• 9 commenti
  • 23/11/2023 19:05

Caro Sindaco Pardini,


Caro Sindaco Pardini,

con la presentazione del progetto lo scorso 28 settembre ci avete fatto sapere che il Comune ha già deciso che nell’area Gesam ci verrà fatto, oltre il restauro del Chiesone, l’asilo nido e le abitazioni per le giovani coppie. Prima ancora che, agli inizi di ottobre, iniziasse il sondaggio che il Comune ha commissionato alla prestigiosa Demopolis, il consiglio comunale aveva già affidato, il 16 settembre, l’intera gestione del progetto e la esecuzione dei lavori ad Erp, che già aveva fatto le progettazioni del piano PinQua, in gran parte simili al progetto che avete presentato.


Allora perché ci volete ora coinvolgere in un sondaggio preconfezionato con domande, se non tutte, molte, “alla Catalano”, perché è ovvio che non ci sarà nessuno che dirà che non vuole spazi riqualificati, verde, meno traffico, locali per le associazioni, asili nido e abitazioni per i giovani, queste ultime domande vagamente retoriche, il cui risultato collimerà inevitabilmente, speriamo di essere smentiti, con quello che già avete deciso? Al massimo con piccole ininfluenti variazioni. Invece tutti sanno, a S.Concordio, che non c’è posto meno adatto dell’area Gesam, per collocarvi un asilo nido e nuove abitazioni.


E poi perché poi il sondaggio lo avete presentato a Pontetetto ed oggi, sempre a Pontetetto, ne pubblicherete i risultati? Non è mai accaduto in passato, nemmeno una volta nella storia della città, che progetti riguardanti il quartiere di S.Concordio fossero presentati a Pontetetto: se guardiamo tutte le date e relativi luoghi degli incontri tra Amministrazione e cittadini, riguardanti progetti a S.Concordio, degli ultimi 30 anni, vedremo non ve ne è mai stato nemmeno uno che si è tenuto nel “paese” di Pontetetto (le associazioni di cittadini presenti a Pontetetto hanno sempre tenuto a chiarire che si ritiene più “un paese” che un “quartiere” della città, come è invece S.Concordio).


Finora quindi, e da 30 anni a questa parte, tutti gli incontri, le riunioni e le assemblee pubbliche che la Amministrazione Comunale ha tenuto con i cittadini di S.Concordio si sono svolte o presso la sala della sede della ex Circoscrizione 7 in via Urbiciani, o nella sua “palestrina” o nella palestra delle scuole medie o nell’aula magna delle scuole elementari, entrambe in piazzale Moro, o nei locali del teatro della Parrocchia di S.Concordio, in via Guidiccioni. Si è trattato sempre di locali di proprietà comunale a S.Concordio, con la sola eccezione dei locali della parrocchia, e soprattutto si è trattato di luoghi familiari che i cittadini di S.Concordio erano abituati a raggiungere a piedi. Pontetetto è un "paese" che non ha niente in comune con il quartiere di S.Concordio: non la parrocchia e le sue funzioni, non il cimitero, non la scuola di infanzia, non i parchi gioco, e le due associazioni di questo paese non si sono mai confuse con quelle del quartiere di S.Concordio, per le grandi differenze che ci sono tra queste due realtà.

E’ come se, per presentare un nuovo parco giochi a S.Angelo in Campo, il Comune facesse l’assemblea di presentazione alle Vele di  S.Donato: è vero, sono vicini, appartengono alla ex Circoscrizione 3, ma non hanno nulla in comune, e agli abitanti di S.Donato di un parco gioco a S.Angelo in Campo non gliene può importare nulla, così come per gli abitanti di Pontetetto, cosa vogliano fare alla Gesam, nella parte centrale di S.Concordio, è di nessuno o pochissimo interesse, se non per motivi di partigianeria politica. E bastava vedere le presenze all’incontro del 28 settembre, per capirlo.


Rileviamo inoltre, facendo parte di un comitato di S.Concordio, che la maggior parte degli aderenti di questo comitato deliberatamente non ha risposto al questionario, che poneva domande ritenute “assurde”, “che non li rappresentava”, ”retoriche”; in diversi hanno inviato mail all’indirizzo dedicato, ma i contributi non sono stati resi pubblici. Pare che solo un soggetto del Comitato, oltre a chi scrive, sia stato inserito nel  campione rappresentativo costituito da 200 persone. In virtù di questo inserimento a questo soggetto è stato inviato il secondo questionario, che però non ha compilato né restituito, con la motivazione, appunto, che “le domande non la rappresentavano”. Chi scrive invece, ha compilato, in estremis, anche il secondo questionario, ma solo dopo non pochi contatti diretti con Demopolis per capire che era finito negli "spam".


Quanti sono veramente, nel campione rappresentativo e anonimo di 200 persone, i residenti di S.Concordio, e non anche di Pontetetto o di altre zone della città? E tra questi 200 anonimi chi aveva un’idea appena più che approssimativa di cosa fosse l’area Gesam?? E’ come se lo Stato italiano, dopo aver fatto il referendum sul divorzio, che ha visto favorevole la maggioranza degli italiani, facesse, un mese dopo, un sondaggio sul 3% della popolazione, e ne prendesse per buono il risultato anche se da questo risultasse che gli italiani sono contrari al divorzio! Sappiamo che questo paradosso non ha alcuna scientificità e statisticamente è una enorme scempiaggine, ma la sua intenzione era di sottolineare il fatto che a S.Concordio ci sono state due recenti petizioni, nel 2020 e nel 2021, firmate da 1.400 cittadini che ci hanno messo nome, cognome, indirizzo e mail, che hanno detto di non volere la costruzione della Piazza Coperta.


Alla precisa volontà espressa da 1400 cittadini che ci hanno messo la faccia viene contrapposto oggi un sondaggio con un campione rappresentativo di 200 persone “anonime” alle quali è stato chiesto, tra l’altro, come “armonizzare” la Piazza Coperta. Ma armonizzare cosa! Non ci sarà mai alcuna vera riqualificazione dell’area Gesam, finchè ci sarà la Piazza coperta, e ci saranno invece duplicazione, sovrapposizione e ingolfamento di funzioni pubbliche e dei relativi costi, per tacere dell’impatto ambientale.


D’altra parte il fine del sondaggio sembra essere proprio questo, e il sindaco lo ha fatto capire neppure tanto velatamente nell’incontro del 28 settembre: acquistare il consenso su nuove abitazioni e asilo nido e dimostrare che i comitati e con essi le 1.400 persone che con nome e cognome nel 2020 e 2021 hanno firmato le petizioni contro la costruzione della Piazza Coperta (petizioni cui peraltro la passata Amministrazione non ha mai risposto) non sono rappresentativi, mentre un campione di 200 persone anonime (alcune delle quali presumibilmente non sanno nemmeno di preciso cosa sia l’area Gesam), ma costruito con l’esperienza e la grande competenza e affidabilità di Demopolis, sicuramente lo è.


Per questi motivi, per la scelta inopportuna di fare i due incontri a Pontetetto, per la verifica della costruzione del campione rappresentativo, per la scelta e la formulazione delle domande, il Sindaco dovrebbe avere l’onestà intellettuale di riconoscere che la sua Amministrazione ha concepito e predisposto questo sondaggio in maniera non proprio ottimale, che ha il valore che ha e che forse andrebbe rifatto da capo. Soprattutto dovrebbe scusarsi con Demopolis per averle affidato un incarico sulla base di un “brief” perlomeno inesatto.


Lettera firmata C.M.

I commenti

secondo me sanno che in queste riunioni non possono dire niente di non gradito e che le  riunioni servono solo per far fare il comizietto al "politico" di turno.
Possono raccogliere anche il 95% delle firme della popolazione ma finirinanno comunque nella stufa perchè hanno già deciso cosa fare ed ogni voce da noia. Come ha fatto Tambellini

Anonimo - 26/11/2023 10:36

Se non ci sono andati perché non gli va bene il sondaggio e tutto il resto hanno fatto bene, se non ci sono andati perché è stato fatto a 800 m di distanza, allora sono sonati.

Anonimo - 26/11/2023 02:07

Ma le abitazioni saranno disponibili anche per giovani coppie omosessuali, vero? O, di nuovo, la giunta metterà in campo le sua nota vocazione alla discriminazione?

Vladimir - 25/11/2023 13:25

Giovedì sera a Pontetetto, ove venivano presentati i risultati del sondaggio di gradimento di quello che il Comune vuol fare nell'area Gesam a S.Concordio, c'erano 7 cittadini di S.Concordio, di cui 4 del famigerato Comitato, ed hanno fatto male ad andarci, perché in questo tipo di "percorso partecipativo", consistente in due sole riunioni, una di presentazione, una di rendicontazione, a breve distanza l'una dall'altra, la presenza dei cittadini è un inutile ingombro, al massimo un orpello: potevano farla anche sulla Luna, era lo stesso.

Io c'ero - 25/11/2023 12:52

Non faccia paragoni a biscaro sciolto!! Castelnuovo è a 50 Km da Lucca! Pontetetto è a 800 m da San Concordio. Se il Consiglio Comunale, invece che a Palazzo Santini lo fanno a 800 m di distanza che cambia?? Per esempio se lo fanno in piazza San Ponziano, proprio a 800 m da palazzo Santini, che cambia????

Anonimo - 25/11/2023 06:02
@

CM ? chi sei???

io - 24/11/2023 11:57

Non entro nel merito della questione ex area Gesam. Ho anche io alcune perplessità su un intervento in una zona già congestionata, per la quale è necessario - prima di ogni ragionamento - liberarla dal traffico di attraversamento.
Questo articolo però è redatto da qualcuno che non sa nulla di statistica. Per avere una evidenza della volontà popolare è più corretto l'esito di un sondaggio su un campione casuale e anonimo di 200 persone piuttosto che da 1.400 firme, che però rappresenta una sola fetta dell'intera popolazione.
Per carità, il Comitato doveva essere assolutamente ascoltato e le denunce della precedente amministrazione sono state vergognose. Comunque per chi non conosce la statistica e le metodologie statistiche faccio notare che la non rappresentatività delle 1.400 firme di questo Comitato è evidente alla luce del risultato della lista Cecchini alle recenti elezioni.

anonimo - 24/11/2023 10:05

che abbiano perfettamente ragione. Vorrei vedere cosa ne pensa se il comune facesse un consiglio comunale aperto a Castelnuovo Garfagnana.... vorrebbe dire che non voleva che i lucchesi ci andassero - in questo caso gli abitanti di S.Concordio a Potetetto - Avranno pensato di fare l'assemblea in area neutra per paura che ci fosse troppa gente di S.Concordo

Anonimo - 24/11/2023 08:20

.....Ci mancava solo il nazionalismo "Sanconcordiotto"! La Mei non vuol avere nulla a che fare con Pontetetto!!!! Casso, che notiziona!! Di questo passo, presto, il comitato di San Concordio proporrà di costruire un bel muro al confine con Pontetetto. Pontetetto raus!

Anonimo - 24/11/2023 06:03

Gli altri post della sezione

GEAL, pubblica, o no ?

Stefano Pierini, eletto al ...

Sarebbe bello

Sarebbe bello poter legger ...