• 5 commenti
  • 30/06/2022 14:04

IL TEMPO DELLA RAGIONEVOLEZZA

Credo che sia necessario cogliere l’opportunità di questo cambio di governo della Città per riuscire a superare ogni forma di pregiudizio ideologico e favorire una sana ripresa del reale confronto politico, che manca da anni all’interno del Consiglio comunale.

Auspico che tutti i soggetti più responsabili si adoperino a smorzare i toni verbali e comportamentali e a non superare i limiti della decenza, che non fanno loro onore.

Deve ancora una volta far riflettere il fatto, che un’enclave di “intellettuali illuminati” abbia ritenuto di possedere criteri esclusivi di giudizio su narrazioni, che sarebbe stato opportuno conoscere e comprendere meglio, prima di esprimere sentenze definitive.

A Lucca si è verificato un cambio politico amministrativo, per alcuni inatteso, perché l’autoreferenzialità del clima narrativo, che aveva caratterizzato gli anni di governo e i mesi della campagna elettorale, ha fatto perdere a molti il contatto con la realtà.

Di fatto l’evidenza dell’inefficacia dell’azione amministrativa ha alimentato una volontà di cambiamento in maniera trasversale e per certi versi inaspettata, che è cresciuta nel periodo del ballottaggio, perché i cittadini hanno intravisto la possibilità concreta di una soluzione pragmatica e operativa provocata dall’apparentamento di alcune liste concorrenti.

Il cambiamento ha creato aspettative e fornirà occasioni di crescita della consapevolezza dell’elettorato silente, che costituisce la maggioranza politica e ha pieno diritto di scelta.

Partendo da questa realtà, è quanto mai necessario che tutti si impegnino a superare la cultura dei recinti ideologici, in cui si vuole contenere l’opinione pubblica che è già trasversale più di quanto si creda, particolarmente sulle tematiche politico amministrative. Le persone infatti richiedono soluzioni e sanno valutare concretamente la capacità di governo e l’etica delle scelte più di quanto si creda. Tutto ciò si estrinseca nella credibilità e nella condivisione della scelta amministrativa, che è il primo parametro del consenso. Questo è l’obiettivo che il nuovo governo della città deve perseguire.

ELVIO CECCHINI

I commenti

Guarda ganzo!!! Fino a pochi mesi fa il suo comitato usava toni di fuoco contro mezza Lucca e ora??? Ora vuole smorzare!?!?!? Smorzare una bella pippa! Vediamo intanto chi è la fantomatica immobiliare che vuole pupparsi la Manifattura Sud per 99 anni! Vediamo quando avranno scoperto le carte. Poi valuteremo i toni.

Anonimo - 02/07/2022 01:59

Comunicato in puro architettese. Si vedrà quando sarà il momento di amministrare.

Anonimo - 01/07/2022 01:15

La ragionevolezza!!!!!! L'ovo di colombo!
Chissà perché non c'han' pensato sessanta-settant'anni fa.
Che roba che roba.
La commedia è sempre più avvincente, acchiappa assai.
Mannaggia, potessi campà un altro pò per vedenne la fine.
Sic!
Chi vivrà vedrà.

Pietro - 30/06/2022 23:20

Non sarà una convivenza facile, questo lo sappiamo tutti. Dunque: coraggio architetto!

Anonimo - 30/06/2022 19:34

Qui di recinti ideologici ne abbiamo diversi e presto saranno tutti in giunta.
Voglio vedere che macello verrà fuori!

Manuela - 30/06/2022 17:31

Gli altri post della sezione

La pagliuzza e la trave

Si apprende dalla stampa c ...

Basta come segnalazione?

Stamattina intorno alle 11 ...

Democrazia si, ma....

no, io (e molti altri) non ...

Ex sindaco

Dopo che l'ex sindaco tabe ...

LE BARRIERE SULLE MURA

Facciamo chiarezza sul pro ...

NO AL CASELLO A MUGNANO

Cosa fa pensare che tutti ...

Polpettina?

Polpetta avvelenata in arr ...