• 5 commenti
  • 27/11/2023 16:00

Campagna di odio del “Fatto quotidiano” di Travaglio Putin e Conte contro Zelensky


Fin da quando l'armata neonazista di Putin ha invaso l'Ucraina, “Il Fatto Quotidiano” diretto da

Marco Travaglio si è distinto tra la stampa italiana quale organo di riferimento dei filo putiniani più

sfegatati, alimentati innanzitutto attraverso gli editoriali del suo direttore e di altri membri della

redazione, sia ospitando costantemente gli interventi di alcuni tra i massimi esponenti di questa

posizione, come l'ex generale Fabio Mini, il docente dell'Università Luiss della Confindustria

Alessandro Orsini e l'ex ambasciatrice Basile, che con le loro posizioni ambigue portano acqua al

mulino del nuovo zar, dipingendo Zelensky come una caricatura, con le stesse responsabilità di

Putin se non maggiori per lo scoppio della guerra.

A prescindere dei vari approcci editoriali studiati in base alle varie fasi che il conflitto ha

attraversato in questi mesi, il direttore Travaglio ha martellato sulla tesi copiata da Putin in persona

quando aggredì militarmente l'Ucraina, ossia che l'invasione russa deve essere considerata come una

conseguenza inevitabile della politica ostile della Nato, del riarmo dell'Ucraina e del suo rifiuto di

trattare sull'autonomia del Donbass e sulla Crimea. E mentre giustifica Putin, ha avviato una

vergognosa campagna di discredito della Resistenza ucraina e personalmente di Zelensky, dipinto

dapprima come un ex comico improvvisatosi primo ministro, poi come un insopportabile

questuante di armi e di aiuti internazionale e infine come un leader fallito e perdente in perenne

conflitto coi suoi generali. A suo dire il governo Zelensky dovrebbe rassegnarsi quanto prima alla

cessione di suoi territori, se vuol far finire la carneficina e le distruzioni belliche, delle quali è

ritenuto responsabile al pari di Putin.

Non è un caso che Il Fatto sia da sempre in prima linea nel rilancio della parola d'ordine “pace e

negoziati subito”. L'ostilità nei confronti di Zelensky, dell'esercito e della Resistenza ucraina si è

poi ingigantita con la ferma opposizione all'invio delle armi all'Ucraina. Dopo aver fatta sua la

narrazione putiniana secondo la quale il primo obiettivo dell'invasione russa era la cosiddetta

“denazificazione” dell'Ucraina, ora in modo subdolo e vigliacco cerca di alimentare la resa, il

disfattismo e la rinuncia alla liberazione, sovranità, indipendenza e integrità territoriale dell'Ucraina.

Il 15 novembre ha addirittura dedicato due pagine centrali ad una accozzaglia di articoli che hanno

questa finalità, sotto il titolo di scatola: “Ora tutti mollano Zelensky anche a Kiev”. Rilanciando un

articolo apparso sul Time a firma di Simon Schuster, presenta uno Zelensky testardo, che non

ascolta i sui esperti militari, e che si ostina a rifiutare - sulla pelle degli ucraini - un accordo coi

russi sebbene da diverse parti del mondo si prema per farlo.

Kiev in risposta all'articolo del Time, ha accusato giustamente Schuster di fare “propaganda russa”

e di aver addirittura considerato attendibile come sua fonte principale l’ex consigliere destrorso del

presidente Oleksiy Arestovych, che ora ambisce a diventare suo rivale alle urne e lo ha definito

pubblicamente “dittatore”. Nonostante le smentite dell'autore, Schuster avrebbe spacciato per

neutrali le informazioni rilasciate da chi concorrerà contro Zelensky appena saranno indette le

elezioni. Un conflitto di interessi non da poco.

In ogni caso, è evidente che Il Fatto accredita qualunque voce getti pessimismo e discredito sulla

controffensiva ucraina, attribuendole la riconquista di appena 17 km negli ultimi mesi, il che

significherebbe comunque che l'esercito e la resistenza ucraina non arretrano, ma avanzano seppur

lentamente, nonostante la schiacciante supremazia militare russa.

Addirittura accusa Zelensky della morte di Chesyakov, assistente del magnate Poroshenko vincitore

delle elezioni del 2014 e poi sconfitto da Zelensky proprio nel 2019, che è rimasto vittima di un

pacco bomba in occasione del suo compleanno, senza che ve ne sia la benché minima prova.

Un'operazione sporca che dimentica volutamente che tutto ha origine dall'invasione russa di un

Paese sovrano e insinua dubbi e calunnie proprio su Zelensky, leader della Resistenza: “Ieri icona

intoccabile, omaggiata in ogni Parlamento del blocco occidentale, che arrivava e ripartiva tra

lacrime, promesse, code di applausi e scie interminabili di standing ovation; ora tutto è più

silenzioso, eppure Zelensky non cambia versione sulla fine del conflitto: bisogna far arretrare i russi

ai confini del 1991, ma con Israele in guerra, è costretto a scoprire dolorosamente che la sua patria

non è più una priorità oltreoceano.” Come giustificare quest'odio viscerale verso il premier ucraino?

Verso colui che ha il merito storico di non essere fuggito a gambe levate per salvarsi la pelle e di

aver invece resistito eroicamente assieme al suo esercito e alla popolazione in armi alla forza d'urto

dell'esercito neozarista delle prime settimane, mandando all'aria la guerra-lampo che era nei piani di

Putin, quando ancora dall'estero non era arrivato neanche un fucile? Evidentemente il “Fatto

quotidiano ” di Travaglio, Putin e Conte ha accumulato verso Zelensky lo stesso odio e la stessa

bile che rodono il nuovo zar per non essere riuscito a rovesciarlo con un governo fantoccio e a

impadronirsi dell'intera Ucraina.

L'appoggio fattivo a Putin porta il fogliaccio di Travaglio addirittura ad accreditare come

significative, per dimostrare che anche gli USA starebbero scaricando Zelensky, le dichiarazioni dei

repubblicani Vilek Ramaswamy e di Tim Scott che chiedono conto dei dollari impiegati per

finanziare armi a Kiev; eppure Travaglio sa bene che oggi la superpotenza imperialista USA è

governata dai rivali “democratici” e sa bene qual è gli stretti legami anche personali che esistono fra

Trump, i repubblicani e il neozar Putin. Ma Il Fatto non si limita a mostrare un quadro politico

interno estremamente negativo per l'Ucraina che dovrebbe affrettarsi a trattare. A suo dire la fine

della fornitura di armi e munizioni a Kiev sarebbe imminente.

A rincarare le dosi ci pensa un secondo articolo dal titolo “Le munizioni UE col contagocce e pure

in ritardo”. Nel quale si sostiene che a breve Zelensky, il suo esercito e la resistenza all'invasore

russo dovranno cavarsela da soli, poiché oltre agli USA, anche tutta la comunità internazionale

sarebbe a un passo dal voltargli le spalle e lasciarlo da solo a resistere all'esercito neozarista.

E infine un terzo articolo dal titolo: “Controffensiva bloccata ad est. Gli ucraini ora arretrano”; nel

quale si legge che non ci sono rinforzi, che la controffensiva è ferma già da prima dell'arrivo del

“generale inverno” e che Kiev è di nuovo tornata ad essere presa di mira dai missili russi. E ancora:

“Il campo di battaglia sta diventando una immane sofferenza per gli ucraini”, come se la sofferenza

fosse legata alle difficoltà della resistenza e non dall'aggressione neozarista che da oltre un anno e

mezzo sta radendo al suolo un Paese sovrano come l'Ucraina. La fine delle sofferenze potrebbe

essere soltanto la resa di Kiev o, al massimo, l'avvio di una trattativa che consenta a Putin di

impossessarsi definitivamente dei territori che ha occupato militarmente senza averne il diritto, e

che sono costati oltre mezzo milione di morti, inclusi i civili innocenti.

Tale campagna di odio del Fatto di Travaglio Putin e Conte contro Zelensky conferma che questo

quotidiano è ormai da tempo l'organo ufficiale dei filo-putiniani e dell'imperialismo neozarista nel

nostro Paese.

22 novembre 2023

(Articolo de “Il Bolscevico”, organo del PMLI, n. 42/2023 e pubblicato sul sito www.pmli.it)


---

redazione: articolo pervenuto direttamente da PMLI

I commenti

Una guerra è meglio vincerla che perderla e meglio anche pareggiarla che perderla. Questo lo sanno anche gli ucraini che semmai andranno accompagnati al negoziato e non certo "forzati". Anche perché non ho mai visto risolvere le guerre "forzando" al tavolo della pace la parte aggredita. Anzi direi che bisogna essere senza faccia (per non dir peggio) per attribuire all'Ucraina la responsabilità della guerra quando, lo sanno anche i sassi, nel 2014 la Russia ha invaso Donbas e Crimea.

Anonimo - 01/12/2023 01:24

Eh, oh, si può amare qualsiasi cosa, perfino Travaglio che è uno dei più grandi st..... che esistano sulla faccia del pianeta! L'amore è cieco.

Anonimo - 01/12/2023 00:38

invece ê quella che viene fatta contro un giornale - Il Fatto Quotidiano - che ha come scopo di RACCONTARE LA VERITÀ e di scoperchiare gli ALTARINI della politica italiana, contro il pensiero mainstream generato da certi poteri e interessi economici DI PARTE.

Il FQ come propugnatore di EDUCAZIONE CIVICA, contro il degrado della politica italiana che tutti vediamo.

Clamorosa la desertificazione culturale e l'espulsione delle voci "contro" operata sulla RAI, nonché l'attacco continuo e incessante ai pochi programmi di VERA INFORMAZIONE come Report.

Questi poteri fanno e disfanno tutto a loro piacimento e infatti la vita per tutti noi sta peggiorando sempre più, maggiori spese, inflazione, guerre, arroganza delle istituzioni, logiche di mercato che irrompono OVUNQUE e inquinano TUTTO ecc..

Il VERO ODIO è quello CONTRO Travaglio e il Fatto Quotidiano, ovvero verso chi ti vuole svegliare dal bel sogno mainstream: non sono odio le invettive -per esempio quelle del M5S- contro chi ci rovina anno dopo anno la vita e il ns. potere di acquisto.
Ma questi STRONZI hanno vita facile, perché l'italiano medio preferisce vivere nel bel sogno senza pensare né approfondire, e odiare chi si mostra migliore di lui e gli dice la scomoda verità.

O ci rendiamo conto di tutto questo, o il mal voluto non sarà per noi mai troppo.

anonimo - 30/11/2023 09:13

Ahahahahahahahahahahahaahahahahhahah....
Un post di sesquipedali cazzate...e dà pure del "giornalaccio" al FQ,
quando invece Il Bolscevico a ben vedere che roba sarebbe?

È ormai chiaro e ben dimostrato come i neonazisti stiano a Kiev (es: battaglione Azov), siano alleati del "mitico" Occidente cioè noi, e abbiano tartassato le regioni filorusse del Donbass fin dal 2014 e anche prima.
Ci furono pure più servizi RAI del 2014 che raccontavano le efferatezze degli ucraini di destra compiute sugli abitanti filorussi del Donbass.

Malgrado tutte le menzogne che ci raccontano, la guerra dell'Ucraina è persa, perché quando una superpotenza atomica come la Russia -STRONZA anche lei-, ti invade per difendere il suo "giardino di casa", non hai scampo: la speranza degli USA è che l'Ucraina diventi per la Russia un pantano come lo fu l'Afghanistan, ma a quale costo umano? Quante vite ucraine dovranno essere stroncate, prima che gli USA e la Russia, entrambi imperialisti, siano soddisfatti?

Infine noi e l'Europa.
INESISTENTI.
SUCCUBI.
Alla mercé degli USA e dei loro interessi, al punto che confermata la notizia che il gasdotto Nordstream che ci approvigionava di gas russo è stato fatto saltare DAGLI UCRAINI STESSI (con l'appoggio degli USA, ovvio), cosa che ci ha costretto ad una grossa crisi energetica che stiamo ancora scontando e a comprare il gas dagli USA stessi -guarda un po' - e da altre fonti non troppo convenienti, nessuno ha mosso foglia e continuiamo pure a fornire armi all'Ucraina: tale "attacco" al gasdotto che è STRATEGICO per diversi paesi NATO, da parte di un paese NON NATO come l'Ucraina, come dovremmo inquadrarlo? È un attacco ad alcuni paesi NATO, no?

Vedete che paradossi saltano fuori quando si usano due pesi e due misure?

L'unica soluzione LOGICA per noi "sottoposti" e per risparmiare vite ucraine, è cercare di stoppare questo massacro inutile forzando l'Ucraina al tavolo della pace...ma non si farà, perché questo è un mondo governato dalle nazioni-bullo che possiedono le armi atomiche (USA, Russia, Cina, ISRAELE, ecc.) e che dunque se ne fregano di ogni definizione, regola, legge, trattato, o risoluzione ONU e fanno quello che vogliono, uccidendo e massacrando chi vogliono.
Cerchiamo se non altro di stare dalla parte DELL'UMANITÀ e non dalla parte degli aguzzini a vario titolo.

anonimo - 30/11/2023 08:58

In Ucraina la situazione è difficile, ma non certo per via dell'economia distrutta, dei missili che arrivano, o cose del genere. A queste cose la popolazione è abituata e resiste a fronte altissima. Di armi ce ne vorrebbero sempre di più, ma anche lì, per ora, quelle arrivate sono bastate per resistere. La situazione è difficile perché i morti al fronte sono tanti. Meno di quelli che hanno i russi, ma comunque tanti. Probabile che la trattativa con cessione di territorio vada fatta, ma ovviamente la posta in gioco non è la perdita di territorio. Per il porco che governa a Mosca il territorio è stato ed è solo un pretesto. Per cui si dovrà vedere se il porco sarà costretto a far finta di vincere accontentandosi delle annessioni, ma ovviamente lasciando l'Ucraina libera ed indipendente, oppure se pretenderà molto di più. Intanto Travaglio e amici sentono l'odore del sangue e si preparano a celebrare la vittoria, qualunque essa sia. Anche se l'Ucraina restasse indipendente, loro celebrerebbero la vittoria nello stesso modo in cui lo faranno a Mosca e San Pietroburgo. Uno schifo. Un troiaio.

Anonimo - 28/11/2023 02:19

Gli altri post della sezione

Arroganza

L'Amministrazione comunale ...

Chi dice il falso?

Chi dice il falso? Due ...

Campi sportivi

Chiedo per il nostro noto ...

le antenne a Pontetetto

In data 23/02/2024 gli abi ...