• 3 commenti
  • 23/06/2022 12:21

Lettera aperta alla presidente ANPI di Paolo Pieri

Lettera aperta alla presidente ANPI Rosalba Ciucci


Cara Rosalba,

dopo aver letto la lettera ufficiale che hai scritto a nome e per conto dell’ANPI sento il bisogno e il dovere di intervenire, consapevole che quando si scrive ci si assumono delle responsabilità e ci si offre a incomprensioni e fraintendimenti, ma diversi sono i dubbi e le domande che la lettera mi ha sollecitato, su cui occorre intenderci anche fra noi nella speranza di risposte che aiutino a capire meglio. Intervengo dunque per fornire un contributo.

Dunque per essere antifascista e restare militante dentro l’ANPI devo per forza votare, AL BALLOTTAGGIO, per quella sinistra che, secondo me, ha male amministrato Lucca e che mi ripropone assessori e consiglieri che hanno sostenuto e condiviso le scelte dell’amministrazione Tambellini, compreso l’accanimento incredibile su cittadini che avevano osato protestare?

Io al primo turno non ho certo votato per Barsanti (tanto per essere chiari, per non fare nomi e per non restare nella generica parola “fascismo”) ma ora si è apparentato con il candidato della destra Pardini. Allora io che devo e posso fare? Non andare a votare vorrebbe dire rinunziare al mio diritto-dovere che ho esercitato fino alla mia non tenera età di oggi, oppure dovrei votare per quel centro sinistra che non condivido e che considero un ulteriore danno per Lucca e i suoi cittadini?

Io non conosco personalmente Barsanti, non so se è un violento, se ha mire e programmi fascisti da imporre alla gente lucchese, lo conosco per i suoi interventi in Consiglio comunale, per i suoi sostegni a certe battaglie condotte dai comitati, per le mozioni (tante) presentate al Consiglio. Devo averne paura?

Voglio annoiarti con questo ricordo. A Barga c’era il fascista nr 1, ANTONIO NARDINI, la persona più dolce, più disponibile, la più preparata sulla storia di Barga, la più servizievole e per questo benvoluta da tutta la popolazione. Quando fui incaricato dal partito comunista ad accogliere una delegazione dell’Unione Sovietica della quale facevano parte un viceministro e la direttrice responsabile della Pravda chiamai a fare da guida per visitare Barga e in particolare le sue chiese e il duomo il fascista nr1 Antonio Nardini che la sera partecipò alla cena che avevamo organizzato in onore della delegazione. Quando in consiglio comunale di Barga dovevamo votale la composizione della commissione cultura io, capogruppo comunista, mi battei perché il fascista nr1 ne facesse parte perché non c’era persona che ne avesse diritto più di lui, contro i socialisti e i democristiani che lo volevano escludere. Mi onoro della sua amicizia e della stima che gli ho sempre riconosciuta. Perché ti ho annoiato con questi episodi? Perché credo che le persone devono essere giudicate per i loro comportamenti, per le loro azioni, per quello che fanno o non fanno, perché troppo spesso chi si dichiara a priori antifascista magari fa cose fasciste come chi si dichiara democratico e liberale fa cose antidemocratiche e illiberali, sempre contro i poveri e i deboli. Poi ognuno la può pensare come vuole, senza demonizzare e mantenendo il rispetto.

Fammi sapere se potrò continuare a rinnovare la tessera ANPI, grazie, ti saluto con tutto l’affetto che sai

Paolo Pieri


Lucca 22 giugno 2022 

I commenti

Posso iscrivermi all'ANPI? in fondo sono nata durante la guerra!
Essere partigiani cosa vuol dire oggi? aver partecipato alla guerra? aver lottato per liberare l'Italia dall'invasore? aver ammazzato tanti italiani che non la pensavano come i partigiani?
Oggi cosa vuol dire? ricevere fondi dalle tasche degli italiani? per fare che cosa?
Signor Pieri le che è un iscritto può darmi una risposta?
Gianna Traverso Coli

Anonimo - 24/06/2022 14:23

....è normale che le piacesse anche un fascista.... Infatti la Pravda, a parte il nome, era un giornale pieno di falsità di regime. Lei stava con un regime assassino, così come il suo amico fascista ammirava le idee di un assassino che portò l'Italia all'alleanza con Hitler, il principe degli assassini. Vede, il mondo non si divide in fascisti e comunisti, ma in fasciocomunisti (nazional socialisti e socialisti) e democratici e liberali. Nel cosiddetto "centro destra" di oggi non c'è centro e c'è poca destra. Ci sono tante idee pericolose, anti liberali e che possono giusto piacere ai comunisti.

Anonimo - 24/06/2022 03:20

In due parole, un po' sbrigativamente. Mi scuserete…
Da un lato si parla delle guerre puniche, dall'altro del presente, di chi amministrerà Lucca.
Interessanti le guerre puniche, ma ancora più interessante non mandare al governo di questa città la solita cricca, per di più incattivita dopo 10 anni di malgoverno

Anonimo - 23/06/2022 15:21

Gli altri post della sezione

Per le donne Iraniane

Il Terzo Polo, Azione e It ...

sotto le mura storiche

Beh se dicessi alla mia fi ...

Il people mover

Il people mover, per chi n ...

Un piccolo esempio

Capita di leggere un titol ...