• 0 commenti
  • 23/09/2022 18:36

Appello al voto per il TERZO POLO

L’ Italia, 60 milioni di cittadini, decine di migliaia di industrie e attività commerciali, ospedali e abitazioni rischiano il razionamento dell’energia elettrica e del gas, all’inizio del 2023.

Le aziende chiuderanno, licenzieranno e i cittadini non si riscalderanno.

Perché, un Sindaco della Meloni e un pugno di cittadini, un PD attratto dalle sirene populiste, stanno opponendosi alla decisione del Governo di collocare un rigassificatore a Piombino, che invece Ravenna ha tranquillamente deciso di accogliere.

Non solo, ma morti e danni enormi a strutture e paesi avvengono ogni anno in Italia, perché non si riesce a spendere in opere civili, di difesa all’ambiente, di sviluppo industriale e commerciale, di approvvigionamento energetico, per le speculazioni elettorali dei partiti populisti, per la loro incapacità di gestire la cosa pubblica, per le proteste di piccoli comitati, per l’accondiscendenza verso gruppi di potere e Stati esteri. (vedi la Russia sul Gas).

In queste elezioni abbiamo potuto osservare la vena populista del PD di Letta dei suoi alleati estremisti, Sinistrorsi e Verdognoli, le proposte folli e demagogiche della Lega di Salvini, la collocazione antieuropea e sovranista della Meloni, i raggiunti limiti di età di Berlusconi, ormai preda di senili pulsioni di rivincite personali, il voto di scambio assistenziale quale unica politica di Conte e dei Grillini.

Nei quattro schieramenti che si contendono il successo elettorale, in tre di essi, destra, sinistra e grillini solo comportamenti e proposte populiste: tutto e subito, tutto a tutti, tutto e il contrario di tutto, hanno dominato la campagna elettorale con la unica eccezione del TERZO POLO, Azione e Italia Viva, Carlo Calenda e Matteo Renzi.

Che hanno detto pane al pane, dicendo a no a spese insostenibili e sì a fare le cose che servono: Rigassificatori, Termovalorizzatori, Strade, Porti, Trivellazioni, Nucleare pulito, per rendere indipendente l’Italia, dare lavoro e ricchezza a chi ha voglia di lavorare e assistenza ai solo indigenti, ai non abili al lavoro, ai pensionati.

Terzo polo al centro dello schieramento politico Italiano.

Il partito del fare, delle scelte intelligenti, dell’assunzione di decisioni e di responsabilità nell’interesse collettivo, senza essere accecato da scelte di comodo, populiste, tese solo alla ricerca del consenso elettorale.

Solo un successo del TERZO POLO può riportare ad unità questo Paese, a scelte di buonsenso nell’interesse comune, a Mario Draghi alla guida dell’Italia, in un momento di grande crisi economica e sociale.

Votare TERZO POLO vuol dire preferire Draghi a Meloni, Conte, Salvini e Letta.

Vuol dire scegliere di governare con la testa e non con la pancia.

Mario Draghi premiato come miglior statista mondiale del 2022.

Caro elettore, non trovare scuse: SEI TU CHE DECIDI, con il tuo voto.

Nessun altro. VAI A VOTARE e scegli l’Italia che ragiona, che decide, che sta in Europa, da grande paese e non da paria.

Gli altri post della sezione

Il pulpito

"" “Non mi sembra un buo ...

Cosa farà ora Marcucci?

La non rielezione del ex s ...

Io ho votato

Poter esprimere liberament ...