• 3 commenti
  • 16/09/2023 16:10

aumentare il finanziamento del servizio sanitario, rimuovere blocchi all’assunzione di medici e infermieri....

I gruppi di opposizione: “aumentare il finanziamento del servizio sanitario, rimuovere blocchi all’assunzione di medici e infermieri, assicurare risorse per lo sviluppo della sanità territoriale”. Ecco le principali proposte della mozione presentata dai consiglieri del centrosinistra 


“Aumentare il finanziamento del Servizio Sanitario fino al 7.5 % del Pil per far fronte all’inflazione, rimuovere i blocchi all’assunzione di medici e infermieri, assicurare le risorse per lo sviluppo della sanità territoriale, delle Case e degli Ospedali di Comunità”.

Sono queste le proposte principali della mozione presentata e sottoscritta da tutti i consiglieri del centrosinistra (PD, Lucca Futura, Sinistra Con – Sinistra Civica Ecologista, Lucca è un grande Noi, Lucca Civica – Volt – Lucca è Popolare, Gruppo misto) in merito al finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale e agli interventi necessari per garantire un adeguato livello di erogazione delle prestazioni. 

La mozione nasce sulla scorta della campagna politica promossa dal Partito Democratico per la salvaguardia della sanità pubblica ed è diretta al Sindaco di Lucca al quale si chiede di attivarsi nei confronti del Governo Meloni affinché le risorse stanziate della legge di stabilità siano messe a disposizione della sanità pubblica con priorità rispetto ad altri obiettivi. In particolare si elencano alcune proposte semplici e concrete:

“Innanzitutto – affermano – è essenziale adeguare le previsioni di spesa alla persistente inflazione superiore al 10% su base annua. Eppure il Documento di Economia e Finanza approvato dal Governo la scorsa primavera prevede per il comparto sanità una spesa pari al 6.7 % del PIL, addirittura inferiore al 6.9% del 2022. Ma se i prezzi dei beni e dei servizi sono aumentati per tutti, sono aumentati anche per le ASL che devono erogare i servizi sanitari. Se la spesa sanitaria, già insufficiente, addirittura diminuisce in termini di potere d’acquisto, come si può pretendere che le Regioni eroghino gli stessi servizi e la stessa qualità? Se le risorse rimangono le stesse, ma il costo per l’energia e l’approvvigionamento del materiale sale, saranno i servizi sanitari ad essere penalizzati. Ecco perché riteniamo che si debba individuare per legge una quota fissa del 7.5 % in rapporto al PIL, da calcolare al netto dell’inflazione, da destinare al Servizio Sanitario Nazionale”.

“Altra criticità – proseguono – è la cronica carenza di medici e infermieri rispetto ai bisogni di salute della popolazione”.

“Il problema può essere superato solo con scelte politiche fatte a livello del Governo nazionale. Per questo chiediamo che, parallelamente alla promozione di un piano straordinario di assunzioni, si proceda al superamento del tetto di spesa al personale: è soprattutto questo vincolo che rende impossibile risolvere le pesanti carenze presenti in modo strutturale, e che costringe le istituzioni e gli ospedali a ricorrere, per garantire il servizio, a soluzioni “tampone” quali la chiamata di medici a gettone o il coinvolgimento delle cooperative”.

“Ci preoccupa, poi, che nella visione del Governo non sia data priorità al fondamentale tema dei presidi di sanità territoriale - Case e gli Ospedali di comunità – le quali, nella recente revisione al PNRR, sono state fortemente ridotte e ridimensionate rispetto all’originaria pianificazione europea rinviandone la realizzazione a non ben precisati interventi futuri.”

“La sanità pubblica, insieme all’istruzione, rappresenta un pilastro senza il quale non è possibile parlare di Welfare” - concludono i rappresentanti del centrosinistra -. “Siamo consapevoli che la congiuntura economica non è semplice ma, proprio per questo, è necessario stabilire delle priorità. Se il governo pensa di risolvere i problemi dei cittadini garantendo 20-30 euro di sconto fiscale, ma obbligando le persone a sostenere da soli i costi per la salute è chiaro che a rimetterci saranno soprattutto coloro che questi costi non li possono pagare perché già non arrivano alla fine del mese”.

“Per questo la salvaguardia del SSN con i suoi principi di universalità, uguaglianza e gratuità - concludono - può e deve essere un obiettivo condiviso da tutte le forze politiche che, se le risorse scarseggiano, deve essere messo avanti anche ad altri legittimi e meritevoli interessi perché ne va della tenuta del nostro sistema sociale. Ci auguriamo che questa mozione venga calendarizzata al più presto e possa contribuire ad un dibattito destinato a crescere man mano che verranno resi noti i contenuti della legge di stabilità e, soprattutto, che possa essere sostenuta da tutti i consiglieri che su questi temi non hanno mai fatto mancare il loro contributo di idee e proposte”.

I commenti

“La sanità pubblica, insieme all’istruzione, rappresenta un pilastro senza il quale non è possibile parlare di Welfare”.
Le stentoree dichiarazioni che sono capaci di rilasciare i PD sono sempre uno spasso. Soprattutto per l'impareggiabile nonchalance con cui pensano di farsi passare per figuri sbarcati or ora dalla Luna senza alcuna responsabilità per la situazione attuale.
Così i PD (Lucca Futura, Sinistra Con – Sinistra Civica Ecologista, Lucca è un grande Noi, Lucca Civica – Volt – Lucca è Popolare, Gruppo misto e tutta la compagnia riciclante non sono altro che emanazioni del PD con qualche personaggio a far colore) che considerano la Sanità un pilastro del Welfare sono gli stessi che:
- hanno smantellato la Sanità territoriale (con 4 mega Asl lontane dai cittadini, tagli al 118 diffuso e ai medici delle ambulanze ecc..) per poi scoprire con il Covid che oibò manca la Sanità territoriale.
- hanno realizzato 4 "ospedali" in project financing (fantastico) senza posti letto (per far tornare i conti si contano le poltrone per terapie) e senza reparti (poi rimessi in qualche modo e con molte falle) perché il modello vincente era la medicina ad alta intensità di cura (e di tagli), modello miseramente fallito nell'assoluta inerzia di quelli che ora parlano di pilastri del welfare sempre proni ai voleri della Regione e dei feudatari locali
- hanno boicottaggio con tutti i mezzi (in prima fila l'allora presidente del Consiglio regionale Giani) il referendum sulla riforma sanitaria che raccolse ben 55mila firme.
Si tace per carità di patria su come i PD hanno sfregiato il pilastro istruzione con le genialate stile Buona scuola di Renzi.
Sapeste cari PD da quanto è che non si parla di Welfare in Toscana e nel Paese grazie a voi. Fatevi una settimana da volontari al Pronto soccorso del San Luca: lì sì che potete imparare cosa servirebbe al welfare.

Tuco - 19/09/2023 12:14

“La sanità pubblica, insieme all’istruzione, rappresenta un pilastro senza il quale non è possibile parlare di Welfare”.
Non si può che plaudire a dichiarazioni stentoree di tal fatta. Basterebbe che chi pronuncia questi alti lai si mettesse d'accordo con sè stesso.
Ahimé risulta infatti che il PD (Lucca Futura, Sinistra Con – Sinistra Civica Ecologista, Lucca è un grande Noi, Lucca Civica – Volt – Lucca è Popolare e campagnia riciclante sono infatti diramazioni costituite di ex PD con qualche aggiunta a far colore) che dichiara “la sanità pubblica, insieme all’istruzione, rappresenta un pilastro senza il quale non è possibile parlare di Welfare" sia lo stesso che, per citare solo alcuni capolavori, ha:
- smantellato le Asl territoriali per dar vita a poche mega Asl lontanissime dai cittadini e dai loro bisogni (e il Covid poi ha evidenziato la mancanza di sanità territoriale..ma guarda un pò)
- smantellato il 118 diffuso e ridotto i medici sulle ambulanze
- realizzato, sommo capolavoro, 4 cosiddetti ospedali in project financing (il socialismo che rinasce col project financing..meraviglioso) privi di sufficienti posti letto (per far tornare il numero si contano le poltrone per le terapie) e di strumentazioni e personale adeguati con l'intento di applicare
- il modello dell'alta intensità di cura che si è rivelato un fallimento epocale tanto che al San Luca, costruito per non ospitare reparti, sono stati messi su dei reparti alla bell'è meglio per rimediare
- dulcis in fundo il PD con in testa il Giani allora presidente del consiglio regionale ha usato tutti i mezzi, perfino modificare i propri provvedimenti, per evitare che si tenesse un referendum sulla riforma sanitaria per cui eran state raccolte 55mila firme (ah dure cervici questi elettori che non capiscono che è meglio partecipare a cose già decise e poi per giunta per il 60% restano a casa...)
Si tace per carità di patria dell'istruzione pilastro del welfare che avete sistemato con genialate stile Buona Scuola di Renzi.
Ah sapeste cari PD autentici e en travestì da quanto grazie al PD non si parla di welfare in Toscana e in Italia ma voi siete specializzati nel far finta di essere calati or ora dalla Luna. Impareggiabili.

Tuco - 19/09/2023 10:02
?

Si, va bene, ma che casso c'entra il Consiglio Comunale di Lucca? Le competenze in materia sono del governo centrale e delle regioni. In alcune regioni il PD governa, le mozioni fatele in Consiglio Regionale!!

anonimo - 17/09/2023 01:27

Gli altri post della sezione

Una semplice Domanda.

Ma se in una città dove e ...

finché dura

come i giocatori della nos ...

Appello a Luca Menesini

Siccome dipende da Lei e d ...