• 1 commenti
  • 19/09/2022 12:50

Grande festa a San Gennaro L’ANGELO E LA MADONNA DEL PARTO TORNANO NELLA PIEVE RESTAURATA

Lucca 19 settembre 2022 – “Finalmente” è la parola d’ordine! dopo anni di attesa il ritorno dell’Angelo Annunciante e della Madonna del Parto e il restauro della Pieve di San Gennaro sono un segnale eclatante di rinascita e ripartenza.

 

LA FESTA

È stata una grande festa quella che si è svolta ieri (18 settembre) a San Gennaro, densa di significato e di novità.  Una ‘triplice’ inaugurazione che ha avuto inizio con la celebrazione della Santa messa da parte di Monsignor Michelangelo Giannotti, vicario generale dell’Arcivescovo di Lucca, ed è proseguita con gli interventi del sindaco di Capannori, Luca Menesini, del parroco Don Cyprien, del Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Marcello Bertocchini, Ilaria Boncompagni della Soprintendenza, e infine di Oreste Ruggiero, promotore del progetto di restauro dell’Angelo.

Per arrivare all’immancabile chiusura con il concerto della Filarmonica ‘Gaetano Luporini’ di San Gennaro.

 

LA SINERGIA

Un’intera comunità riabbraccia i suoi tesori grazie a un’efficace sinergia tra Arcidiocesi di Lucca, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Comune di Capannori e Soprintendenza di Lucca e Massa Carrara. Un’operazione culturale che nasce nel 2018 e ha visto la partecipazione straordinaria del Centro Espositivo Leo Lev di Vinci e dell’Opificio delle Pietre dure di Firenze, che ha curato le operazioni di restauro dell’Angelo. Un restauro che si è mosso in parallelo al recupero della struttura lapidea della Pieve, finanziato e direttamente seguito dalla Fondazione CRL, che rischiava di andare perduta a causa dello stato di degrado avanzato in cui versava.

E ora spazio a un percorso di valorizzazione prevede un calendario di visite guidate e periodi di aperture a turisti e fedeli per far conoscere sempre più questo prezioso angolo di arte sulle pendici delle Pizzorne.

 

LE STATUE E LA PIEVE

L’attesa è stata lunga e carica di preoccupazioni, ostacoli. Molti imprevisti hanno fatto sì che l’Angelo Annunciante e successivamente la Madonna del Parto, soggiornassero altrove, custoditi con la massima cura, per essere restaurati, apprezzati e valorizzati. Un atto dovuto nei confronti di opere uniche ancora poco conosciute: l’Angelo, attribuito alla bottega di Andrea del Verrocchio ma anche alla mano di Leonardo da Vinci dallo storico dell’Arte Carlo Pedretti, è un’opera indubbiamente enigmatica,  che suscita in chi la osserva una particolare attrattiva, un’aura mistica che solo le grandi opere d’arte riescono a trasmettere, adesso torna a San Gennaro, nella casa che la ospita da sempre, in una nuova collocazione, all’interno di una teca assieme alla Madonna del Parto, per essere entrambe apprezzate per la loro bellezza ed armonia in un luogo sicuro e protetto.

Anche la Pieve di San Gennaro è stata restaurata, bonificata dal degrado prodotto da secoli di umidità, di incuria, di interventi che non avevano risolto in profondità le problematiche. Adesso tutto è pronto, grazie al provvidenziale intervento della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, risanato per accogliere di nuovo l’Angelo e la Madonna del Parto. Il restauro delle due sculture finanziato rispettivamente dal Centro e Leo – Lev, grazie all’intervento di Oreste Ruggiero e dal Comune di Capannori che ha finanziato le ultime fasi del Restauro - ha restituito alle sculture le volumetrie originali, permettendoci di riscoprirne il movimento, la leggerezza, le coloriture, i decori originali, occultati da secoli di improvvisate manutenzioni e modalità conservative non idonee. La riscoperta dei dettagli, lo studio approfondito delle tecniche e dei materiali, attraverso una diagnostica puntuale e analitica, il supporto di fonti documentarie, anche se frammentarie, hanno avviato un percorso di studi che può vantare un supporto scientifico aggiornato e in continua evoluzione che porterà risposte a quesiti che ancora affascinano e fanno discutere studiosi e appassionati.

 

E ora, sguardo rivolto al futuro per tutelare e promuovere questo patrimonio.

I commenti

Capisco che la tendenza attuale sia ricollocare le opere nei luoghi d'origine, ma quell'angelo lì, se messo a Villa Guinigi e ben pubblicizzato, grazie all'ipotesi leonardesca avrebbe potuto esser visto da qualche migliaia di persone l'anno. A San Gennaro lo vedranno in pochi! D'altro canto se si dovessero ricollocare tutte le opere oggi nei musei nazionali si finirebbe per spogliarli in modo importante. I manufatti provenienti da luoghi non più esistenti o privatizzati sono meno della metà di quelli esposti.

Anonimo - 20/09/2022 01:08

Gli altri post della sezione

Good Morning Taviani

Good Morning Tavianiopere ...