• 0 commenti
  • 30/11/2022 15:16

Giornata mondiale contro l'Aids, tornano i test gratuiti della Croce Rossa di Lucca

In Corte dell'Angelo e al Reloò saranno presenti i volontari e il personale sanitario del San Luca 

 

Test di screening gratuiti e anonimi e distribuzione di profilattici per promuovere uno stile di vita sano e, soprattutto, sicuro.  

 

In occasione della Giornata mondiale contro l’Aids la Croce Rossa Italiana del comitato di Lucca - in collaborazione con Asl, Comune, Provincia, Ceis e LuccAut - torna in piazza con i test rapidi per l’HIV. 

 

All’evento, che si svolgerà sabato (3 dicembre) dalle 16 alle 20 in Corte dell’Angelo, saranno presenti anche medici e le infermiere del reparto di Malattie infettive dell’ospedale San Luca.  

 

La Croce Rossa è impegnata tutto l’anno nell’educazione alla sessualità e prevenzione delle infezioni sessualmente trasmissibili. Iniziative dove i giovani non trovano soltanto un’informativa ma anche la possibilità di aumentare la consapevolezza rispetto ad un campo che è ancora oggi un tabù. 

 

Importantissima anche l’attività dei Giovani della Croce Rossa, che sabato informerà la popolazione sull’importanza della prevenzione. 

 

I volontari, giovedì (1 dicembre) saranno presenti anche al Reloò Caffè (via Carlo Piaggia, 385) per distribuire profilattici e sensibilizzare i giovani presenti nel locale a una sessualità sicura.  

 

I test 

 

I test saranno effettuati - attraverso un prelievo capillare rapido e indolore - dal personale sanitario del San Luca all'interno di un ambulatorio mobile. Si potrà avere il risultato nel giro di pochi minuti e nel totale rispetto della privacy. In caso di positività preliminare, sarà disponibile il supporto necessario fornito da psicologi, operatori sociali e volontari della Croce Rossa, che aiuteranno a iniziare un percorso di cura. 

 

"I giovani sono sempre più a rischio di infezioni sessuali. Sotto i 30 anni il pericolo è spesso sottovalutato e i risultati sono allarmanti: Sifilide, Papilloma virus e Aids, sono infatti patologie ancora molto diffuse – ha commentato Giulia Benedetti, referente Giovani Cri Lucca - Questa iniziativa, realizzata all'interno della campagna di sensibilizzazione della Croce Rossa, ha l'obiettivo di creare un processo educativo non convenzionale, basato sulla condivisione, l’informazione e l’assistenza, che affronti la tematica dell’educazione alla sessualità a 360 gradi. Di Hiv bisogna parlare di più – ha concluso Benedetti - È necessario anche spazzare via anche ogni falsa credenza e disinformazione: questa infezione non deve più fare paura". 


“La diagnosi precoce della malattia è fondamentale – spiegano i volontari della Croce Rossa - L’Italia è al tredicesimo posto in Europa per nuove diagnosi e l’85,6% delle nuove infezioni sono attribuibili a rapporti sessuali non protetti. Per questo è fondamentale continuare a lavorare sul doppio binario della prevenzione e della diagnosi precoce. Vi aspettiamo!”. 

Gli altri post della sezione

La direzione della Storia

Inerentemente alla questio ...

Esposto

Il sottoscritto Riccardo C ...