• 1 commenti
  • 22/11/2022 08:26

PIERLUIGI FONTANA CE L’HA FATTA: IL PILOTA HA RAGGIUNTO CAPO HORN

PIERLUIGI FONTANA CE L’HA FATTA:
IL PILOTA HA RAGGIUNTO CAPO HORN DOPO 11 MILA CHILOMETRI E 30 GIORNI DI VIAGGIO



LUCCA, 21 novembre 2022 - L’impresa è riuscita, la storia si è ripetuta: Pierluigi Fontana, erede della grande tradizione motoristica e imprenditoriale lucchese, taglia il traguardo della Lima-Capo Horn, il rally che lo ha portato, a bordo della sua Fiat 2300S Coupé del 1966, a percorrere 11mila chilometri in 30 giorni, attraverso un pezzo importante di Sud America. Ieri, domenica 20, l’equipaggio formato da Fontana e Michele Lumbroso, in veste di navigatore, è passato sotto l’arco di Capo Horn.
Fontana era partito lo scorso 22 ottobre da Lima, con il numero 20 che faceva bella mostra di sé sulla fiancata dell’auto che lo ha portato, negli anni, anche sulla Parigi-Pechino e sul Tour de Corse.

Un mese tra scenari mozzafiato e paesaggi che lasciano senza parole: dal Perù fino alla Terra dei Fuochi, attraversando Bolivia, Argentina e Cile, tra strade bianche e asfaltate, raggiungendo altezze considerevoli (anche 5000 metri) con una media di circa 600 km al giorno percorsi. Una tappa al giorno per 30 giorni, per un rally vero e proprio con tempi e percorrenze. La gara è stata poi intervallata anche da prove di velocità  pura negli autodromi argentini. Con un’altezza media di 3560 metri, l’equipaggio ha corso e attraversato zone desertiche e vallate lussureggianti, ha sfiorato il Salar de Uyuni, il lago Titicaca, Machu Picchu e molto altro per poi approdare nell’ultimo avamposto del continente, Capo Horn. Un’impresa coraggiosa e molto faticosa, come racconta lo stesso Fontana, che in alcuni momenti ha messo a dura prova l’auto: imprevisti che hanno richiesto la massima concentrazione e una determinazione senza eguali.

Pierluigi Fontana, erede della grande tradizione motoristica e imprenditoriale lucchese, ha sulle spalle grandi imprese che non è eccessivo definire eroiche. Suo padre, Eugenio Fontana, soprannominato Pallino, era un campione e nella sua carriera motoristica ha corso con Nuvolari, Trozzi, Brivio e Arcangeli.

Alle note, a bordo della Fiat del ’66, Fontana è stato assistito da Michele Lumbroso, fine conoscitore delle auto storiche, consigliere e commissario tecnico del Club Balestrero. L’auto, invece, era stata preparata per la traversata nell'officina di Mauro Prampolini di Carrara, tecnico esperto che negli anni ha lavorato in Ferrari e in Lamborghini.

Fontana, dunque, ce l’ha fatta, ha tagliato ancora una volta il traguardo: a lui e a tutto il suo team, vanno i complimenti di Aci Lucca, che da subito ha sostenuto e seguito con passione l’avventura del pilota lucchese. 

I commenti

Pallino era il soprannome dello zio che stava in Spagna, non del padre Eugenio

Anonimo - 23/11/2022 10:59

Gli altri post della sezione

Tre a zero

di Massimo Gramellini - co ...

E sento l'Onda

Un saluto poetico, oggi co ...

Tingerli no?

Iolai potevate anco tinger ...

I tricicli di Bove

Non servono a nulla. Vende ...