• 2 commenti
  • 12/04/2023 21:48

Ma come è la storia della Discoteca Comunale?

Nemmeno nell’ Unione Sovietica di staliniana memoria lo stato si metteva nell’ industria del divertimento. Sarò maligno ma vuoi vedere che più che la Discoteca qualcuno è interessato alle “misure ponte” di cui hanno parlato in Consiglio Comunale? Mi spiego meglio. Il nostro Sindaco, che non pare essere molto interessato al fatto che a Lucca si respirano più veleni che in tutte le altre città Toscane, che ignora il fatto che le Mura cadono a pezzi ecc. ecc si dedica al problema della discoteca perché i suoi figli fra circa 20 anni vorranno divertirsi e quindi è bene che lo facciano vicino a casa. Ma che Sindaco previdente che abbiamo a Lucca! Sono sicuro che tutte le altre città del mondo ce lo invidiano! Certo una persona che si è presentato alle elezioni come esperto di finanza a Londra, come proprietario di aziende agricole in Argentina e poi presenta una dichiarazione dei redditi da 30.000 euro (roba da pensionati) qualcosa di buono da dire ce l’ ha sicuramente. L’ idea che una Pubblica Amministrazione possa impelagarsi in una discoteca non sta né in cielo né in terra e quindi questo argomento finirà in una bolla di sapone. Quello che invece potrebbe accadere è la realizzazione delle “misure ponte” da attuarsi nel frattempo. Cosa si intende? In attesa di fare una discoteca (che peraltro non vanno più di moda) si utilizza la Cavallerizza o la Casa del Boia? Non sarà mica che tutti questi discorsi servono per concedere la Cavallerizza e la Casa del Boia ai soliti noti per farci una attività di disco pub? Se così fosse che si fa? Si và tutti davanti alla Soprintendenza con le pentole come fanno in Sud America? Eh si perchè mi pare che ultimamente l’ obiettivo che Lucca si pone è quello di diventare una Favela.

I commenti

La prima riforma che dovrebbe essere messa in campo a livello politico per eliminare qualsiasi distorsione e ambizione economica sarebbe a mio avviso l'adozione di misure eque a livello stipendiale:
ovvero chiunque viene eletto a Sindaco, Presidente di Regione, Presidente di Consiglio, Senatore e Parlamentare gli viene riconosciuto ciò che ha dichiarato l'anno precedente all'elezione.
Questo comporterebbe anche la possibilità di avere dei potenziali manager candidati i quali vedrebbero riconosciute le loro paghe dato che per ciacuno di loro sarebbe controproducente candidarsi a Presidente del Consiglio in quanto il loro stipendio si ridurrebbe di 10 volte, figuriamoci a Sindaco di un comune capoluogo...

Anonimo - 13/04/2023 20:07

Sono pienamente d'accordo, quasi con tutto, a partire dalla dichiarazione dei redditi 2022 relativa al 2021 che risulta essere di 32.931 € cosa che solitamente un enfant prodige della finanza dichiara al primo anno di lavoro da dipendente in una società qualsiasi con meno di 5 dipendenti.
Per le misure ponte forse devono sistemare ancora i conti delle ultime elezioni con chi ha appoggiato ed è stato decisivo, suo malgrado, a farlo eleggere sindaco.
Queste misure a mio parere poi saranno deviate su "facciamo più luoghi di ritrovo" tra cui poi si presenterà l'occasione di affidare il caffè delle mura a qualcuno molto vicino al cdx.
Da parte mia, tutta questa previdenza nei confronti dei propri cari la trovo alquanto strana e forzata, in quanto a pari situazione, penseri piuttosto a ridurre lo smog per proteggere la salute delle nuove generazioni invece che proporre discoteche dove la salute è l'ultima delle cose che viene salvaguardata (tra acustica, alcool, e malattie sessualmente trasmissibili).
Non sono un pensionato ed ho un reddito più alto di Pardini pur facendo il dipendente pubblico ed avendo un bambino in fasce.
Per quanto riguarda la soprintendenza, ormai le speranze sono ben poche dato che a loro volta i dirigenti vengono calati dall'alto e quindi sono succubi a loro volta della politica stessa.

Anonimo - 13/04/2023 20:00

Gli altri post della sezione

Assi viari

Dopo anni di incertezze, i ...

Raspini vede i Fantasmi ?

A "Lucca è una città dov ...