• 0 commenti
  • 21/09/2023 14:56

LE API SONO DEGLI INSETTI CHE POSSONO ESSERE SIA SELVATICI CHE ALLEVATI DALL UOMO.

LE FAMIGLIE ALLEVATE DALL’ UOMO VIVONO ALL INTERNO DI CASETTE DI LEGNO FORNITE DALL APICOLTORE CHE VENGONO CHIAMATE “ARNIE”, MENTRE LE FAMIGLIE SELVATICHE TROVANO RIPARO ALL’ INTERNO DI TRONCHI DI ALBERI CAVI, INTERCAPEDINE DEI MURI ECC….

HANNO UNA GRANDE IMPORTANZA PER L’ ECOSISTEMA IN QUANTO SVOLGONO IL COMPITO DI IMPOLLINARE MOLTI TIPI DI PIANTE. SENZA QUESTO INTERVENTO LA MAGGIOR PARTE DI FRUTTA E VERDURA NON POTREBBE ESSERE PRESENTE SULLE NOSTRE TAVOLE.

LA FAMIGLIA E’ UN SUPERORGANISMO FORMATO DA 20.000 INDIVIDUI DURANTE LA STAGIONE INVERNALE FINO AD ARRIVARE A CIRCA 50/60.000 INDIVIDUI DURANTE LA PRIMAVERA IN QUANTO PERIODO DI MASSIMO SVILUPPO. LA REGINA E’ COLEI CHE HA IL COMPITO DI DEPORRE UOVA LE QUALI POI DOPO CIRCA 20GG DIVENTERANNO API, LE OPERAIE CHE IN BASE ALLA LORO ANZIANITA’ HANNO DEI COMPITI BEN PRECISI ( DALLA PULIZIA DELL’ AMBIENTE IN CUI VIVONO, ALL’ ACCUDIMENTO DELLA COVATA, ALLA TERMOREGOLAZIONE DEL’ ALVEARE, ALLA GUARDIA DELLA LORO DIMORA E IN FINE BOTTINARE I FIOR), FINO AD ARRIVARE AI FUCHI CHE SONO GLI ESSERI DI SESSO MASCHILE NON SVOLGONO COMPITI DENTRO L’ ALVEARE IL LORO UNICO RUOLO E’ QUELLO DI FECONDARE LE NUOVE REGINE.

NE’ LA REGINA NE’ I FUCHI SONO PROVVISTI DI PUNGIGLIONE, IN QUANTO IN CASO DI ATTACCHI SONO PROTETTI DALLE OPERAIE.

L ‘ APE REGINA PUO’ ARRIVARE A VIVERE ANCHE TRE O QUATTRO ANNI, LE OPERAIE FINO A 30/40 GIORNI MENTRE LE API NATE IN AUTUTNNO VIVONO ANCHE TRE MESI. I FUCHI SONO PRESENTI SOLAMENTE DURANTE LA PRIMAVERA E L’ ESTATE, VERSO SETTEMBRE I POCHI INDUVIDUI RIMASTI VENGONO ALLONTANATI DALLA COLONIA IN QUANTO NON SERVONO PIU’ PER LA SOPRAVVIVERNZA DELLA FAMIGLIA.

QUESTO SISTEMA E’ ORGANIZZATO IN MODO INFALLIBILE AVENDO OGNUNO UN COMPITO BEN PRECISO, MA NESSUNO PUO’ FARE A MENO DELL’ALTRO.

PRODOTTI DELL ALVEARE:

MIELE- VIENE RICAVATO DAL NETTARE DEI FIORI PRELEVATO DALLE API BOTTINATRICI, QUEST’ ULTIMO VIENE PORTATO ALL’ INTERNO DELL’ ALVEARE E LAVORATO DALLE API, STOCCATO ALL’ INTERNO DELLE CELLETTE FUNGE DA NUTRIMENTO ZUCCHERINO.

I MIELE POSSONO ESSERE MONOFLORA (NETTARE PRELEVATO DA UNA SOLA TIPOLOGIA DI FIORE) O MILLEFIORI (PIU TIPI DI NETTARE).

OLTRE AD ESSERE UNA FONTE DI ZUCCHERI NATURALI, IL MIELE E’ IMPORTANTE NELL’ ALIMENTAZIONE UMANA IN QUANTO RICCO DI ENZIMI E HA PROPRIETA’ CORROBORANTI, ANTINFIAMMATORIE E DIURETICHE.

POLLINE- PRELEVATO DAI FIORI, LE BOTTINATRICI LO PORTANO ALL INTERNO DELL’ ALVEARE E FUNGE DA ALIMENTAZIONE PROTEICA PER LE LARVE.

SI PRESENTA IN PICCOLE PALLINE DI COLORI DIVERSI A SECONDA DEL TIPO DI FIORE DA CUI E’ STATO PRELEVATO RICCO DI AMINOACIDI E VITAMINE DEL GRUPPO B E C E’ ANTIOSSIDANTI ED E’ CONSIGLIATO IL SUO USO QUOTIDIANO PER COMBATTERE AFFATICAMENTO MUSCOLARE E MENTALE.



PAPPA REALE –PRODOTTA DALLA SECREZIONE GHIANDOLARE DELLA API VIENE USATA PER NUTRIRE LE LARVE I PRIMI TRE GIORNI DI VITA E LA REGINA PER TUTTA LA DURATA DELLA SUA ESISTENZA.

MOLTO RICCA DI VITAMINA B E’ UN OTTIMO ALLEATO DEL SISTEMA IMMUNITARIO SE CONSUMATA QUOTIDIANAMENTE.

PROPOLI- VIENE PRELEVATA DALLE GEMME DI ALCUNI TIPI DI PIANTE, E’ UNA RESINA CHE FUNGE DA DISINFETTANTE PER L’ ALVEARE. LE API USANO QUESTO PRODOTTO PER STERILIZZARE LE CELLETTE DEI

FAVI.

CONSUMATA GREZZA O MESSA A MACERARE IN SOLUZIONE ALCOOLICA FUNGE DA ANTIBIOTICO NATURALE, SOPRATTUTTO PER IL CAVO ORALE. TROVA IMPIEGO ANCHE PER LA DISINFEZIONE DI FERITE.


CERA D’API- VIENE PRODOTTA DALLE API OPERAIE ATTRAVERSO DELLA GHIANDOLE POSTE SULL ‘ADDOME.

VIENE UTILIZZATA PER COSTRUIRE FAVI DOVE POI VERRA’ STOCCATO MIELE, POLLINE E FATTE NASCERE NUOVE API.

LA CERA GREZZA VIENE UTILIZZATA PER IL TRATTAMENTO DEL LEGNO.

VELENO D’ APE- QUESTO PRODOTTO VIENE SPESSO UTOILIZZATO NEL CAMPO COSMETICO PER LA PRODUZIONE DI CREME DI BELLEZZA SIA PER LA CURA DI REUMAUTISMI E PROBLEMI OSTEO ARTICOLARI

Gli altri post della sezione

Forza Italia:

La nota del partito dopo l ...

Replica Sistema Ambiente

Gentilissimo Direttore de ...