• 7 commenti
  • 05/10/2022 10:50

Basta ideologie sul riscaldamento dei Toscani.


La Regione Toscana, ha autorizzato alcuni Comuni, in particolari situazioni di inquinamento, a proibire il riscaldamento a biomasse (legno e pellets) salvo per i possessori di nuovissimi impianti, da dover acquistare.

Non entriamo nella discussione, che prima o poi andrà fatta, sulla fondatezza degli studi scientifici che stanno alla base di questa scelta, ci limitiamo ad osservare che siamo nella situazione in cui il Gas metano, l’elettricità e il gasolio da riscaldamento raggiungono prezzi assurdi, insostenibili ai più.

Bollette impossibili da pagare giungono alle famiglie per gas e luce e si riferiscono all’estate.

In inverno le famiglie dovranno riscaldarsi e accendere per più ore la luce e pochi saranno in grado di pagare le bollette.

Sospendere il divieto all’uso di legna e pellets apparare indispensabile e misura di buon senso, nel momento in cui a livello nazionale si stanno riattivando anche le centrali elettriche a carbone.

Di fronte a questa tragica emergenza posizioni ideologiche non sono accettabili.

Chiediamo alla Regione Toscana di sospendere i divieti fino al termine dell’emergenza gas e luce, chiediamo al Comune di Lucca di dissociarsi dalle decisioni di Capannori e gli altri comuni della Piana di vietare l’uso del riscaldamento a biomasse.

Si deve consentire, in via solo transitoria, di utilizzare la legna per riscaldamento a tutte le famiglie, anche per diminuire il fabbisogno di gas, che rischia di essere razionato.

Utilizzare la legna per riscaldarsi consente anche di riattivare un mercato fai da te, che oltre ad essere più economico, contribuisce a quella pulizia dei boschi della nostra Regione, abbandonata da anni e responsabile di gran parte degli incendi e dei danni al patrimonio boschivo toscano.

Mantenere questo divieto avrebbe un unico risultato: costringere i cittadini a violare le norme per sopravvivere e imparare ad infischiarsene di quando deciso in Regione.

 

Francesco Colucci, Riformisti per il Terzo Polo

I commenti

Tutti accenderanno quel che pare a loro e nessuno farà multe. Anche perché quelli che accenderanno il camino hanno tutto il diritto di non far entrare in casa loro personaggi privi di un mandato di perquisizione. Per cui è tutta una bolla di sapone. Detto questo è irrazionale non utilizzare le biomasse di cui il territorio lucchese è ricco. Sarebbe come se gli sceicchi del Golfo, invece di bruciare il loro petrolio importassero legname dall'Italia per produrre energia.

anonimo - 09/10/2022 04:58

Vero! Io ho un caminetto a camera chiusa datato senza stelle che attraverso uno scambiatore di calore, ponte termico coll'impianto termosifone, può funzionare anche insieme alla caldaia a gas.
L'ho sempre acceso per integrare nei periodi più freddi.
Domanda?
Tutti gli autotreni e altri veicoli che girano per le strade e che dall'esterno appare chiaramente funzionino a carbone,
LE HANNO LE STELLE??????????????
QUELLI POSSONO GIRARE ACCESI???????????
BLEAH!
NAUSEANTE!

... - 05/10/2022 17:28

Secondo il mio punto di vista vietare l'uso di impianti a biomasse che non hanno un rendimento adeguato e che rilasciano nell'aria % di CO o di particolato elevato puo' avere un senso.
Quello che non ha senso e' che dalla mattina alla sera si sono inventati quella storia delle stelle.
Teoricamente se il tuo apparecchio non e' stato certificato con il sistema delle stelle, e ne ha almeno tre, non lo puoi usare.
Stufe a legna progettate anche prima di questa legge hanno tutte una scheda tecnica, ed i parametri che alla fine finiscono per assegnare le stelle sono indicati e sono il risultato di test presso laboratori di prova, perche' le stufe sono soggette ad una normativa tecnica europea e per essere immesse nel mercato, e marcate CE, devono superare certe prove ( non solo di sicurezza elettrica).
Pertanto molte di queste si comportano come, e talvolta meglio di una stufa con tre o quattro stelle, ma secondo questi imbecilli ( non trovo altro aggettivo) non si possono usare e chi le ha le dovrebbe tenere spente o sostituire a sue spese.
Sicuramente, visto che l'idea delle stelle arriva da regioni dove comanda il Suo partito, Lei potrebbe molto meglio dei cittadini che subiscono, risalire al genio che ha formulato la legge e suggerirgli quantomeno di cambiarla , facendo riferimento ai dati tecnici e mettersi le stelle dove meglio crede.

Anonimo - 05/10/2022 16:00

Per abbandonare le ideologie, la Regione dovrebbe fare come fanno in Svizzera da tempo.
Filtri elettrostatici alle canne fumarie.
Ma purtroppo siamo in Italia, non in Svizzera.

... - 05/10/2022 13:15

Oggi la realtà è dettata prevalentemente da ideologie, anche le realtà più semplici.
Adesso scrivo questo commento, che possiamo benissimo classificare come risposta ideologica, prodotto del mio cervello.
Per questo e data l'età, in genere ho smesso di rispondere a domande in genere prettamente ideologiche convinte.
La miglior risposta, ad -anta anni è il silenzio, e l'osservazione dell'altrui, non ideologico, naso che sbatte nella realtà immanente (che parolona!).
Mi viene in mente una 'passata' di mio fratello. Cosa accaduta!
In casa nostra, abitazione non grande, normale, tutte le stanze hanno la porta in un angolo, dietro ogni porta aperta dieci-quindici centimetri di spazio.
Al primo piano c'è una stanzetta-ripostiglio di due metri per due e mezzo circa, con armadio utilizzato con sportelli da aprire per prendere qualsiasi cosa ci stia dentro, questo armadio su tutto un lato e sull'altro lato un mobile a staffe che occupa tutto il lato escluso lo spazio per aprire la porta.
Lui fa "ci starebbe bene quel tavolino che è nell'ingresso" (70x70 cm), io rispondo: "e dove lo metti?", lui: "dietro la porta", io dico non facendo commenti (ridendo sotto i baffi): vai! Guarda ho mal di schiena, non ti posso aiutare, lo porti su tu, vero?
Lo sa?
L'ha portato su!!!!!!! (E l'ha riportato giù).
Fossi stato pù giovine ed ingenuo, forse avrei tentato di comunicargli che era un'idea assai problematica, siccome ho -anta anni non ho più voglia di fare a cornate ideologiche, me ne sono stato zitto.
Bambino Cattivo in un Mondo ideologico.

... - 05/10/2022 12:23

Oggi si va avanti ad ideologie, ad ideologia si risponde con ideologia.
L'unica cosa sensata che dovrebbe fare la Regione?
Controllo e sanzioni draconiane degli scarichi degli autotreni e di tutti gli altri automezzi che lontano da qualsiasi ideologia, in TUTTA EVIDENZA, appaiono funzionare (ideologicamente) a carbone.

... - 05/10/2022 11:07

il pellet costa quasi come il gas. O forse di più se continua così

anonimo - 05/10/2022 10:54

Gli altri post della sezione

Un piccolo esempio

Capita di leggere un titol ...

Il nuovo Holodomor

Putin sta tentando di far ...

Le Luci sulla Città

Questa sera sono venuto al ...