• 1 commenti
  • 03/06/2022 18:58

Lucca e le infrastrutture



La scomparsa di Lucca dai tavoli decisionali regionali e nazionali si scopre in tutta la sua desolante realtà nella recente delibera di giunta n. 95/2022 che approva laccordo sulla mobilità dellarea vasta. Il Piano della Mobilità sostenibile di area vasta Metropolitana contiene tutta una serie di azioni le cui finalità sarebbero l’ottimizzazione territoriale tra Firenze, Pisa, Lucca e Livorno.

Tutte le città hanno inserito miglioramenti e completamenti del loro quadro infrastrutturale eccetto la nostra. Ecerto da segnalare l’azionerelativa alla realizzazione dello svincolo di Lucca (parte est Mugnano) in relazione al collegamento del previsto asse nord-sud; si accetta di fatto che tutto il traffico pesante invece che al casello del Frizzone, come previsto, vada a collegarsi con lA11 nelle immediate vicinanze della Città. Se a questo si aggiunge la chiusura del casello di Lucca Est per farci un parcheggio scambiatore, è semplice il calcolo di quanti mezzi pesanti si troveranno a transitare nellarea di San Concordio per giungere a Mugnano e collegarsi allautostrada.

Sempre per il miglioramento dellArea Vasta viene riconosciuta la necessità di alleggerimento della FI-PI-LI, nata per il collegamento veloce tra le tre città. Tutto il traffico pesante proveniente dalla costa e diretto sullautostrada A1, Milano-Napoli, verrà convogliato sulla A11, cioè la nostra autostrada. Lunica infrastruttura che oggi ci consente di raggiungere Firenze con tempi ancora accettabili verrà collassata dai mezzi pesanti per lasciare la FI-PI-LI solo al traffico pendolare e per il traffico generato dalle aziende lungo il tracciato. Lucca sarà completamente tagliata fuori dai collegamenti: la ferrovia Lu-FI è del tutto inadeguata alle esigenze dei cittadini, degli studenti, dei lavoratori e dei turisti; lautostrada Firenze-Pisa, già ai limiti di capacità, diventerà un calvario. Per non parlare dellinquinamento che con questo aumento di traffico pesante ci porterà ben oltre i livelli attuali. Grazie alle scelte di questa amministrazione, Lucca diventerà la pattumiera infrastrutturale dellAlta Toscana avendo in cambio qualche corsa ferroviaria in più sulla linea Livorno-Pisa Lucca, spacciata come metropolitana terrestre.

E’ assolutamente necessario riportare la città di Lucca ai tavoli di concertazione regionali e nazionali con soggetti qualificati e competenti, in modo da far rispettare le esigenze della nostra Città in un contesto paritario di sviluppo della mobilità sostenibile.


Massimo Viviani Lista Civile

I commenti

Eh si, su questo avete piena e totale ragione. Il casello di Mugnano è un'idiozia di dimensioni cosmiche. Però dovete avere il coraggio di dire che va fatto l'asse complanare tra Lucca Est e Mugnano, unica opera capace di riordinare il traffico a San Concordio. Per il resto la mancanza di ambizioni infrastrutturali della nostra città rende conto della sua ormai totale rinuncia a svolgere un ruolo regionale per accettare di diventare periferia di Pisa. A Pisa sono felici.

Anonimo - 04/06/2022 01:05

Gli altri post della sezione

Veronesi e Cecchini

Ci fa molto piacere che il ...

Inopportuno perché ?

Perché inopportuno ?...al ...

La pagliuzza e la trave

Si apprende dalla stampa c ...

Democrazia si, ma....

no, io (e molti altri) non ...

Ex sindaco

Dopo che l'ex sindaco tabe ...