• 21 commenti
  • 28/11/2022 15:38

Al peggio non c'è mai fine

da un giornale: "Lucca Summer Festival, un altro colpo: sugli spalti delle Mura il concerto dei Blur" E chi sono? poi chi viene il Sarchiapone? Non hanno ancora finito di spianare il balilla dal tendone (del comune) dei Comics che già si pensa a ridurre gli spalti per fra pochi mesi il manto erboso. Non ci siamo: pensavo che l'ottusità fosse un male della vecchia giunta ma mi accorgo che la via ormai è tracciata, dovremo rinunciare all'integrità degli spalti delle Mura per far fare affari d'oro a certa gente nel silenzio più cupo della sovrintendenza e di quella poca cittadinanza che che riesce ancora ad avere un occhio di riguardo per la storia ed il passato del maggior monumento lucchese. Esorto i lucchesi che non hanno le mani in pasta, quelli che non guardano "Amici" e che non stanno giornate sui social ad ammirare le idiozie dei vari influenzer ad alzare un grido di protesta. E Pardini si ricordi che sono più coloro che non vogliono sputtanare le Mura di quelli che non gliene frega niente. E che tutti votano. 

Gradirei infine che il comune ci dicesse quanto ci costa il giochino

Max Vinella

I commenti

Grazie per l'apprezzamento. Davvero.

E sul concetto del "prostituire Lucca per vocazione" si aprono davvero riflessioni onestamente inquietanti, se pensiamo agli ultimi anni.

Anonimo - 06/12/2022 20:53

Grazie. E' una delle più belle frasi che abbia letto su questo blog.
Prostituire per ingordigia è sbagliato come atteggiamento.
Al limite si potrebbe comprendere "prostituire per necessità", ma questo non è il caso di Lucca. A meno che Lucca non ammetta il prostituire come VOCAZIONE. Allora si comprenderebbero molte cose.

JD - 06/12/2022 16:49

Niente, vengono reiterati sempre gli stessi concetti.
Potrei ribattere che non è questione di "abbandonare per un po' le comodità", ma se ripeto per l'ennesima volta le mie ragioni siamo sempre lì col conto, come diceva mi pa'.
Stiamo su due opposte rive del fiume, io sarei anche disposto a bagnarmi i piedi, accetterei volentieri una struttura nuova e adatta alla bisogna, magari appena fuori le Mura (rifatelo il Porta Elisa, pensandolo anche come area concerti, allargatelo, metteteci pure lo spazioporto)... ma dall'altra riva mi si dice che i luoghi DEVONO essere quelli e allora STOP (non 'coi Rolling Stones', ahah).
Mi permetto di continuare a pensare che chi ama Lucca (davvero) non la pensa esattamente come Lei.

JD - 06/12/2022 11:28

Ma se per ingolosire grandi band dobbiamo prostituire qualcosa che non era pensato per essere messo a disposizione ma solo per essere coccolato, curato e rispettato, sbagliamo strada concettualmente. Se un'occasione richiede che vendiamo l'anima, non è un'occasione, è una fregatura.

Nota bene: non sono uno di quelli che sbraitano contro l'usura apportata dal Summer o dai Comics. Io venero l'entropia quindi me ne fotto se le cose si rovinano. Tutto sta morendo, non solo i nostri corpi ma anche la pietra e l'erba di cui è fatta Lucca. MA la moralità esiste in sé al di là dell'aver come scopo il preservare. Prostituire per ingordigia è sbagliato come atteggiamento.

Anonimo - 05/12/2022 23:15

A me guardare il tg1 con il servizio dei RollingStones unica data in Italia a Lucca mi ha dato soddisfazione.
Quando incontro qualcuno fuori Lucca che, appena dico di dove sono, ricorda che c'è stato per un concerto ( o per il comix), mi fa soddisfazione.
Grazie a questi eventi Lucca è conosciuta nel mondo.
Il summer è a Lucca perché i concerti sono in piazza grande o sotto le mura. Ma pensate che a Lucca potrebbero venire i Kiss se gli offriamo il Porta Elisa? Che motivo avrebbero con tutti gli stadi che ci sono in Italia?
Chi ama Lucca la pensa come me. Chi non vuole abbandonare per un po' le sue comodità potrebbe anche andare a vivere a qualche km di distanza.

anonimo - 05/12/2022 19:30

Almeno gli ingegneri che hanno progettato il Colosseo, l'Arena di Verona e l'anfiteatro a Pompei avevano in mente un luogo deputato a contenere spettacoli. Solo che l'hanno fatto un par di millenni fa. Sapevano una sega loro che un concerto dei Metallica o dei Judas Priest fa tremare i muri !

JD - 03/12/2022 20:59

Porte chiuse o no, a Pompei è passata l'idea che i concerti si possono fare in location storico-artistiche monumentali, di particolare pregio e che meriterebbero una speciale considerazione. Tanto è vero che anche oggi a Pompei si fanno i concerti (con spettatori).
Gli orgogliosi sostenitori delle kermesse(s) si metteranno a ridere come matti, lo so, ma le stesse vibrazioni acustiche dei concerti (specie se ripetute per anni), sono dannose per le strutture monumentali, che già hanno tanti problemi a sostenere "il logorio della vita moderna" fra inquinamento, scarsa manutenzione, e mettiamoci pure l'uso improprio. Frega niente? D'accordo.
Io, per me, sono contento se il grande artista viene a Lucca. Però se suona in uno stadio, o in una struttura appositamente concepita per questo. Il mondo è bello perché è vario, ci siete voi e ci sono io, che non sono un troglodita fermo e rinchiuso nella sua grotta.
Non vi accorgete nemmeno (e non se ne accorgono gli artisti, o se ne fottono) che dire "Tizio viene a Lucca solo perché ci sono le Mura", è riduttivo per Tizio e la sua musica, laddove il palcoscenico diventa quasi più importante del suo contenuto.
Comunque il mondo è bello perché è vario, ma dai, non mi venite a dire che le vostre ragioni "non sono solo economia".

JD - 03/12/2022 20:43

Quindi il concerto a Pompei dei Pink Floyd (a porte chiuse) non era da fare? Non dovevano concedere il permesso?
Abbiamo avuto il più grande gruppo rock della storia a Lucca grazie alle nostre Mura. Se non si capisce quanto siano importanti per una città eventi del genere e si vuole rimanere fermi, immobili e rinchiusi dentro le mura, fate pure. Non parlo solo dal punto di vista economico, ma proprio per la soddisfazione da lucchese di avere un evento, una kermesse ecc di livello internazionale.

anonimo - 03/12/2022 19:15

Beh se dicessi alla mia fidanzata di scoparsi a pagamento tutti quelli che la corteggiano (e posto che riuscissi a convincerla) oggi navigherei nell'oro. Se prostituisci qualcosa di prezioso ci sarà sempre chi abbocca. Il punto è che NON VA FATTO. Come ha giustamente detto JD, non tutto è palcoscenico, non tutto è location.

Quando crei circoli economici e psicologici basati sul rincorrere e prostituire, alla fine i soldi finiscono comunque, e ti ritrovi cornuto e con la fidanzata con la nomea di puttana. Vogliamo questo per Lucca? Che ci vedano come una città sempre felice di essere invasa senza la minima organizzazione o attenzione a chi ci vive, pur di far soldi?

Davvero non notate la similitudine tra il modo in cui si siamo prostrati agli eventi in Centro e ciò che è accaduto a San Concordio? Si fa, si squarcia, si invade, si guadagna, il mondo se ne farà una ragione. A me frega poco del manto erboso delle Mura e onestamente è divertente d'estate venire in città e appoggiarsi alle transenne godendosi gratis qualche grande concerto (e le turiste ubriache sono facili da sedurre), ma la stessa psicologia del "facciamo, chissenefrega!" ha prodotto ANCHE i disastri di San Concordio, rivelando dove si finisce se si apre la porta del non avere abbastanza a cuore un bene pubblico.

anonimo - 01/12/2022 15:44

Eh, certo, il concerto lo fa la location...
Ma certo, se i Rolling Stones ti fanno il concerto su un prato qualsiasi chi vuoi che ci vada, son quattro bischeri che sònano. Il promoter, se è bravo, non credo abbia tutto questo bisogno della location per attirare gli artisti, ma sono opinioni mie. Woodstock non la conosceva nessuno, ma ci hanno lavorato sopra. Ma appunto bisognerebbe lavorare. "Gli spazi fanno gli eventi"... mah!
Ma mettiamo che sia vero. Chi sta "prendendo quota" adesso non riesce neppure a concepire che queste NON SONO location.
Ormai siete abituati a vedere tutto come un palcoscenico, vivete a Disneyland.
La vostra unica base ideologica? I soldi. Vanno al barista, al piastrellista... ci fate anche la lezioncina di economia, alle volte 'un si fosse capito (e poi giustamente ci sono quelli che vorrebbero sapere dove vanno davvero tutti 'sti soldi).
E allora il discorso è chiuso, certo che quest'amministrazione ha le idee chiare, esattamente come quella prima.
E si leggono robe tipo "ripiantare l'erba è inutile [vero], asfaltiamo gli spalti, così si risparmia, si intensificano gli eventi ['attenzione attenzione, in piazza Napoleone parte l'evento delle 11,30'] e ci ricaviamo pure tanti bei parcheggi tra un evento e l'altro".
Siamo tornati mentalmente agli anni 70.
Comunque quest'anno i Maneskin a Lucca 'un ci vengono, gli hanno proposto Piazza San Pietro a Roma, tié!

JD - 01/12/2022 13:49

Finalmente anche su questo blog si leggono commenti intelligenti... Buon segno. Quello che dice lei è sacrosanto. Ma qui eravamo abituati a leggere che bastava andare al Don Baroni, allo Stadio, a Tassignano, in un mercato ortofrutticolo.. e per finire dentro la manifattura. Per fortuna il gruppetto anacronisitco di soggetti critici a tutto sta piano piano perdendo quota, e per fortuna anche questa amministrazione ha le idee chiare a proposito. Gli spazi fanno gli eventi. Se vai in parcheggio o in un prato qualunque col cavolo che verrebbero a Lucca i grandi artisti. Se sei sotto le mura storiche puoi portare i più grandi del mondo.... così facile che per qualcuno è impossibile da capire

Anonimo - 01/12/2022 10:45

I grandi gruppi (come i Blur, e chi non li conosce si informi) vengono a Lucca proprio perché il concerto è in una location d’eccezione, sotto le mura. Se dovessero andare in un uno stadio non verrebbero certo a Lucca. Quando entrano da fuori soldi in una città questi iniziano a girare. Chi guadagna poi li spende. Esempio: il titolare di un bar che ha guadagna tantissimo grazie al concerto decide di rifare il pavimento della casa, e quindi i soldi di chi è venuto a Lucca al concerto alla fine vanno al piastrellista.
Il piastrellista compra un motorino al figlio, e guadagna il concessionario, ecc ecc ecc
Ragionate un po’, forza!!

Aninimo - 30/11/2022 22:20

Se uno non conosce i Blur vive fuori dalla realtà, e i punti di vista di chi vive fuori dalla realtà non credo siano applicabili alla realtà.

In ogni caso, avete visto Destra e Sinistra: alle prossime elezioni votate ME e vi prometto che sposterò Comics, Summer e qualunque altra cosa, alla zona Giostre e al Foro Boario. Tanto non sarebbe una promessa che mi farebbe sentire strangolato dall'averla ormai fatta, sarebbe una cosa che IO voglio da decenni, personalmente! Il manto erboso sarebbe ripristinato ovunque, le cancellate attorno alle Mura, abbattute, tutto tornerebbe come prima. Farei demolire la Galleria Coperta e ripristinare i Chiariti piantando nuovi alberi, e ovviamente demolirei anche l'affare gigantesco e bruttissimo a SanConcordio. Toglierei la pista ciclabile che non usa nessuno e la ri-sostituirei con parcheggi gratis (o a pagamento per qualche anno dovesse venir fuori che il Comune non ha abbastanza soldi per tutte le operazioni che ho appena promesso). Poi oh, non vi aspettate che io proibisca i risciò (me ne fotto alla grande) o i barini (mi piacciono) ma i grandi eventi devono stare FUORI DAL CENTRO e lontano dalle sue vicinanze! Sono un'invasione della quiete pubblica e vanno ripensati.

anonimo - 30/11/2022 15:48

I Blur li conosco e sono una ottima notizia.
Sono favorevole a Comics e Summer ma questa soluzione sugli spalti non è per nulla sostenibile; è inquinante e costosa (alla fine paga la collettività). O si trovano altri posti idonei (a mio parere ci sono) o si cerca una qualche soluzione strutturale sul Balilla accettabile (non so se possibile una griglia in acciaio da mettere sotto l'erba, che regga le strutture soprastanti )

anonimo - 30/11/2022 15:32

Se non conosci i Blur sei solo un ignorante eccezionale.

Ed Cecchini - 30/11/2022 13:23

Io non vedo l ora facciano il nuovo stadio e che venga utilizzato anche per il summer così non rovinano più gli spalti delle mura.

Rossano - 30/11/2022 11:27

A parte l'ignoranza musicale di dire "i Blur. E chi sono?". Non è colpa del comune se siete ignoranti musicalmente parlando.
Detto ciò però, mi trovo concorde che sfare/fare/sfare in questa maniera e da veri folli e non voglio neanche immaginare i costi, oltre allo scempio estetico. A questo punto sarebbe più intelligente eliminare del tutto l'erba in quell'area e farci una pavimentazione che può essere sfruttata sia per gli eventi, sia a mo di parco.

Anonimo - 30/11/2022 11:04

ogni anno la solita polemica.
E ogni anno arrivano le solite risposte. Quanto costa? Nulla. Per le casse del comune è un attivo. Il costo è compensato e superato dalle entrate che portano gli eventi. Nel 2019 fu fatta anche una commissione speciale partecipate dove fu elencato per filo e per segno tutto. L'attivo sono centinaia di migliaia di euro.
Poi tanto da uno che non sa nemmeno chi siano i Blur cosa ci si può aspettare... Ogni amministrazione che c'è stata e che ci sarà terrà la barra dritta su questo perchè sono scelte logiche e supportate dalla stragrande maggioranza dei lucchesi.

Anonimo - 30/11/2022 10:04

Se è così costoso ripristinare il manto erboso potremmo dedicare quella zona ad attività del genere, con un'adatta pavimentazione non permanente, senza ogni volta ripristinare il manto erboso e quindi dare la possibilità di intensificare il numero degli eventi organizzati.

Andeea - 30/11/2022 07:30

È il modo di segnare il territorio. Come il cane che p....a all'angolo che vuol dire: qui c'è mio È non rompete...

Anonimo - 28/11/2022 20:58

foto Bertuccelli

la foto - 28/11/2022 18:48

Gli altri post della sezione

Lucca come Pisa

Povera Lucca ,la Lucca del ...

Traffico in via di Tiglio

Leggo su un quotidiano onl ...

Ballano dieci milioni

in sintesi i fatti - nel ...

Le città turistiche

Ha presente Venezia? Ci so ...

Quale turismo per Lucca ?

Si parla spesso di Lucca s ...