• 0 commenti
  • 05/03/2023 10:41

Il centrosinistra in consiglio: “i nidi gratis sono un’ottima iniziativa della Regione Toscana

Il centrosinistra in consiglio: “i nidi gratis sono un’ottima iniziativa della Regione Toscana. Dal Comune di Lucca comunicazione furbetta e sleale anche sul piano istituzionale”


Benissimo i nidi gratuiti per le famiglie fino a 35mila euro di Isee, bene ha fatto la Regione Toscana a introdurre questa manovra da settembre 2023 per tutto il territorio regionale e bene ha fatto il Comune di Lucca ad adottare questa iniziativa anche il periodo febbraio-luglio. Allora chiediamo: perché non informare correttamente i cittadini? Perché non riconoscere il lavoro della Regione e spiegare nella comunicazione alla città e alle famiglie che, come riportato in delibera (pubblicata all’albo), la gratuità delle rette già dai primi sei mesi del 2023 è resa possibile proprio grazie alle risorse regionali? La comunicazione di un Ente non può essere la pubblicità di un prodotto”. 


A dirlo sono le consigliere e i consiglieri del centrosinistra in consiglio comunale, Partito Democratico, Lucca Futura, Sinistra con Lucca, Lucca Civica-Volt-Lucca è popolare, Lucca è un grande noi, che fanno chiarezza rispetto agli annunci dell’amministrazione Pardini.


La gratuità che il sindaco si sta vendendo come sua è in realtà frutto degli investimenti della Regione Toscana, visto che si tratta di risorse liberate dal contributo regionale e non di risorse aggiuntive del Comune - spiegano -. Si legge infatti in delibera che “con decreto del 23.12.2022 la Regione Toscana ha integrato le risorse già assegnate riconoscendo al Comune di Lucca l’ulteriore somma di euro 112.554 che verrà utilizzata per sostenere le spese di gestione dei servizi a titolarità pubblica”. Da qui la decisione del Comune di “utilizzare le risorse comunali che si andranno così a liberare, unitamente a quelle già disponibili a bilancio, per un totale di euro 160mila per ridurre i costi di frequenza dei servizi per le famiglie dei bambini e delle bambine residenti nel Comune di Lucca assegnatari di un posto a offerta pubblica, con un intervento di sostanziale azzeramento delle rette per le famiglie aventi Isee fino a euro 35mila per il periodo febbraio-luglio 2023”. Non certo, dunque, uno stanziamento in più rispetto a quello già previsto, tanto è vero che il Comune ci ha informato di tagli ad alcuni voci della spesa sociale motivati dal fatto che “i tempi della spesa corrente allegra sono finiti”. Se la Regione Toscana fa una manovra così importante come quella dei nidi gratis e il Comune capoluogo - meritoriamente - la sfrutta fin da subito a beneficio della comunità, va detta la verità”. “Nelle comunicazioni del sindaco, invece - concludono - il provvedimento della Regione non è minimamente citato, eppure va a introdurre una novità strategica e fondamentale per il welfare regionale. Perché non riconoscerlo? È un problema di colore politico? Ci sembra che la comunicazione sia volutamente “furbetta”, quasi ingannevole per i cittadini e sleale sul piano istituzionale al punto che ci viene naturale chiedere: se la Regione avesse avuto un altro colore politico il sindaco si sarebbe comportato nello stesso modo? Un atteggiamento di questo tipo non ci pare molto lungimirante: il Comune capoluogo non deve isolarsi, ma deve sapere lavorare con tutti gli enti, a tutti i livelli. Le premesse non ci sembrano le migliori”.

Gli altri post della sezione

Becchi e bastonati

https://youtu.be/e_SqEgUD0 ...

Lo sport a Lucca

lucca ha un bacino di uten ...

La guerra dell'acqua

Tutti insieme a un tavolo? ...