• 4 commenti
  • 18/03/2023 19:54

Assi viari di Lucca, per la Regione il no di Capannori al protocollo è incomprensibile

L’assessore Baccelli: “L’intesa risolve proprio alcuni problemi sottolineati dall’amministrazione comunale. Senza la firma il progetto non potrà invece essere migliorato” Lucca accelera, Capannori frena. Le due amministrazioni si sono divise sul progetto degli assi viari, ovvero il sistema di tangenziali attorno al capoluogo che coinvolge ambedue i comuni, e la Regione, con l’assessore ai trasporti e l’urbanistica Stefano Baccelli, allarga le braccia e non si capacita. Capannori ha annunciato infatti l’intenzione di non voler firmare il protocollo regionale, frutto del lavoro di composizione e mediazione svolto negli ultimi due anni e mezzo su un progetto che tiene banco nel territorio da più di un lustro. “Mi sorprende il no e l’atteggiamento del Comune di Capannori” commenta l’assessore Baccelli, che ripercorre le tappe e la storia, non semplice, del progetto del sistema di tangenziali a Lucca, vissuto da Baccelli anche nelle vesti di presidente di Provincia e non solo da assessore regionale: un’opera finanziata e commissariata che punta redistribuire il traffico sulla rete stradale, con lavori su due stralci, il primo da 111 milioni di euro (e 33 di ulteriore fabbisogno da trovare) e il secondo con 5 milioni per la progettazione già assegnati e e 175 milioni da rintracciare. “Il protocollo – spiega ancora Baccelli – va infatti nella direzione degli interessi di Capannori e risolve quello che era diventato un casus belli per l’amministrazione comunale, ovvero l’utilizzo di via Domenico Chelini. Lo si fa utilizzando un’opera che sarà realizzata da Rfi per il raddoppio ferroviario della Lucca-Pistoia, anticipando un tratto previsto dal secondo stralcio degli assi viari”. Con il protocollo d’intesa è prevista infatti la realizzazione di una nuova viabilità di collegamento nella direzione nord-sud da via Chelini a via Nuvolari, con sottopasso della ferrovia e sovrappasso dell’autostrada A11, con un collegamento diretto alla zona industriale del Pip di Carraia. In questo modo scomparirà dal tracciato Anas il passaggio da via Domenico. Infine gli espropri. “Francamente – prosegue Baccelli – questa forte preoccupazione manifestata dal Comune di Capannori mi sembra ingiustificata. Quello degli espropri è l’avvio di un procedimento emesso nel 2019, a tutela degli espropriati. E comunque, laddove ci fossero modifiche progettuali, anche gli espropri saranno adeguati. Il protocollo prevede la costituzione di un gruppo di lavoro tecnico composto da Regione, Rfi, Anas e commissario per definire le modifiche al progetto evidenziate dalle osservazioni dei Comuni ed Anas, già in questa fase, ha accolto parte delle proposte di modifica, non notificando ad esempio la comunicazione di esproprio ai proprietari di via Chelini”. “Abbiamo lavorato per due anni passo a passo con le due amministrazioni comunali. Senza la firma del protocollo – conclude Baccelli – si rischia che le cose rimangano così come sono. Si rischia che nel progetto rimanga l’adeguamento di via Chelini e che non vengano fatte quelle modifiche puntuali chieste invece dai Comuni di Lucca e Capannori”. https://www.toscana-notizie.it/web/toscana-notizie/-/assi-viari-di-lucca-per-la-regione-il-no-di-capannori-al-protocollo-%C3%A8-incomprensibile

I commenti

...si è deciso da dove dovrebbero passare gli assi viari? Perché onestamente alcune delle proposte distruggevano aree verdi e mi faceva schifo.

anonimo - 19/03/2023 12:44

Il Dott jechil e mr hide ovvero il presidente della provincia e il sindaco di Capannori non si trovano d’accordo sul tracciato
Uno dice che è un troiaio l’altro sarebbe d’accordo ma troppo amico di Menesini e quindi rimanda rimanda fin tanto che alla fine del suo mandato Menesini spera nel consenso degli abitanti di Capannori per proporsi al parlamento Europeo fregandosene di quello che poi avverrà
Il fatto che il tracciato fosse stato commissariato mi faceva piacere pensando ed immaginando che il commissario avrebbe messo a tacere questa diatriba vergognosa che dura quanto la guerra di Troia
Mi vergogno di essere Lucchese unica città a cui manca una viabilità anti inquinamento , scorrevole e produttiva per la calle oltre a liberare le millenarie mura da questo traffico oramai insostenibile
Menesini poteva fare le fogne sul viale Europa in un secondo momento , ma la merda è merda e quindi pace ai politici incolori

Hugo - 19/03/2023 01:36

Capannori, comune più dannoso che inutile, si riconferma la palla al piede della città. I suoi ultimi due sindaci, assetati di carriera, hanno fatto casini di ogni genere per impedire lo sviluppo della città. I due, spesso e volentieri, hanno ostentato filo toscanismo e filo pisanismo, purché questo fosse funzionale a far da cassa di risonanza alle loro posizioni. Sarebbe ora che anche la regione mandasse a spigare il sindaco di Capannori e soprattutto sarebbe ora che i cittadini di buona volontà del comune di Lucca e di quello di Capannori prendessero in mano l'iniziativa di fondere i due comuni, cosa che sarebbe logica e nell'interesse collettivo.

anonimo - 19/03/2023 00:38

Pardini è andato a dritto, e ora anche la regione a guida PD da ragione a lui e mette nell'angolo Capannori. Erano anni che non avevamo un sindaco che ha le idee chiare e va avanti senza esitazioni

anonimo - 18/03/2023 20:08

Gli altri post della sezione

Successo per

Sala gremita all'Agorà pe ...

Capannori e Lucca

anche se ad alcuni ultras ...

L'Anpi presenta

Difendere Lucca da Casapou ...

Biglietti gratis?

Ho visto sulla pagina face ...

Ragazzi che caldo!!

 Oggi ho fatto un giretto ...