• 0 commenti
  • 21/09/2022 13:06

Cgil Lucca - 3a festa/convegno di LiberEtà sulle disparità di genere

 3° festa/convegno di LiberEtà, il mensile del sindacato pensionati, tenutasi ieri presso La Brilla nel comune di Massarosa, che ha avuto come argomento di discussione le disparità di genere. In allegato anche alcune foto dell’evento.

 

Cordiali saluti,

Leonardo Monselesan, addetto stampa Cgil Lucca

 

La Brilla, antico opificio nel comune di Massarosa, nella serata di martedì 20 settembre è stata la sede della terza festa/convegno di LiberEtà, il mensile dello SPI Cgil, organizzata dallo SPI Cgil Lucca.  

Al centro della discussione le tematiche di genere, attraverso l’approfondimento di quattro macro-argomenti che toccano in modo trasversale tutta la società: il linguaggio, l’uguaglianza di genere, i lavori discriminanti e la medicina di genere. 

Per contribuire al dibattito, introdotto dalla responsabile del Coordinamento Donne SPI Lucca Emanuela Bianchi e moderato dal Segretario dello SPI Cgil Lucca Roberto Cortopassi, sono intervenuti numerosi ospiti, tra cui: la sindaca di Massarosa Simona Barsotti, assieme all'assessora al sociale Alberta Puccetti e alla responsabile delle pari opportunità Teresa Alice Checchi; la segretaria della Cgil FILCAMS Versilia Sonia Campeol; la consigliera provinciale con delega alle pari opportunità Teresa Leone; la Segretaria nazionale medici e dirigenti SSN per la FP Cgil Patrizia Fistersmaire; e la responsabile del Coordinamento Donne SPI Cgil regionale Marisa Grilli. 

Nel corso degli interventi, si è parlato di come la disparità di genere sia ancora un fenomeno endemico, basato su un modello patriarcale portato avanti anche dal linguaggio che usiamo. Il nostro vocabolario si sta infatti dimostrando resistente ai cambiamenti contro il sessismo (modi di dire e mancanza di declinazioni al femminile per molte professioni), che dovrebbero favorire un cambiamento a livello sociale.  

Le disparità di genere si notano particolarmente nell’ambito lavorativo, in cui è presente una forbice salariale tra uomini e donne, spesso soggette anche a forme di denigrazione delle loro competenze o di molestie sul posto di lavoro. La questione salariale è dovuta alle possibilità di fare carriera, limitate per il mondo femminile a causa del lavoro di cura della famiglia e della casa che, secondo un preconcetto ormai datato, ricade sulla donna.  

Il lavoro al femminile si presenta inoltre spesso come precario e povero, come spiegato dagli esempi forniti da Sonia Campeol, segretaria FILCAMS, una delle categorie con il più ampio tasso di occupazione al femminile. Una condizione dovuta frequentemente ai contratti in appalto che, secondo la logica del massimo risparmio, razionalizzano le risorse adoperando tagli al personale e/o all’orario di lavoro.  

Una serie di problemi che si stanno dimostrando al di fuori delle priorità della politica, anche se l’attuale crisi ha dimostrato di aver colpito maggiormente proprio le donne. Sarebbe invece necessario un impegno a livello strutturale per l’appianamento delle disparità di genere, che potrebbe però non essere sufficiente. Per superare queste problematiche infatti l’unica soluzione sembra essere quella di sensibilizzare i bambini fin da piccoli, sia in ambito familiare che in quello scolastico.  

Gli altri post della sezione

Non vi lasceremo sole

Non vi lasceremo sole Tam ...

Che belle luci

Una città davvero illumin ...

NATALE AL MUSEO

In vista del Natale il mus ...