• 5 commenti
  • 30/08/2022 07:47

Le regole antibivacco

Le regole antibivacco c'erano già e sono dettate dalla buona educazione e da una interpretazione intelligente del codice civile. Tradurla per i deficienti e gli ignoranti in " non ti devi sedere sul sagrato della chiesa e fare pic-nic, non ti devi sdraiare sotto un loggiato, non devi stendere il tuo sacco a pelo sotto il monumento, non devi schiamazzare, non devi girare a torso nudo e pantaloncini ( ovvero in mutande) per il centro" purtroppo e' necessario perche' il cretinismo e la maleducazione dilaga e tanti proprio non ci arrivano a capire le regole. Pero' anche questa "traduzione per i maleducati e cretini" deve essere fatta con intelligenza. Se scrivi che non ti puoi sedere su un muretto, un vigile cretino, che ritiene di fare il suo lavoro, farà finta di non vedere lo zingaro o l'accattone che importuna i passanti, farà finta di non vedere i tavolini dei bar che una volta sinistra, una volta a destra di una strada si allargano costringendo chi passeggia a fare lo slalom, e verrà a rompere le scatole a te che ti sei seduto su un muretto dei fossi o sulle mura a berti una bottiglietta d'acqua. L'ordinanza vieta tutto, vieta troppo, e per altri aspetti non vieta nulla, e probabilmente non serviva. Quello che occorreva invece e' predisporre un controllo con agenti della municipale che educatamente facessero notare a chi sbaglia il non rispetto delle regole di educazione, e purtroppo non vedo girare nessuno. Se questi pensano che per risolvere basta fare regolamenti ed ordinanze, non credo abbiamo fatto un passo avanti.

I commenti

Su una cosa ha "ragione" l'anonimo che critica le regole antibivacco: si vieta troppo... poco. Le regole ci vogliono e quelle che vietano di RISPETTARE la città, i suoi monumenti e i suoi cittadini sono indispensabili per i maleducati e gli imbecilli. Sono le stesse regole che si dovrebbero applicare per il rispetto delle Mura e la salvaguardia della caduta dalle stesse.
Questi ultimi 10 anni i divieti c'erano ma non sono mai stati fatti rispettare: dal 2018, per esempio, il Nuovo Regolamento di Polizia Municipale prevedeva multe per l'abbandono di cicche nelle strade cittadine. Vorrei che il Comandante dei vigili ci dicesse quante ne hanno elevate , le strade del CS sono colme e le cicche sono altamente inquinanti e restano indistrutte per anni e anni.
Mi ricordo poi le bandiere per la pace e i compagni di festa sia di Rossi in Regione che di Tambellini in Comune.
Gli zingari devono essere trattati come tutti gli altri cittadini: la legge è uguale per tutti. Quindi devono pagare, per esempio, luce, e acqua e non abbandonare il loro pattume dove vogliono.
I divieti però devono essere fatti rispettare e in questi pochi giorni (65 in luglio e agosto con 35 gradi) di nuova gestione ho visto molti più PM in giro: basta un segno e la gente impara che si può incorrere in una multa e si regola; fino al 26 giugno sapevano di avere l'incolumità.
Gianna Traverso Coli

gianna - 31/08/2022 17:33

....... "...farà finta di non vedere lo zingaro......" ...... Non Le pare che la sua asserzione sia un po' razzistella???

Lo zingaro, in quanto tale, non è un delinquente a priori. Neanche un "bivaccante" a priori.

Anonimo - 31/08/2022 00:06

Quanta polemica che la sinistra sta facendo su questa legge sul bivacco non sarebbe servita se solamente questa fosse stata più attenta a salvaguardare le bellezze di Lucca con i suoi monumenti e vie e lasciando fare il proprio comodo a porci e cani non conoscendo il valore delle cose altrui.

Anonimo lucchese - 30/08/2022 23:24

Lucca è famosa in tutta Italia per essere l'unica città senza VV.UU

Anonimo - 30/08/2022 20:34

Sospetto che questi dovranno fare le ordinanze anche per la sosta sotto il cartello divieto di sosta.

... - 30/08/2022 14:12

Gli altri post della sezione

Il pulpito

"" “Non mi sembra un buo ...

Cosa farà ora Marcucci?

La non rielezione del ex s ...