• 5 commenti
  • 16/10/2022 19:04

Il Turismo a Lucca

di C.Cristofani

Se nel 1990 i turisti erano 1990 435? milioni?, nel 2030 se ne prevedono circa 2 miliardi.

Come può una città attirare parte di questi flussi?

E come può riuscirci una piccola città, come Lucca, schiacciata tra i fondamentali poli turistici toscani di Pisa, Siena e Firenze?

Le classiche città del Grand Tour infatti non hanno bisogno di promozione, ma già pagano gli effetti negativi del turismo di massa sul loro tessuto urbano:

-prezzi eccessivi nel settore immobiliare;

-ristorazione di scarsa qualità;flussi caotici

-solo in certi punti di pregio;

-inefficiente raccolta dei rifiuti.


La domanda giusta per avviare un sostenibile sviluppo economico basato sul turismo allora è: quale tipo di turismo vuole la città per posizionarsi nel mercato turistico?


E' chiaro che viste le dimensioni della nostra non dovremo andare a cercare il povero turismo itinerante organizzato mordi e fuggi sui bus provenienti da paesi esteri . Quel turismo che sta distruggendo l'ambiente culturale e storico cittadino. Non deve essere il numero di visitatori il più grande possibile - magari per un giorno - ma la loro qualità e la loro permanenza in città. Lo si è detto centinaia di volte, dimenticando però, già noi stessi per primi, l'obiettivo che ci siamo prefissato; Il turismo a Lucca, città satura di storia, arte, cultura deve esser meta di pochi ma qualificati turisti. Non quelli che vanno sugli scalini delle chiese a mangiare la pizza od il panino, non quelli che arrivano alle 10 e ripartono alle 16. Né tantomeno quelli che arrivano per eventi musicali straordinari che durano poche ore e lasciano dietro di loro solo spazzatura. Questi eventi possono essere trasferiti in altro posto sempre vicino alla città. Ma non in città!


Lucca si deve proporre al suo target tramite nuovi strumenti di comunicazione al grande pubblico internazionale: location di film che diverranno famosi, presenza sui canali tv con documentari fatti ad-hoc per un monumento, una mostra, un evento culturale. Usare sapientemente i "travel blogger" (ricordate "Turisti per caso?) che poi descriveranno al loro pubblico la nostra città con importanti risultati, magari invitandoli per un soggiorno gratuito di qualche giorno in città (io ho un travel blog "Ricordi in Valigia" e almeno una volta al mese ricevo un invito per un soggiorno "tutto compreso" da tutte le parti sia d'Italia che d'Europa...), queste sono le nuove vie da battere per scegliere il nostro turista.

Oppure, meglio ancora, uno si affida ad un manager specializzato in turismo istituzionale  (tutta la riviera romagnola a suo tempo scelse questa via ed i risultati si vedono) che fa una specie di busines plan andando a stanare il nostro cliente ideale con gli strumenti più adatti.


All'assessore al turismo non è che possiamo affidare, senza dargli alcun aiuto, in questo compito ultraspecializzato. Altrimenti per anni ancora continueremo a parlare di quattro mesi di stagione morta, di eventi musicali di massa fortemente attrattivi che però lasciano sul territorio solo le briciole di grandi arricchimenti per pochi a discapito dell'immagine della città che passa da città storica di qualità (per ora) a città/suk in concorrenza con altre 10.000 di basso profilo e bassi prezzi.


L'evento proposto dall'assessore al turismo di portare il carnevale di Viareggio sulle Mura va proprio in questa direzione: riempire per un giorno la città di gente che viene dalla Garfagnana, dal Pesciatino e dal Pisano, magari funzionerebbe anche ma è questo quello che vogliamo? è questo che Lucca si merita?


Lucca, in definitiva, la preferisco vuota dalla gente con sandali e calzini o zaino.


Magari sarà un danno economico momentaneo ma la preserveremo per quando gli amministratori avranno deciso cosa farne ed avranno trovato le persone per definire e compiere il progetto.




ps.: se accordi di collaborazione con altre città per richiamare turismo di qualità si deve fare, lo si faccia con chi è almeno al nostro livello: una sinergia con Siena sarebbe l'ideale, per esempio, e non con Pisa che ci cannibalizza.


I commenti

Io penso che occorra il realismo di ammettere che nel 2022 delle Chiese non importa più un cavolo a nessuno. E anche Puccini insomma insomma. Finché non ci togliamo le fette di prosciutto dagli occhi e guardiamo senza alibi queste verità, non si può fare nulla.

Il turismo di alta qualità richiede gente ricca e interessata non solo all'arte e alla Storia ma esplicitamente a quelle DI LUCCA. E perché dovrebbe esserlo? La gente sembra non capire che Lucca non ha mai prodotto nel mondo niente e nessuno di veramente famoso, ok Puccini ma non è Dante Alighieri o Mozart. Io sapevo chi erano questi due già a cinque anni. Di Puccini ho sentito parlare per la prima volta da adolescente. Chiedete a qualunque americano o svizzero o chi vi pare chi è Giulio Cesare, e poi chi è Puccini. Il turista che nel 2022 porta tutta la famiglia a Lucca per una settimana è una chimera, perché richiederebbe che Lucca sia allo stesso livello di storia/arte/cultura/"carisma" di Parigi, o anche solo Roma, o anche solo Firenze. Ma Lucca non lo è. E' bella ma non bellissima. Lucca non è poco meno di Venezia, è poco più di Pisa. Ci vivo da tutta la vita e la amo, ad esempio, tutti trovano fichissime le storie sulle Crociate, lo sapevate che SanMichele era una roccaforte dei Cavalieri Templari? Ficata, eh? Io lo sapevo. Non sono un cialtrone. Ma occorre essere onesti. Sono abbastanza ricco da portare la famiglia intera in viaggio una settimana, dove vado? Di tutto il mondo, vado a... a Lucca? Vi prego, scendete dal piedistallo. Fa male ma poi si guarisce e diventa tutto più facile. A Lucca ci viene, e per sempre ci verrà, solo colui che dorme in un Bed&Breakfast da qualche parte in un prato in mezzo alla Toscana, e fa un giorno Lucca, uno Pisa (o la salta del tutto), uno Siena, uno o due Firenze, sotto l'egida del "Vacanze in Toscana". Fa questo, chi ha i soldi. Se uno viene in Toscana per una settimana non sta cinque giorni a Lucca e uno a Firenze. Giusto o sbagliato che sia, nell'epoca in cui viviamo Lucca non ha nulla che fa tendenza. La Torre di Pisa sta nei meme di statunitensi che non hanno mai attraversato l'Atlantico. Le Mura di Lucca le conosce solo chi ha avuto motivi personali di conoscere Lucca, in genere in nome dei Comics o del Summer.

Si badi: io NON sono uno degli aficionados del Summer, che secondo me è troppo invadente e andrebbe spostato fuori dalla città alla stregua dei Comics. Non sono di quelli che dicono che "per portare gente a Lucca va bene anche Blanco". Io dico proprio che Lucca è ormai una delle infinite città semi-noninteressanti di cui trabocca l'Italia, e dovrebbe avere l'umiltà e la serenità di vivere come Castelnuovo o Camaiore, buchi sperduti auto-sufficienti e senza grandi pretese.

Non è il turismo che sbriciola 1500 anni di Storia, è che di quella Storia nel mondo moderno non frega più nulla a nessuno. L'occhio del padrone ingrassa il cavallo, Lucca è bellina ma non è né una bomboniera né la seconda arrivata tra le candidate per ospitare il Louvre, è solo Lucca, un posto dove abbiamo come vicesindaco una persona con trascorsi politici di estrema destra, dove trovi lavoro solo se tuo nonno ti passa il suo, dove non esistono praticamente né pub né cinema né discoteche, dove lo shopping è polarizzato tra cineserie e vestiti così altisonanti che solo i soliti ricchi (che sono ovunque) possono comprare, e dove se vuoi qualunque cosa un minimo non-provinciale ti tocca rivolgerti ad Amazon. Nel mentre, tutto continua noioso e vuoto ogni giorno, come ovunque, perché Lucca non è Venezia, non è Ravenna, non è Roma, non è neanche Firenze, è poco più che "ovunque".

Io la amo lo stesso, ne amo ogni piccolo anfratto, ma è romantico campanilismo. Se non ci abitassi, pur essendo un grandissimo appassionato di Arte e Storia, non ci verrei. Se ho tanto torto... come mai stiamo ancora parlando del fatto che tale "turismo di qualità" non c'è? Forse, è orribile ammetterlo, ma ho ragione?

Immaginatevi di essere un turista che viene in Toscana: con Firenze a 100 Km da qui, con la Torre di Pisa, con Siena, davvero stareste TUTTA la settimana a Lucca, saltando le altre e dando giusto un'occhiatina a Firenze in un giorno o due? Chiedetevelo. Poi datemi addosso, ma prima chiedetevelo.

anonimo - 18/10/2022 15:46

lei dice "Il diritto di visitare una città lo hanno tutti, anche chi ha pochi soldi." Mi scusi ma è una ca....a . Anche l'arte è di tutti ma provi ad entrare in un museo di Pitti o Parigi o Londra e vedrà se è gratis.
Poi si ricordi che se facciamo di Lucca una città sempre piena come nei giorni dei comics (per paradosso) non solo avremo il suo turismo ma manderemo in frantumi 1500 anni di storia. La Nostra storia.
cicci

Anonimo - 17/10/2022 21:23

Bravo guaglio', ottimo articolo in cui si individua precisamente quella che dovrebbe essere la corretta linea strateggica per un turismo sostenibbile e pure più remunerativo sul lungo termine.
Pe' ffortuna che qua se fa, e se farà sempre, propriamente l'esatto contrario... He he he...
MimmoJoe Dallesandro

JD - 17/10/2022 20:58

Sono d'accordo su attuare politiche per promuovere un turismo di qualità e non mordi e fuggi, ma soprattutto un turismo non legato alla stagione. Per questo ritengo molto interessante lo sviluppo del brand Puccini, ma soprattutto la parte congressuale. Abbiamo tanti "scatoloni" vuoti da usare in proposito e che potremo utilizzare anche per i Comics invece che i brutti tendoni che stanno deturpando la città con disagi ai residenti. Mi domando come mai non si pensi ad utilizzare Lucca Crea per il recupero della Manifattura. I costi sicuramente elevati per gli allestimenti potrebbero essere dirottati in rate di un mutuo per effettuare un investimento che potrebbe dare valore alla città (ed alla stessa Lucca Crea) anche nel resto dell'anno.
Non penso che la recente iniziativa sul carnevale possa rappresentare una opportunità. Viareggio e Lucca sono due anime diverse. A Lucca servirebbe una manifestazione alla Venezia, non alla Viareggio. Le due città devono unirsi, ma nel segno della loro specificità.
Non condivido infine il giudizio totalmente negativo sugli eventi di massa e sulle gite. Le gite potrebbero essere un volano nel periodo di bassa stagione. Inoltre se Lucca ha avuto un incremento del turismo (Pisa ora è assai dietro a Lucca in pernottamenti) è anche grazie ad una immagine che si è consolidata nel tempo grazie al passaparola del turismo di massa che ha fatto da grancassa, più di qualsiasi altra promozione. Quante volte ho sentito uno straniero dirmi che era stato a Lucca in precedenza ed ha deciso di tornarci per trascorrerci più tempo!

anonimo - 17/10/2022 08:25

1. Lucca non è Toscana, per cui non può essere schiacciata dai centri toscani. Se si va nelle città toscane tutte, nessuna esclusa, hanno una fortezza. Firenze ne ha addirittura due (Fortezza da Basso e Forte di Belvedere). Lucca non ha fortezze. Lucca ha le Mura alla moderna (che gli altri non hanno). Le fortezze servivano al potere autocratico e centralista dei granduchi per controllare le città e all'occorrenza, in caso di rivolta, prenderle a cannonate. Lucca essendo una Repubblica non poteva avere cannoni puntati verso i suoi stessi cittadini. Tutto questo per dire che al turista va comunicato che visitare Lucca è un'esperienza ben diversa dal visitare una città dell'ex granducato di Toscana.
2. I turisti a Lucca sono già tanti, per cui non penso sia il caso di star a contare quelli che vanno a Firenze (e non ci vanno in quanto "meta toscana", bensì in quanto città d'arte di rilievo mondiale) o a Pisa. A Firenze e Pisa ci vada chi vuole a noi interessano quelli che vogliono fare l'esperienza di Lucca.
3. Il diritto di visitare una città lo hanno tutti, anche chi ha pochi soldi. Quindi non vedo come si possano scacciare quelli dei pullman. Quanto costa una giornata in una città turistica per una famiglia di quattro persone? Quanto costano il pernottamento per quattro, due pasti, un paio di gelati per i figli e l'ingresso a un paio di musei, più il parcheggio o il biglietto del treno? Si fa presto a far i conti, con meno di 500 Euro al giorno non ci si levano le gambe. Chi se lo può permettere per una settimana l'anno? Non certo chi guadagna meno di 3000 Euro al mese!! Per cui il fantomatico turismo di qualità è una chimera, o almeno una cosettina per pochi eletti. Non vedo quindi possibile escludere chi può spender poco (che poi è la gran maggioranza degli italiani) o introdurre pesanti tasse di accesso modello Venezia. Inoltre sul turismo dei pullman ci campano un gran numero di persone, dalle guide turistiche agli albergatori di fascia bassa agli esercizi pubblici. Non mi pare il caso di far smettere di lavorare questa gente.
4. Comunque volete i ricconi? Bene le strutture di accoglienza di alta qualità le abbiamo (molte ville in affitto), gli alberghi meno. Manca un campo di golf a Lucca e solo proporre di farlo susciterebbe il solito comitatismo d'assalto. Gli appartamenti extra lusso alla Manifattura, per esempio, avrebbero attirato ricconi, ma non li avete voluti.
5. Concordo con il fare documentari di alto livello culturale, risparmiamoci però il top manager.... ci mancherebbe anche quello!!!!
6. La carnevalata sulle Mura, Iolai, delafia, meladaiounmeladai?? Ma via! non ci andrà nessuno se non mamme lucchesi con bamboretti lucchesi!!!

Anonimo - 17/10/2022 00:23

Gli altri post della sezione