• 0 commenti
  • 15/03/2023 12:42

Morianese, il Consorzio di bonifica a lavoro per la manutenzione delle canalette irrigue


 
Il presidente Ridolfi: “Pronti a fronteggiare una ipotetica stagione siccitosa”
 
 
Maggiore sicurezza idraulica ma anche un più alto afflusso di acqua per l’agricoltura. Con l’arrivo della primavera ecco tornare i lavori di manutenzione idraulica del Consorzio 1 Toscana Nord nelle canalette irrigue della Piana. I lavori, partiti i giorni scorsi, prevedono lo sfalcio della vegetazione cresciuta in alveo e interesseranno le canalette della zona del Morianese.
 
Un intervento che fino allo scorso anno era affidato in appalto a ditte esterne mentre adesso – con un notevole risparmio per l’ente - rientrerà nel piano dei lavori di amministrazione diretta. I lavori, infatti, saranno seguiti dagli operai della sede del Consorzio di Massa.
 
Curare la manutenzione di questi canali irrigui, per il Consorzio, è fondamentale: negli scorsi anni, in collaborazione con il Comune di Capannori, l’ente ha organizzato anche riunioni partecipate con i cittadini nelle varie frazioni del territorio, divenute preziose anche per raccogliere suggerimenti ed eventuali segnalazioni.
 
Le canalette irrigue
 
Ma cosa sono, nello specifico, le canalette? Realizzate nel corso dei secoli dai contadini, questi strumenti ormai divenuti indispensabili per il drenaggio dell’acqua sono arrivati ad un’estensione di centinaia di chilometri, assicurando negli anni anche la distribuzione dell’acqua all’agricoltura.
 
A seguito delle "lottizzazioni" del dopoguerra, in tantissime aree svolgono ormai da tempo anche una funzione colatoria: le canalette, di fatti, allontanano le acque piovane dalle case e dagli immobili, prevenendo così il rischio di alluvioni. Inoltre, questi canali irrigui hanno un ruolo fondamentale anche per il ripascimento della falda nei periodi di siccità.
 

“L’Ente consortile – spiega il presidente del Consorzio, Ismaele Ridolfi – ha sempre investito molto per il pieno recupero dei canali irrigui. Dobbiamo ricordare che le canalette assicurano l’approvvigionamento d’acqua anche durante i periodi di siccità, fenomeno che ora più che mai ci preoccupa e che richiede investimenti anche durante i mesi invernali. Da qui a primavera, quando ripartirà la stagione irrigua, provvederemo a ripulire i canali da vegetazione e materiale accumulato in alveo proprio per garantire più acqua all’agricoltura". 

Gli altri post della sezione

Nessun controllo

Nessun controllo, nessuna ...

Kaos notturno in Centro

Alcuni residenti in via S. ...

CASINO ALL' ITALIANA

Diciamocelo con chiarezza, ...