• 0 commenti
  • 30/08/2023 19:28

I campi sportivi lucchesi

Abbiamo letto nelle scorse settimane alcuni interventi, anche polemici, aventi per oggetto la gestione di alcuni impianti sportivi nel comune di Lucca. In particolare, l’attenzione si è concentrata sulla gestione di alcuni campi di calcio, ora chiusi al pubblico per ragioni molteplici e tra loro diverse. E, in questi giorni, è poi ritornata d’attualità la mancanza di impianti per la pratica di alcune discipline sportive.

Abbiamo aspettato ad intervenire perché quello che a noi interessa non è la polemica fine a se stessa ma la ricerca di soluzioni ai problemi emersi. La normativa che regola l’affidamento in gestione di impianti “privi di interesse economico” quali sono quelli oggetto di dibattito è molto precisa e puntuale, sia a livello nazionale sia regionale, e, per quanto riguarda il Comune di Lucca, è stata recepita in uno specifico regolamento.

E’ una normativa che per questa tipologia di impianti privilegia l’affidamento in gestione a soggetti dell’ordinamento sportivo (Associazioni e società sportive dilettantistiche, Enti Sportivi Dilettantistici, Federazioni, Enti di Promozione Sportiva, Discipline Sportive Associate,) che a livello nazionale ha subito di recente importanti modifiche e che a livello regionale è in corso di aggiornamento. Sulla base di tale normativa la precedente Amministrazione ha affidato la gestione degli impianti sportivi comunali aventi i suddetti requisiti.

Sono passati alcuni anni, e mentre molti impianti sono gestiti egregiamente dai soggetti che li hanno avuti in concessione è indubbio che altri impianti, e in particolare alcuni di quelli oggetto di polemica, non sono in buone condizioni, per i più diversi motivi. Se pertanto l’Amministrazione attuale ha ritenuto necessario fare il punto della situazione e mettere fine ad alcune criticità la decisione non può che essere condivisa, come abbiamo condiviso i regolamenti e i principi che hanno guidato le scelte di quella precedente.

Quello che a noi interessa è però ora come fare in modo di restituire alla collettività e alla pratica sportiva gli impianti attualmente chiusi. Per tali motivi, ci rendiamo disponibili a collaborare per una loro riapertura e nello stesso tempo proponiamo all’Amministrazione comunale che dia vita ad un percorso di co-programmazione che abbia al centro la tematica dell’impiantistica sportiva e che coinvolga tutti i soggetti in precedenza citati, secondo quanto previsto dal Codice del Terzo Settore e dalla legge regionale 65/2020, in questo modo fungendo anche da “apripista” sul territorio provinciale per iniziative analoghe in materia di politica sportiva.

IL COORDINAMENTO DEGLI ENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA DELLA PROVINCIA DI LUCCA

Gli altri post della sezione

Al BCL Conferma coach

Al BCL è tempo di colloqu ...

Siete dei sudici

Tutta la sortita di via de ...

Guidano con il cellulare

Non si fa altro che vedere ...

garby

E niente! Tutto cambia pe ...

il fieno non manca mai

Sarebbe meglio togliere le ...