• 3 commenti
  • 10/07/2022 16:26

MANIFESTO POLITICO DI ALTERNATIVA PER L’ITALIA

ALTERNATIVA PER L’ITALIA è un movimento politico che nasce per dare risposte nuove ai problemi dell’Italia, quelle risposte che sono evidenti e logiche, ma che nessuno ha il coraggio di affermare apertamente. ALTERNATIVA PER L’ITALIA ha tre principi fondamentali : Democrazia parlamentare; Riconquista della sovranità nazionale e della capacità legislativa; Salvaguardia della costituzione del 1948. La democrazia è quello che ha permesso all’Italia di crescere per 50 anni. Quindi questa è stata sacrificata sull’altare della “Governabilità” e dell'”Europa”, ma la democrazia è l’unica espressione del potere per il popolo, che , comunque, si è dimostrato nei fatti lo strumento di governo più equilibrato e più favorevole alla crescita ed al benessere dei cittadini. Una delle sovranità essenziali da recuperare è la sovranità monetaria, ma non è la sola. Lo Stato è l’unica espressione della democrazia e quindi deve riprendere la propria centralità- La costituzione del 1948, con il proprio contenuto sociale, è stato il cuore della crescita sociale del paese. Il suo contenuto deve tornare ad essere centrale e si deve giungere alla sua completa realizzazione. Siamo contrari agli stravolgimenti ed alle semplificazioni forzate. Alternativa per l’Italia nasce da una iniziativa di un gruppo di amici che si ritrovavano sul blog di economia scenarieconomici.it La loro comunanza di idee e la necessità di esprimere la realtà dei fatti ha dato scintilla iniziale ad ALI. Alternativa per l’Italia non si pone nè a destra nè e a sinistra, divisione che vede strumentale ed espressione dell’arma di distrazione di massa che è la comunicazione moderna. L’unica finalità è il benessere dei cittadini e la loro crescita sociale, politica ed economica. Segretario politici di Alternativa per l’Italia è il professor Antonio Maria Rinaldi. ECCO IL MANIFESTO POLITICO DI ALTERNATIVA PER L’ITALIA. SE CONDIVIDETE LE NOSTRE IDEE POTETE ADERIRE CHIEDENDO IL MODULO A segreteria@alternativaitalia.it. Vi invieremo il modulo. 1) Ripristino delle originarie garanzie costituzionali così come previste dalla Carta del ’48; 2) Perseguimento dell’obiettivo di massima soddisfazione delle esigenze della comunità, con il solo limite del raggiungimento della piena occupazione; 3) Priorità degli interessi del cittadino e del sistema delle imprese per mezzo del perseguimento di specifiche e idonee politiche economiche. 4) Primato del diritto nazionale su quello comunitario in attesa dell’uscita dall’Unione Europea; 5) Riscatto e ripristino delle Sovranità nazionali cedute con il rispetto parimenti di quelle degli altri Stati; 6) Puntuale verifica immediata delle normative europee in contrasto con l’interesse nazionale e conseguente abrogazione di quelle che risulteranno di nocumento; 7) Rilancio della politica estera italiana al fine di perseguire ruoli attivi e non più passivi nello scacchiere internazionale con particolare attenzione all’area mediterranea; 8) Abrogazione immediata del principio del pareggio di bilancio in Costituzione (art. 81); 9) Istituzione di una Commissione d’inchiesta indipendente per la verifica dei comportamenti dei politici e dirigenti dello Stato in relazione all’adesione all’Unione Europea, all’euro e ai Trattati Internazionali e valutazione dei profili di tradimento contro la personalità dello Stato; 10) Uscita dall’Unione Monetaria e dall’Unione Europea con ripristino di una nuova moneta sovrana grazie al supporto della Banca Centrale Pubblica le cui quote siano detenute direttamente dai cittadini italiani e revisione del sistema giuridico bancario italiano con l’interdizione all’operatività alle istituzioni bancarie che non rispettino la forma della separazione fra attività commerciali e d’investimento (Glass-Steagall act). Nelle more dall’uscita dell’euro, emissione di “biglietti di Stato”, moneta elettronica e metallica ad esclusiva circolazione nazionale. Promuovere iniziative comuni con altri paesi europei per uno smantellamento concordato dell’euro e dell’Unione Europea. 11) Abolizione dei privilegi della classe politica, iniziando dall’istituto dei Senatori a vita e dalla revoca degli attuali. Istituzione del principio che l’emolumento dei parlamentari sia determinato dalla media delle dichiarazioni dei redditi presentate ed accertate relative al triennio precedente all’elezione. 12) Ritorno al sistema elettorale proporzionale per ripristinare la piena rappresentatività dei cittadini nel Parlamento. 13) Ribilanciamento del ruolo di coordinamento e controllo dello Stato sull’economia. (artt. 41-47 Costituzione). 14) Nazionalizzazione dei servizi pubblici ritenuti essenziali e delle aziende d’interesse strategico nazionale; 15) Politiche industriali che amplino e sviluppino i settori di produzione in Italia e contrastino la delocalizzazione degli impianti produttivi, ricreino le filiere produttive, anche con la ricostituzione dell’Istituto per la Ricostruzione Industriale (I.R.I.) al fine di fornire i capitali alle aziende italiane in crisi e garantire l’occupazione; 16) Ripristino legalità in tema di immigrazione clandestina e programmazione dei flussi migratori con la promozione di negoziati internazionali; 17) Imposizione fiscale in funzione dell’effettiva capacità contributiva, cioè del reddito effettivamente prodotto, costituzione Commissione d’inchiesta indipendente per appurare eventuali soprusi, abusi e vessazioni dell’Agenzia dell’Entrate e delle istituzioni preposte alla riscossione dei tributi. 18) Introduzione del principio che i dirigenti, funzionari ed impiegati delle Amministrazioni Pubbliche devono essere responsabili degli adempimenti dei cittadini al fine di separare nettamente la illegalità dalla irregolarità; 19) Identificazione di una linea di comportamento sui temi della prostituzione, delle sostanze stupefacenti e del gioco d’azzardo che salvaguardi il decoro delle città, l’educazione dei minori e la crescita dei valori umani e del suo rispetto. 20) Tutela e sviluppo della cultura italiana, dell’arte, della letteratura, della musica, del comparto agro-alimentare-zootecnico, delle tecnologie, delle competenze acquisite, ai marchi del Made in Italy, con particolare attenzione nei riguardi delle specificità, delle eccellenze e delle tradizioni locali, in quanto considerate patrimonio inalienabile e non sostituibile del Paese. 21) Riforma del sistema giudiziario italiano con il ripristino della progressione nelle carriere mediante concorso, depotenziando in questo modo la politicizzazione delle correnti associative. 22) Promuovere la difesa del territorio, la tutela del paesaggio e la sua valorizzazione, la qualità della vita dei cittadini intervenendo con specifiche normative ambientali, alimentari e di salvaguardia della sicurezza e della salute. 23) Collaborazione con tutte le altre forze politiche che perseguono gli stessi obiettivi.

I commenti

Toh ! ... E' soffiato un refolo di brezza e la Fiamma tricolore si è divisa tremolando in tre linguette...
O non mi volete mica far credere che si tratta di un fiorellino bianco, rosso e verde?

JD - 12/07/2022 12:50


Il nome è ispirato al partito di estrema destra tedesco Afd, e tra i punti principali ci sono i No a Draghi, all’obbligo vaccinale e alle politiche europeiste

In comune hanno in primis l’avversione per tutto ciò che è legato all’Unione europea. Dalla Commissione di Ursula von der Leyen a Mario Draghi, fino ai vaccini anti-Covid che l’Ue ha fornito all’Italia. E da domani faranno di quest’avversione comune uno dei principi ispiratori del loro nuovo partito. Parliamo di Mario Adinolfi, giornalista e fondatore del partito cattolico Il Popolo della Famiglia, e di Simone Di Stefano, fuoriuscito dal movimento di estrema destra Casapound e padre di Exit, fronte di strenua contestazione dell’obbligo di vaccini e Green Pass.


Si chiamerà Alternativa per l’Italia: un nome ispirato a quello del partito tedesco di estrema destra, Alternative fuer Deutschland. Sarà un partito d’opposizione a Mario Draghi: secondo fonti di stampa citate da La Repubblica, sotto il simbolo del nascituro partito i due fondatori avrebbero voluto inserire la scritta «No Draghi». «Ma il funzionario dell’ufficio elettorale ha spiegato ad Adinolfi e Di Stefano che non sarebbe stato possibile, salvo che l’interessato non li avesse espressamente autorizzati», scrive oggi Francesco Bei su La Repubblica. I due hanno comunque scelto lo slogan «No Draghi 2028» per la prossima campagna elettorale.


Il programma elettorale del nuovo partito
Domani dovrebbero presentare i dati di un sondaggio commissionato ad hoc e realizzato da BiDi Media, in base al quale Alternativa per l’Italia sarebbe già all’1,9%, con la possibilità di arrivare al 4,8%. Ma veniamo ai contenuti del programma. In una recente intervista a Luca Telese per The Post Internazionale, Adinolfi ha spiegato di essere per la cancellazione «con il Napalm» della legge 194 e del diritto all’aborto. «Abortire equivale ad assoldare un sicario per uccidere qualcuno», ha spiegato il politico, che ha poi messo in chiaro di volersi battere per vietare il divorzio, pur essendo separato come Di Stefano. «Proprio perché ho una mia esperienza di vita posso dirlo: l’Italia senza il divorzio era più bella e più sana di questa», la risposta.

Il confronto con Fratelli d’Italia
E se Draghi è il bersaglio principale dei due antieuropeisti, il competitor dichiarato è Fratelli d’Italia, a cui entrambi hanno già rimproverato lo schieramento a favore dell’Ucraina. «Quando sento Meloni pronunciare quel discorso alla convention di Vox in Andalusia, riconosco che è tutto quello in cui io credo», ha confessato Adinolfi in un’intervista al quotidiano La Verità, alludendo alla dichiarata avversione della leader di FdI per la «lobby LGBT, l’immigrazione e la finanza internazionale». E sempre nella stessa intervista, il giornalista ultracattolico avrebbe confessato un suo “sogno nel cassetto”: quello di chiamare alle armi per la sua nuova avventura politica Giuseppe Cruciani, il conduttore della Zanzara su Radio 24.



nino x - 11/07/2022 11:48

...Di partiti nazional socialisti più o meno populisti. Un altroooo???? Ma via!!!

anonimo - 11/07/2022 01:12

Gli altri post della sezione

Un gran bel parcheggio

Solo a Lucca il teatro com ...

Assessore imbarazzante!

Siamo caduti nel ridicolo. ...

A Panchieri. Con affetto

Io vorrei dare un suggerim ...

Sarzanese.. Far West

Via sarzanese è terra di ...

E la Manifattura ???

" Dopo l'estate il Patto P ...