutto perché deve esser spostato in un posto meno invasivo, cosa relativamente facile a Lucca.

Io vorrei che un consigliere comunale andasse a vedere nei bilanci del comune e ci dicesse esattamente quanto ci costa il SF, compresi, oltre alla sovvenzione diretta i servizi (Igienici, di Vigilanza, di pulizia straordinaria, di luce ecc..).

Poi vorrei che questi dati fossero resi pubblici a tutti i i cittadini e sono curioso di sapere se gli abitanti del Piaggione, che sono stati lasciati al buio, o quelli dell'oltre Serchio, o quelli di Ponte a Moriano e di tutto il morianese sono contenti di sapere che tanti servizi non li hanno perché non ci sono fondi (per loro no, ma per il circo si).

Si parla tanto di trasparenza e allora diciamoli questi dati e la trasparenza, per una volta, applichiamola invece di parlarne.

"La Cornice di Lucca" non è fatta per una fotografia di gente che dorme nel sacco a pelo o che mangia la pizza sugli scalini di S.Michele; in quella cornice ci deve essere un'immagine che ci ricordi chi siamo e da dove veniamo, la nostra storia, arte e cultura fatta dalle grandi famiglie che nel medioevo coniavano moneta e che la prestavano a re e papi di tutta europa; da musicisti, scultori, scrittori, architetti che inorridirebbero se sentissero chiamare "campo" gli spalti delle Mura. Noi dobbiamo cercare, come turista, la gente che ama un bel film e non uno spettacolo da circo.

Ma veramente, noi lucchesi, siamo diventati quelli che scrivono commenti sguaiati ed esplicitamente offensivi nei confronti di chi non la pensa come loro? Temo che questa offensiva del cattivo gusto sia una conseguenza del SF che riesce a tiare fuori il peggio da noi.

Ma sul turismo che mi piacerebbe poi ci tornerò


ispirato dal commento al post "Lucca piena di Lunedì e senza summer"

I commenti

Infatti questo sarebbe auspicabile: uscire dal puro commento su un blog e cercare di trasportare il disagio per la presente situazione al di fuori della sfera virtuale. Se questa testata (o qualunque altra realtà sociale/politica) vorrà farlo, avrà senz'altro il mio appoggio e la mia partecipazione.

JD - 12/08/2022 17:40

In sintesi bisogna dire che il dibattito si sta polarizzando in modo molto superficiale. Però il problema di fondo, cioè quello del tipo di sviluppo che si vuole perseguire per il futuro di Lucca, è di fondamentale importanza. Il turismo "di qualità" come fonte di reddito utile per tutta la collettività, e non soltanto per pochi imprenditori d'assalto, è una cosa possibile. Anzi auspicabile. Il problema del Summer festival andrà affrontato anche perché la manifestazione, come è evidente a tutti (a tutti coloro che vogliono vedere), complice la debolezza e l'inconsistenza culturale di certe amministrazioni, ha ormai parassitato la città. Turismo non significa né dei predicazione delle risorse, né scadimento della qualità della vita, né svuotamento del centro storico dalle sue funzioni. Dipende da come lo si intende: i modelli virtuosi ci sono, come pure esistono modelli deteriori. Quello che auspicabilmente potrebbe fare questa testata è tenere desta l'attenzione sull'argomento e, forse, farlo uscire dall'ambito virtuale, portandolo nella realtà. Sarebbe troppo immaginare una serie di iniziative (convegni, incontri, dialogo con la città, sensibilizzazione dei politici) che portino alla ribalta l'idea di sviluppo che vogliamo scegliere e sostenere?

Anonimo - 11/08/2022 20:41

Anch'io resto della mia strana idea. Il SF e i Comics devono restare a Lucca e sortir entrambi dagli spalti!!!!

Anonimo - 11/08/2022 01:15

Non metto in dubbio che a Lucca esistesse una zecca di stato. Chiedo all'illustrissimo che mi faccia i nomi di famiglie che, a titolo appunto familiare o personale, avessero il diritto di batter moneta. Già che ci siamo anche su concessione di quale autorità battevano moneta.

Anonimo - 11/08/2022 01:12

Vedo che la discussione si sta lentamente spostando da "Fare questa manifestazione al prezzo della distruzione degli spalti (perché quello è) è uno schifo" a "Non siamo contrari purché: ci sia trasparenza, si capiscano finalmente i bilanci, si utilizzino i soldi per il territorio, soprattutto purché Mimmo paghi tutto quel che deve pagare". Ecco, purché paghi, se li compri, gli spalti.
Io rimango della mia (strana) idea: il Summer deve rimanere a Lucca ma SORTIRE DAGLI SPALTI, perché quello non è il posto adatto.
La "stupenda cornice"... gli spalti delle Mura non sono una ca**o di cornice, sono gli spalti delle Mura. Parte di un parco urbano che viene DEVASTATA dal Summer (e dai comics). Ma capisco che è nella natura dei lucchesi misurare tutto coi soldi. Il celebre dilemma di Fromm (avere o essere) qui da secoli è stato risolto: se non hai, non sei.
Non sia mai che un poveraccio porti i suoi bimbi a giro sugli spalti, come faceva mio papà, a giocare sull'erba, senza spendere una lira. Se Mimmo paga, ha tutto il diritto di trasformarli in una discarica polverosa.
Vi faccio tanti auguri, ma temo che quel che volete voi sia difficile da ottenere, esattamente come quel che voglio io.
Poi non mi raffiderei tanto a Barsanti, non perché non mi fidi, ma in campagna elettorale ha battuto talmente tanto il territorio, ha parlato con talmente tanta gente incazzata che, se dovesse dar seguito alle lamentele che ha raccolto, a Lucca avremmo la Rivoluzione francese (quella russa non mi permetto di citarla).

JD - 10/08/2022 19:03

Prima di fare i complimenti per la conoscenza della storia al signore anonimo, vorrei che visitasse il Museo della Zecca che può raggiungere facilmente da piazzale Verdi, su su per la salita che va sulle Mura e poi a sinistra vi è una casermetta e dentro troverà che le dirà tutto sul conio delle monete.
Lucca, Città Stato, fino all'arrivo della sorella di Napoleone era uno Stato indipendente e CONIAVA monete che sono anche famose.
Più di una famiglia ha prestato soldi a Re e anche è fallita perché i Re non sono buoni pagatori.
Si informi, la città merita più di uno come lei.
Gianna Traverso Coli

gianna - 10/08/2022 17:18

Sono senz'altro favorevole alla trasparenze (non solo per il SF però... Ci sono tante iniziative a Lucca foraggiate con soldi pubblici che portano 4 gatti se va bene).
Sono valutazioni assolutamente necessarie. Io la penso diversamente e ritengo importante il summer festival per lo sviluppo di lucca ma di sicuro desidero assoluta trasparenza.
Però sminuire il cartellone... no dai... mi sembra ridicolo. Anche quest'anno è stato assolutamente all'altezza e variegato per ogni gusto. Mi sa che è fermo agli ospiti della bussola.... É vero che ci sono anche molti giovani cantanti che anche io non apprezzo.. Ma quindi secondo lei i nostri giovani (che già durante l'anno girano in città senza meta) non hanno diritto a sentire i loro cantanti preferiti?.

Anonimo - 10/08/2022 15:19

Da uno che scrive "....grandi famiglie che nel medioevo coniavano moneta e che la prestavano a re e papi di tutta europa........ " cosa ti vuoi aspettare?? E quali sarebbero le famiglie che avevano il diritto di batter moneta?!?!?! A che titolo avevano questo diritto??? Ce lo spieghi.

Anonimo - 10/08/2022 00:58

Significa che, essendo la popolazione mondiale pari a otto miliardi di persone, abbiamo una manifestazione simile ogni 130 milioni di persone. Una cosa notevole, per una città di 100.000 abitanti, ospitare una cosa del genere!

Anonimo - 10/08/2022 00:52

Spero che l'assessore Barsanti ci dica le cifre che ruotano intorno al bilancio relativo alle uscite devolute al Summer Festival.
Caro Cristofani, hai scritto un bell'articolo che condivido in toto.

Anonimo - 10/08/2022 00:09

Gli altri post della sezione

Il pulpito

"" “Non mi sembra un buo ...

Cosa farà ora Marcucci?

La non rielezione del ex s ...

Io ho votato

Poter esprimere liberament ...