• 1 commenti
  • 09/02/2023 14:15

QUALE PRESENTE E QUALE FUTURO PER GEAL?


(Forse non tutti sanno che....)

Mentre la stampa, locale e nazionale, riporta con evidenza che nel centro Toscana le

principali aziende che gestiscono servizio idrico e smaltimento rifiuti a Firenze, Pistoia, Prato

ed Empoli si stanno aggregando in una grande unica azienda multiutility, con un notevole

confronto politico e pubblico, latita invece il dibattito nella piana lucchese. In questi mesi

abbiamo notato su questo argomento un silenzio quasi assoluto tra la cittadinanza, e una

sostanziale assenza propositiva di sindacati, associazioni, forze politiche, dei Sindaci e dei

consiglieri comunali, anche dei Comuni più importanti della Piana lucchese, a partire da

quello di Lucca. Una scelta si impone e in tempi brevi, è evidente. Eppure le aziende

lucchesi raggiungono livelli di assoluta eccellenza nei servizi erogati. Ricordiamo ad

esempio che nel luglio 2022, l’allora presidente della GEAL Giulio Sensi informava la

città che l’Azienda aveva ricevuto un premio dall’Autorità di Controllo Nazionale

(ARERA) per la buonissima qualità del servizio nel 2018 e nel 2019, rilevata attraverso

gli indicatori della cosiddetta “qualità tecnica”. Un risultato che il quotidiano on-line

“Lucca in Diretta” titolò in modo trionfale: “Qualità dell’acqua depurata: Geal è la

migliore azienda d’Italia” e che, aggiungiamo noi, premia il rigore e le capacità

professionali dei dipendenti, oltre che le caratteristiche della risorsa idrica lucchese

e delle modalità tecniche scelte per depurare i reflui civili urbani.

L’evento è oltremodo significativo perché si è concretizzato con il riconoscimento di un

premio di poco meno di 3 milioni di euro alla stessa azienda GEAL SpA.

Poichè ciò è frutto delle professionalità esistenti in Geal, degli investimenti economici fatti

per decenni e decenni, che a loro volta sono il frutto del regolare pagamento delle bollette

del Servizio Idrico Integrato da parte dei cittadini lucchesi, ci chiediamo, e lo chiediamo al

Comune, Azionista pubblico di maggioranza: che fine faranno queste entrate straordinarie,

( salvaguardando, come avviene in tutte le aziende industriali, che si debbano premiare i

dipendenti per aver contribuito al risultato, quantomeno quelli in servizio attivo nel periodo

di riferimento, e probabilmente l’Azienda avrà anche già trovato le modalità per farlo) ?

Questo, insieme al futuro della Geal e delle altre aziende del servizio idrico della Piana

lucchese, come Acque s.p.a., sono temi importanti, di interesse pubblico sui quali

proveremo nei prossimi mesi a farci parte attiva per sviluppare un dibattito, tra semplici

cittadini, rappresentanti istituzionali, associazioni e rappresentanti dei dipendenti delle

aziende coinvolte, promuoveremo occasioni di confronto che aumentino la conoscenza

nella nostra collettività, auspicando che aiutino ad individuare le soluzioni più convenienti

per gli utenti lucchesi.

E’ stabilito infatti che la Convenzione GEAL-Comune di Lucca scada tra meno di tre anni, il

31 dicembre 2025, data importante per la qualità del servizio idrico che riguarda ogni

lucchese. Quanti sono a conoscenza di questa cruciale scadenza? Noi pensiamo che siano

pochissimi quelli informati sul destino societario di GEAL e sulla salvaguardia del “Bene

Acqua” nell’area della Piana lucchese, e che siano invece tantissimi quelli interessati a

conoscerlo.

Come riteniamo sia alto l’interesse per capire come verranno utilizzati i fondi, visto che

l’acqua è universalmente riconosciuto “un bene comune” e considerato che trattasi di soldi

che lo Stato restituisce alla Comunità dei lucchesi.

Noi stessi siamo persone diverse x provenienza politica, esperienze professionali e culturali,

unite però dalla preoccupazione x questa assenza di dibattito sul futuro della risorsa acqua

della piana lucchese, e speriamo che a noi si uniscano molti altri,

Iniziamo con il proporre alcuni “virtuosi” utilizzi di quei 3 milioni di euro, di interesse generale:

a) la restituzione ai cittadini lucchesi, proporzionalmente all'acqua consumata in quegli anni

(2018 e 2019), di una quota proporzionale a quanto pagato nelle bollette di quel periodo

virtuoso;

b) l’abbassamento ponderale delle tariffe per le prossime bollette;

c) fare nuovi investimenti per il prolungamento delle reti di acquedotto e fognatura in zone

dove le tubazioni sono assenti, o migliorando ancora il depuratore di Pontetetto, senza

gravare sulle prossime bollette dei lucchesi. A tal proposito è opportuno specificare dove e

quanto valgono i progetti per tali realizzazioni. In questo modo taluni investimenti futuri non

graverebbero sulle tariffe dei lucchesi;

d) finalità di aiuti al mondo dell'indigenza;

e) aumentare la quota del fondo sociale del “bonus acqua”;

Ne scongiuriamo, con forza, solo uno:

che queste entrate straordinarie, frutto dei sacrifici dei lucchesi, non siano un appannaggio

del socio privato (l’ Acea di Roma) attraverso qualche artificio del bilancio aziendale.

Invitiamo, in attesa dello svilupparsi del dibattito pubblico, il signor Sindaco, il presidente di

Lucca Holding, il presidente di Geal e i consiglieri di parte pubblica all’interno della Società,

a vigilare e ad esigere che queste entrate straordinarie rimangano a beneficio dei cittadini

lucchesi e non degli appetiti economici di una società quotata in Borsa come è ACEA.

ASSOCIAZIONE “Quelli che l’acqua...”

I commenti

Grazie dell'informazione, che diamine , ci mancherebbe che il risultato dei lavoratori di Geal non venisse reinvestito a beneficio della cittadinanza . Una volta tanto che qualcosa di positivo viene a beneficio di Lucca sarebbe il colmo venisse espropriato in buona parte dai romani. Mi aspetto la massima attenzione da parte dell'amministrazione comunale e di noi lucchesi.

Mauro - 09/02/2023 19:39

Gli altri post della sezione

Pomeriggio letterario

Domenica prossima, 25 febb ...