• 0 commenti
  • 01/10/2022 10:39

A LUCCA IL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN TECNOLOGIA E PRODUZIONE DELLA CARTA E DEL CARTONE


Promosso dal Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Pisa e da Flafr



E’ stato presentato ufficialmente nelle sale di Confindustria Toscana Nord il primo corso magistrale di ingegneria dell’Università di Pisa in Tecnologia e Produzione della Carta e del Cartone.

Il corso si tiene interamente a Lucca ed è a supporto del settore economico principale della provincia..


Un appuntamento cui hanno preso parte il Magnifico Rettore dell’Università, prof. Paolo Maria Mancarella, Massimo Marsili, dirigente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, il presidente del corso di laurea Marco Frosolini, i docenti universitari ed aziendali e gli studenti, molte imprese del distretto. Vi hanno preso parte anche i rappresentanti di Assocarta (Gianluca Antonelli) e di Cepi (Michele Bianchi), le due associazioni del settore cartario e cartotecnico a livello nazionale ed europeo, nonché il vicepresidente di Confindustria Toscana Nord, Tiziano Pieretti. A salutare a nome delle istituzioni sono stati il sindaco Mario Pardini, il presidente della Provincia Luca Menesini e l’assessora regionale Alessandra Nardini.

Il percorso che ha portato alla nascita di questo corso è stato al centro dell’intervento del prof. Leonardo Tognotti dell’Università di Pisa, mentre le sfide europee in campo di sostenibilità sono state descritte dall’ing. Giovanni De Santi, già direttore del Joint Research Centre della Comunità europea.


Alla presentazione hanno partecipato anche le scuole superiori che hanno al loro interno degli indirizzi rivolti al mondo della carta, come l’Iti Fermi, l’istituto Marchi Forti di Pescia e il Benedetti di Porcari. Un intervento invece rivolto alla formazione degli ITS stato quello del direttore della Fondazione ITS Prime di Firenze, Mirko Del Grande.


Punto fermo di tutti gli interventi è stata la necessità di una formazione specifica in grado di dare le competenze ai futuri dirigenti per affrontare le difficili sfide che si presenteranno in un prossimo futuro. E quindi si è parlato di energia, di zero emissioni, di green economy e di industria 4.0.


Il corso di laurea magistrale che si tiene interamente in lingua inglese è nato da un bisogno espresso dal settore produttivo della carta e della meccanica ed accolto dal Dipartimento di Ingegneria Civile ed Industriale dell’Università di Pisa, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, dalla Fondazione Lucchese per l’Alta Formazione e la Ricerca. L’intento è la formazione di figure di ingegneri dotati di forti competenze specialistiche e attenti ai temi dell’energia, della sostenibilità e dell’industria 4.0 da inserire nei poli produttivi della filiera cartaria e completando un ciclo formativo che traccia dalla scuola media superiore all’Università un’offerta fortemente orientata ai bisogni delle imprese. E con lo scopo di fornire al distretto lucchese un polo di ricerca universitario interamente a servizio del settore per incrementare e velocizzare l’innovazione e il trasferimento tecnologico nell’intera filiera.


“Con questo corso di laurea si crea una figura professionale altamente specializzata – ha detto Marco Frosolini, professore dell’Università di Pisa e Presidente del corso - dotata di una formazione interdisciplinare sui processi, sugli impianti e sui prodotti caratteristici dell’industria cartaria. Per questo abbiamo scelto di confermare anche la consistente presenza di docenti/manager che provengono dal mondo industriale. Grande attenzione sarà rivolta allo studio e alla ricerca sui processi, sui materiali e sulle tecnologie abilitanti per i nuovi modelli di industria 4.0 e di economia circolare, cui anche l’industria cartaria sta indirizzando la propria attenzione. È importante ricordare, infine, che il corso nasce con vocazione decisamente internazionale: corsi in lingua inglese, contatti con Università e istituzioni europee, nell’ottica di arrivare, in un futuro non troppo lontano, ad un corso congiunto con importanti atenei europei”.


Il dr. Massimo Marsili, per conto della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, ha ringraziato “l’Università di Pisa per il lungo lavoro di preparazione necessario ai riconoscimento ministeriale del Corso e per l’attenzione al territorio che, già manifestata negli anni nell’organizzazione scientifica del Master della Carta, si esprime ora con l’impegno didattico e organizzativo della realizzazione di un Corso di Laurea magistrale. La Fondazione per norme e per statuto non può erogare direttamente alle imprese. L’impegno in progetti formativi e di ricerca sono tuttavia segni concreti di prossimità e sostegno al sistema delle imprese, ai suoi bisogni formativi e all’innovazione.”


Il Corso è finanziato dall’Università di Pisa, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, da Assocarta, da Sofidel, da Celtex, da Fosber, da DS Smith e da Oradoc.

Confindustria Toscana Nord, Aticelca ed altre imprese hanno partecipato all’elaborazione dei bisogni e dell’offerta didattica.


Dopo i primi anni accademici tenutisi da remoto, a partire dall’anno accademico 2022/2023 le lezioni sono riprese in presenza nelle aule del complesso di San Micheletto a Lucca. E’ inoltre possibile fruire delle videoregistrazioni per favorire la formazione di studenti già al lavoro in azienda.


Per le informazioni di dettaglio è possibile collegarsi al sito dell’Università di Pisa dedicato alla laurea: https://dici.unipi.it/didattica/technology-and-production-of-paper-and-cardboard/ oppure telefonare alla segreteria didattica di Lucca a Celsius (tel. 0583/469729 – info@celsius.lucca.it).

Gli altri post della sezione

Tre a zero

di Massimo Gramellini - co ...

E sento l'Onda

Un saluto poetico, oggi co ...

Tingerli no?

Iolai potevate anco tinger ...

I tricicli di Bove

Non servono a nulla. Vende ...