• 9 commenti
  • 03/03/2024 15:46

MOBILITA’: TUTTI FERMI IN ATTESA DEL MIRACOLO

 

Il recente incontro tra l’Assessore regionale alle infrastrutture e ai trasporti Stefano Baccelli con la Confederazione degli agricoltori a Lucca, leggendo dai resoconti dei giornali, in quanto non ho potuto essere presente, dimostra un ritardo culturale imbarazzante rispetto ai paesi più evoluti europei e alle prospettive di sviluppo del nuovo modello di mobilità di questa nostra epoca.

Da una parte c’è una organizzazione degli agricoltori che non riesce ancora a cogliere a pieno la portata reale dell’impatto devastante di un’opera come l’Asse Nord Sud, che spacca in due la Piana tagliando poderi e mettendo in ginocchio quelle poche aziende agricole sopravvissute alla cementificazione selvaggia della Piana, che nel frattempo, è diventata una camera a gas con i dati di inquinamento peggiori d’Italia, dall’altra, una classe politica dirigente ancora con la testa rivolta al 900, che non riesce ad avere uno sguardo lungo verso quello che sarà il prossimo futuro dove la terra coltivabile sarà, lo è già, la miniera dei diamanti dei nostri figli e nipoti, perché il problema cibo, il dare da mangiare, sfamare più di 8 miliardi di umani, sarà la vera grande emergenza del futuro se non ci estingueremo prima per la stupidità umana trionfante.

Mi prende lo sconforto sentire ancora raccontare ai presenti, la solita ormai insopportabile litania: “abbiamo chiesto modifiche per apportare migliorie che ridurranno l’impatto ambientale dell’opera e siamo fiduciosi”. Non posso credere a quello che ho letto, se rappresenta davvero quanto detto dall’Assessore. E’ vero che viviamo nell’epoca della memoria breve, ma dietro a tutto questo ci sono 40 anni di storia, perché un amministratore ha il dovere di ricordare che questa storia inizia alla fine degli anni ’80 con il SALT1, poi il SALT 2, poi il progetto del 2005 con successive modifiche sempre per ridurre l’impatto ambientale e migliorare il progetto, a questo punto mi viene spontanea una domanda: se dopo 40 anni non si è ancora riusciti a fare un progetto accettabile, quanti decenni ci vorranno per realizzarlo, ammesso e non concesso, che qualche umano riesca a fare il progetto del miracolo? Mi rivolgo a Stefano, che conosco da tanti anni, ma davvero lui crede che l’attuale modello di mobilità sia sostenibile e riproponibile anche per il prossimo futuro? Lui dovrebbe sapere che la comunità scientifica internazionale, le direttive europee e tutti gli studi dicono esattamente il contrario, anzi, azzardano perfino una data attorno alla quale il vecchio modello di mobilità novecentesca morirà definitivamente: il 2035.

Noi Italia, dal punto di vista della mobilità siamo il paese messo peggio, siamo quelli che hanno il rapporto auto private e popolazione più alto in Europa (quasi 700 auto per 1000 abitanti) è chiaro che saremo chiamati a riportarci dentro quella che è la media UE attuale di 560 auto e questo per noi significa una netta riduzione delle auto private di circa 140 unità per ogni mille abitanti, ciò significa una riduzione di oltre 7 milioni di auto che non sarà sufficiente, perché gli anni trenta saranno caratterizzati da una serie consistente di azioni disincentivanti, già individuate, per limitare il possesso in proprietà dell’auto perché questa dovrà trasformarsi in un servizio a domanda grazie alle opportunità offerte dall’intelligenza artificiale, che potrà essere amata o odiata, ma sicuramente ha già un impatto rivoluzionario nella mobilità del presente, non ancora in Italia, ma in tanti paesi a livello mondiale. E’ chiaro che, se questa è la direzione di marcia, tutti i paesi europei sono chiamati, in questi anni, ad investire tutte le risorse disponibili nella mobilità delle merci e delle persone su ferro, su acqua, su metropolitane, tranvie elettriche e su di un traporto pubblico moderno a richiesta adeguato ai bisogni e alle esigenze dei cittadini. Gli amministratori lucchesi della Piana, sembra che non vivano in questo mondo, restano ancora fermi a sostenere e a riproporre un progetto vecchio, superato, inutile, fuori del tempo e fuori dalla storia contemporanea che va esattamente nella direzione opposta di quello che sarà il modello di mobilità del futuro.

Eugenio Baronti

Sinistra Italiana Circolo di Lucca e Piana

I commenti

Date il via ai lavori degli assi viari, che aspettate? Noi siamo alla canna del gas , il traffico ci soffoca, abbiamo bisogno di RESPIRARE.

Anonimo - 05/03/2024 09:26

Vi rode perché gli assi viari vi porterebbero via il giardino , oppure vi passerebbero strade vicino casa, e allora? C'è chi da decenni sopporta ora basta ! Solo noi dobbiamo subire il traffico, le acque inquinate , le antenne gli ecomostri dei discount ? Eh no! Un po' per uno.im braccio a mamma!

Anonimo - 04/03/2024 18:13

Case vicino a strade e ponti ci sono, fate un giretto a San Donato e vi rendete conto che troiaio ha fatto il Comune di Lucca allo svincolo della bretella in via Delle Città Gemelle , chi ha fatto quel progetto doveva essere parecchio disturbato e di più il sindaco e la sua giunta che lo approvò.

Ano imo - 04/03/2024 09:28

ma si parla di preservare la campagna (e le case non ci sono) o i centri abitati? non ho capito

Anonimo - 04/03/2024 08:00

Di nuovo i soliti bla, bla ora si tira in ballo anche la UE che ci sta letteralmente rovinando, vedi gli agricoltori, progetti astronomici per salvare qualche proprietà privata che verrebbe intaccata da questo progetto , ridicoli, è stato distrutto tutto l’assetto della zona di San Anna, San Donato con strade, ponti, antenne e quei troiai de Supermercati nati come funghi velenosi, ora è giunta l’ora di un riassetto del territorio per un equo equilibrio.Rassegnatevi.

Anonimo - 04/03/2024 07:02

Terra coltivabile come miniera di diamanti!!! Ah, ah, ah. Infatti si vede!! Il novantacinque per cento della terra coltivabile, in provincia di Lucca è abbandonata, piena di rovi, di erbaccia e con i proprietari che se ne fregano di coltivarla. Si svegli!!! Baronti si svegli!!!! Invece di fare discorsi a vanvera prenda il sappon e vadi a sappà!! Che aspetta??? La miniera attende solo Lei!!!

Redazione - 04/03/2024 02:29

Se un alieno leggesse questa roba qui penserebbe che nel Pian di Lucca ci siano i poderi, con le vacche, i campi di grano, ecc. Ma che dite!!!!! Oh sciabigotti!!!

Anonimo - 04/03/2024 02:25

una ferrovia non spacca proprio niente, lungo le ferrovie ci sono case , ville ecc. lungo le autostrade a due, tre e quatto corsie di abitazioni non ce ne sono.

Anonimo - 03/03/2024 21:15

Sig.Baronti lei è sempre stato per la strada ferrata al posto dell'asfalto, e questo è innegabile. Ma secondo lei se al posto dell'asse stradale ci avessero fatto una linea ferroviaria locale il risultato di spaccare la piana, come dice lei, non sarebbe uguale? I treni - almeno per ora - non volano -

anonimo - 03/03/2024 15:52

Gli altri post della sezione

La guerra dell'acqua

Tutti insieme a un tavolo? ...

CaSSaPound Lucca

CaSSaPound Lucca La Giu ...

Coincidenze?

https://www.luccaindiretta ...

La sanità a Lucca

....E' certo che la sanit ...

“CAPANNORI CAMBIA”

Una buona Amministrazione ...

Il responsabile Sanità

Ogni tot settimane il resp ...

Partiti tutti uguali

Tutti i partiti assegnano ...