• 0 commenti
  • 13/04/2024 12:37

Non dimenticarti mai del cielo. Poesie, incontri, illuminazioni

Non dimenticarti mai del cielo.

Poesie, incontri, illuminazioni


Giuseppe Cederna torna a Lucca con uno spettacolo inedito

che apre la quarta edizione di Canone in verso


giovedì 18 aprile, ore 21

venerdì 19 aprile, ore 18 e ore 21


Lucca

Oratorio degli Angeli Custodi


Prenotazioni online sul sito www.fondazionecarilucca.it a partire

dalle ore 12 di martedì 16 aprile



È l’attore Giuseppe Cederna, noto al grande pubblico per la sua interpretazione nel film premio Oscar “Mediterraneo” di Gabriele Salvatores, ad aprire la quarta edizione di Canone in verso, il ciclo di incontri dedicati a musica e poesia ideato e organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. Per l’occasione Cederna, che già lo scorso novembre si era esibito nella Chiesa di San Francesco con il suo “Marcovaldo”, apprezzatissimo da grandi e piccoli, torna a Lucca proponendo Non dimenticarti mai del cielo. Poesie, incontri, illuminazioni, un lavoro inedito in cui l’artista dà voce ai versi e alle parole di Arthur Rimbaud, Costantino Kavafis, Claudio Damiani, Pia Pera,Chandra Livia Candiani e Wislawa Szymborska. Giovedì 18 aprile, alle 21, presso l’Oratorio degli Angeli Custodi, piccolo gioiello barocco nel cuore della città, si svolge la prima dello spettacolo, che viene replicato anche venerdì 19 aprile due volte, alle 18 e alle 21.


Gli incontri sono a ingresso gratuito, ma per partecipare occorre prenotarsi online, sul sito www.fondazionecarilucca.it, a partire dalle ore 12 di martedì 16 aprile.


Torno a Lucca con il mio racconto più intimo e più vicino al cuoreracconta Giuseppe Cederna. Torno a Lucca in punta di piedi come se tornassi a casa. Una casa amica del teatro, della poesia e dell’incontro. Torno a Lucca per condividere le parole che ci aiutano a vivere ad occhi e cuori aperti. A viaggiare verso il mistero e la luce delle nostre vite. A tenerle per mano. “Su questa terra” senza mai dimenticarsi del cielo. Gli angeli custodi dell’oratorio sorridono e ci aspettano.”


Ad illuminare la serata, le rime immortali di Costantino Kavafis, tra i maggiori maestri della poesia contemporanea, che condusse un’esistenza appartata, quasi nascosta, ottenendo solo dopo la morte la fama che meritava. Di Kavafis Cederna legge e interpreta uno dei più celebri componimenti, Per quanto sta in te, che è un’esortazione a non sprecarla, la vita, a non sciuparla, anche se quella che stiamo vivendo non è la vita che avremmo desiderato. Dalla raccolta Attorno al fuoco di Claudio Damiani è tratta invece Ogni istante ha un peso d’oro, una rima che, come svela il titolo stesso, ci invita a lasciarsi trasportare da ogni attimo.


Ascolteremo poi Sensazione di Arthur Rimbaud, in cui il giovane “poeta maledetto”, a soli diciassette anni, descriveva la felicità totale ma effimera di una sera azzurra d’estate, e ancora Chiamati al volo della poetessa e traduttrice Chandra Livia Candiani e i versi di A primavera la vita è spingere della scrittrice Pia Pera, scomparsa nel 2016, tratti dalla sua ultima opera Al giardino ancora non l’ho detto (Ponte alle Grazie 2016). Componimenti che, malgrado tutto, sono messaggi di luce, di libertà. Perché, come ricorda Cederna, la poesia risveglia il nostro vivere quotidiano, ci apre al mistero e alla complessità del mondo. La poesia è la gratitudine del cammino, è leggera, si può infilare nello zaino o portarla a memoria. La poesia salva la vita.


Canone in verso proseguirà venerdì 10 e sabato 11 maggio, sempre all’Oratorio, con Federico Dragona, fondatore della band I Ministri, in Quello che ho capito di De André, per chiudersi venerdì 24 maggio, questa volta nella tradizionale location della Chiesa di San Francesco, con Vita meravigliosa, un omaggio di Iaia Forte all’amica e poetessa Patrizia Cavalli.






Informazioni

www.fondazionecarilucca.it

Gli altri post della sezione

Turismo a Lucca

Riflessione storica sul tu ...

Disegnare nel Mondo

Disegnare nel Mondo. Most ...