• 0 commenti
  • 08/11/2022 15:21

Sant’Anna si candida ad ottenere il Marchio Europeo dalla Commissione Europea.


Una collaborazione tra Parco Nazionale della Pace e Casa Europa Viareggio

Il Presidente del Parco Nazionale della pace Maurizio Verona: “In questi luoghi nasce l’idea di una diversa convivenza tra i popoli da cui rilanciare un messaggio di pace”


Sant’Anna di Stazzema si candida ad ottenere il marchio come sito di interesse europeo e allo scopo ha partecipato al Bando del Ministro della Cultura per ottenere il Marchio del patrimonio europeo nell’ambito della selezione 2023. Il Marchio del patrimonio europeo è un’azione speciale di Europa creativa, il programma quadro della Commissione europea per la cultura e per il settore audiovisivo e consiste nell’assegnazione di un riconoscimento a quei siti del patrimonio culturale europeo, che abbiano un particolare valore simbolico e rivestano un ruolo importante nella storia e nella cultura d’Europa o nella costruzione dell’Unione europea. Possono partecipare i siti che dimostrino il valore simbolico europeo del sito proposto, in termini di carattere transfrontaliero o paneuropeo dello stesso, di collocazione e ruolo nella storia e nell'integrazione europee e legame con eventi, personalità o movimenti chiave europei oppure, infine, di collocazione e ruolo nello sviluppo e nella promozione dei valori comuni che sono alla base dell'integrazione europea. L’ultimo sito italiano a ricevere il Marchio del patrimonio europeo, nell’ambito della selezione 2021, è stato il comune di Ventotene lo scorso aprile 2022, che si è andato ad aggiungere agli altri tre luoghi della cultura in Italia già insigniti del riconoscimento: il Museo Casa De Gasperi (Marchio nella selezione 2014), Forte Cadine (Marchio nella selezione 2017) e l’Area archeologica di Ostia antica (Marchio nella selezione 2019).

In luoghi come Sant’Anna di Stazzema”, commenta il Presidente del Parco Nazionale della pace, Maurizio Verona, “nasce la nostra Costituzione, come luogo di sofferenza e di dolore, ma non solo: nel dopoguerra sulle ceneri dei paesi distrutti nacque un’idea diversa di convivenza tra i popoli che era già in incubazione prima che le armi tacessero. La nascita delle istituzioni europee è il più grande esperimento di convivenza pacifica e collaborazione tra i popoli che trova in questi luoghi di sofferenza le sue radici. Dalla collaborazione con Casa Europa nasce l’idea di candidare Sant’Anna come luogo con il Marchio Europeo. Oggi le armi tornare a tuonare in Europa dopo la Seconda Guerra Mondiale e dopo la tragedia della Jugoslavia. Siamo fiduciosi di ottenere questo riconoscimento. La mostra “Il filo della scelta” che racconta la storia di 12 padri e madri dell’Europa che sarà al Monumento Ossario fino al 30 novembre ha proprio questo senso”.

Il Marchio Europeo del Patrimonio promosso dall'Unione Europea”, commenta il Presidente di Casa Europa Viareggio Alberto D’Alessandro, “è un riconoscimento di grande prestigio. Entrare a far parte della rete dei siti europei riconosciuti dalle istituzioni di Bruxelles sarebbe un grande privilegio per la Toscana e per il nostro Paese. Porrebbe Sant'Anna al centro del progetto europeo, non solo come un luogo di memoria e di promozione della pace ma anche come un laboratorio di innovazione e di formazione verso i giovani e un centro di promozione della democrazia e dello Stato di diritto e per la difesa dei diritti fondamentali dell'uomo, contro ogni forma di totalitarismo”. 

Gli altri post della sezione

“La Vita Non Dipende”

FRATERNITA di MISERICORDI ...