• 0 commenti
  • 30/07/2022 19:32

Lucchesia, partite all'alba le prime operazioni del Sabato dell'Ambiente



Ridolfi: «Iniziativa importante che ha un forte valore educativo e che continua a dare ottimi risultati»

Lucca – Sono decine i volontari che anche oggi hanno partecipato in Lucchesia al Sabato dell'Ambiente, l'iniziativa di ripulitura e monitoraggio di fiumi, torrenti e canali lanciata oltre tre anni fa dal Consorzio 1 Toscana Nord in collaborazione con associazioni, scuole, amministrazioni comunali e aziende dei rifiuti.

Le prime operazioni sono iniziate all'alba con i volontari del Cisom, il Corpo Italiano di Soccorso dell'Ordine di Malta, che si sono ritrovati a Lucca davanti a Porta Elisa per ripulire il Fossato delle Mura e gli spalti fino a Porta San Pietro. Oltre a rimuovere i rifiuti, il Cisom ha anche provveduto a estirpare le piante infestati presenti nel corso d'acqua.

Alle sette sono partiti di volontari di Legambiente Capannori e Piana Lucchese che nella zona di Marlia sono intervenuti sul Canale Nuovo, il Canale Giallo, il Rio Nocella e il Rio Arnolfini. Anche qui, oltre alle fondamentali operazioni di pulizia, sono stati effettuati i monitoraggi dei corsi d'acqua che hanno portato alla segnalazione di un piccolo cedimento di un muretto all'altezza della Misericordia di Marlia.

Sulla riva destra del Serchio, tra Nozzano e Santa Maria a Colle, a operare dalle 7.30 sono state due associazioni, Uniti per l'Oltreserchio e Bucaneve. Sulle sponde del fiume sono stati rimossi rifiuti ingombranti, come mobili e sedie, oltre a vetro e plastica.

«Dobbiamo essere estremamente grati – afferma Ismaele Ridolfi, presidente del Consorzio 1 Toscana Nord – alle volontarie e ai volontari per l'ambiente che anche oggi, nonostante il gran caldo, sono al lavoro per rimuovere rifiuti e plastiche dalle sponde dei corsi d'acqua. Si tratta – continua Ridolfi – di un'iniziativa importante che ha un forte valore educativo e che continua a dare ottimi risultati: anche questo sabato in molte zone interessate dal Sabato dell'Ambiente sono diminuiti i volumi dei rifiuti raccolti, segno che un costante presidio del territorio ha un effetto dissuasivo nei confronti di chi abbandona sacchi di spazzatura e plastica lungo fiumi, torrenti e canali. Siamo convinti – conclude il presidente – che questa sia la strada giusta per migliorare costantemente l'ambiente in cui viviamo e per evitare che le plastiche arrivino in mare».

Cinque le iniziative partite tra le 9 e le 10 del mattino. Sul Rio di Vorno e sul Canale Rogio sono arrivati i volontari de La Racchetta di Vorno che hanno raccolto sacchetti di rifiuti abbandonati e altro materiale, mentre nella zona di Ponte del Giglio a occuparsi della ripulitura sono stati i soci di Anpana. Hanno partecipato al Sabato dell'Ambiente anche l'Atletico Gragnano nella zona di Gragnano, la Fattoria Urbana che è intervenuta sulle sponde del Serchio presso la Fattoria degli Albogatti e i Donatori di Paganico a Paganico. L'ultima iniziativa della giornata a Parezzana con l'associazione Il Faro

Gli altri post della sezione