• 0 commenti
  • 13/06/2024 15:09

Cordoglio per la scomparsa del professor Bernard Chevallier

Scomparso il direttore onorario dei Musées Nationaux de Malmaison et Bois-Préau, massimo esperto di storia napoleonica a livello internazionale, membro del direttivo dell’associazione “Napoleone ed Elisa”, Bernard Chevallier

 

L’associazione “Napoleone ed Elisa: da Parigi alla Toscana” esprime tristezza e cordoglio per la scomparsa di Bernard Chevallier, direttore onorario dei Musées Nationaux de Malmaison et Bois-Préau, massimo esperto di storia napoleonica a livello internazionale, che da anni coltivava un legame di studi con Lucca e l’associazione, come membro del consiglio direttivo.

L’ultima volta che ha visitato la nostra città è stata in occasione dell’inaugurazione della mostra “Le lettere di Elisa: così governava la Principessa di Lucca” nel Complesso di San Micheletto della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, nell’aprile 2023, per la quale aveva trascritto tutte le lettere e firmato due saggi in catalogo. Nel 2019 aveva partecipato agli studi sulle due colonne appartenute al teatro di Elisa Bonaparte Baciocchi, di proprietà della Provincia di Lucca, restaurate a cura dell’associazione grazie al sostegno di Banco BPM e del Rotary Lucca, oltre che della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

“Nato nel 1943, prima tentato dalla storia medievale, le ha preferito i secoli XVIII e XIX dei quali era divenuto uno dei più grandi specialisti in arredi e oggetti d’arte – scrive la Fondation Napoléon nel ricordarlo -. Superato il concorso per curatori del patrimonio nel 1971, ha trascorso gran parte della propria carriera nei luoghi napoleonici per eccellenza: conservateur-adjoint (1980) conservateur (1989) poi directeur des Musées nationaux de Malmaison et Bois-Préau (1997-2008), della Maison Bonaparte d’Ajaccio e del Musée napoléonien de l’île d’Aix. Aveva contribuito non poco alla modernizzazione e alla visibilità di queste istituzioni, nelle quali aveva organizzato un gran numero di mostre espositive. Dopo la pensione aveva proseguito l’attività, in particolare per la grande mostra “Napoléon” a La Villette nel 2021.” Autore di numerose pubblicazioni per il grande pubblico, ha contribuito in modo determinante all’indagine storica sull’epoca napoleonica.

Gli altri post della sezione

SORELLA FOLLIA

Sabato 27 luglio alle ore ...

chi se ne deve occupare ?

feste festine e festicciol ...

Povero centro storico!!!

Rifiuti abbandonati, sporc ...

viale Europa

Passa il tempo, passano gl ...