• 0 commenti
  • 02/09/2022 15:12

DUE GIORNI DI FESTA PER I SESSANT’ANNI DEL VERSILIA HOCKEY FORTE

Grandi festeggiamenti per i primi sessant’anni del Versilia Hockey Forte.

Due giorni per celebrare la grande storia della società nata nell’agosto del 1962.


8 SETTEMBRE


La celebrazione avrà inizio, giovedì 8 settembre, a Villa Bertelli.

La mattina a partire dalle ore 10:00 fino alle ore 12:00 si svolgerà il “Caffè Hockey Forte”, un’occasione per dialogare e conoscere il mondo che gravita attorno al Versilia Hockey Forte. Nella circostanza sarà presente una rappresentanza della squadra femminile, una rappresentanza della società “Sea Wolf”, una rappresentanza del pattinaggio artistico ASD StarSkating Forte dei Marmi e alcuni esperti di settore.

Nel pomeriggio, sempre nella prestigiosa location di Villa Bertelli, si terrà il convegno “Salute&Benessere” che a partire dalle ore 14:30, fino alle 18:30, vedrà il susseguirsi di interventi di grande livello ad opera di professionisti di settore quali: Marco Bartoli, Elisa Rielli, Sandra Cosci, Ennio Belli, Marco Marotta e Alfredo Macchiarini. Convegno che verrà coordinato da Bruno Ricci.

Infine alle ore 19:00 aperitivo al PalaForte e a seguire verranno presentati i giocatori, dalla giovanile alla serie A1 e la squadra femminile.




9 SETTEMBRE


Nella seconda ed ultima giornata, venerdì 9 settembre, spazio all’hockey e alla pista.


  • 15:30 esibizione di hockey su carrozzina ad opera della società ASD Wheelchair Hockey Versilia APS - Sea Wolf.

  • 18:00 Trofeo giovanile under 15 tra Pumas Viareggio e Forte dei Marmi

  • 19:00 Food Truck & Beverage musica dal vivo


Infine, alle ore 21:00, avremo il “main event” della due giorni: la partita tra i Rossoblù e il Follonica. Un momento di sport, di gaudio e di celebrazione dei primi sessant’anni di storia. La giornata si concluderà con la consegna del trofeo alla squadra vincente.


LA STORIA DEL CLUB


Una storia nata nell’agosto del 1962 sulla scia di un’idea da Dino Balderi proprietario del “Pattinaggio Prato Verde” il quale decise di dare vita ad una squadra che prese il nome di “Pattinatori Forte dei Marmi”.

Da quel momento nasce la grande tradizione sportiva di cui oggi siamo testimoni. Negli anni molti cambiamenti e scossoni, dalla costruzione della società “Atletico Forte dei Marmi”, al suo declino, dalla nascita, a fine anni ottanta del club “Hockey Club Forte dei Marmi Versilia” alla sua cancellazione, fino ad arrivare al 1995 quando nasce quella che è l'attuale Società la quale, nell'arco di pochi anni, riesce a riportare la squadra nella massima serie.

Sarà però solo con la costituzione del G.S.O. (Gruppo di Supporto Organizzato) che la società darà il via ad un percorso vincente trasformando l’Hockey Club Forte dei Marmi nella più importante società hockeistica italiana. Un successo testimoniato dai 4 scudetti vinti tra il 2013 e il 2019.

Un percorso vincente che ha visto il Versilia Hockey Forte alzare quest’anno la Super Coppa Italia e giocarsi la finale di Coppa Italia contro il Sarzana.IL PROGETTO FELICITA’


Adesso però siamo al presente, e il presente è il «Progetto Felicità» attraverso il quale si vuole puntare, non solo a continuare ad essere un club di riferimento sportivamente competitivo in Italia ma anche in Europa!

Un progetto fortemente voluto e sostenuto dall’imprenditore Attilio Bindi che con passione e lungimiranza mira alla costruzione del Consorzio «IO SONO FORTE» che ha l’obiettivo di creare una community virtuosa e interattiva con vantaggi per tutte le parti aderenti e per i tifosi del Versilia Hockey Forte.

Ma non solo, il progetto mira a promuovere l'hockey di base e aumentare il numero di bambini nel club. Si mira ad essere un punto di riferimento nell'allenamento e nella divulgazione di questo sport oltre che essere un club culturalmente attivo, che promuove tutti i tipi di attività culturali e di integrazione.

E adesso, dopo il primo anno di assestamento, la società è pronta a dare seguito alle rinnovate ambizioni proposte dal “Progetto Felicità”.

Gli altri post della sezione

Tre a zero

di Massimo Gramellini - co ...