• 5 commenti
  • 30/03/2024 11:42

Articolo 21 e Cgil Lucca intervengono sulla "questione" Beatrice Venezi

A proposito  della decisione presa dalla Sovraintendenza dell’Orchestra Sinfonica Siciliana di sospendere con stipendio decurtato tre orchestrali, di cui due avevano osato dichiarare in un’intervista a Repubblica l’inadeguatezza al ruolo di Beatrice Venezi e definito la sua “direzione incoerente con l’esecuzione musicale”, il presidio lucchese dell’associazione Articolo 21 e la Cgil provinciale esprimono la loro solidarietà con i musicisti per provvedimenti disciplinari presi nei loro confronti per avere espresso la loro opinione.
Non entriamo nel merito dei giudizi sulle qualità musicali di Beatrice Venezi,
lasciamo la parola a musicologi .
Vogliamo però  ricordare l’Articolo 21 della Costituzione “ Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero , con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo diffusione “.

Associazione Articolo 21 presidio di Lucca e Cgil provinciale

I commenti

Uno che riesce a scrivere: ".............capelli stretti in una coda di cavallo e completo bianco elegantissimo, scattante ed eterea sul podio...." è veramente un genio!! Altro che Mario Appelius! All'EIAR l'avrebbero assunto senza discutere.

anonimo - 01/04/2024 01:10

Anche durante la psicopandemia avreste dovuto tutelare i lavoratori....invece li avete traditi.vergognatevi!!!!!

CATIA - 31/03/2024 19:09


Beatrice Venezi. Nuovo raid dei Guardiani dell’Antifascismo



di ALDO BELLI – Il direttore d’orchestra al Politeama di Palermo, ordine di scuderia oscurare il sold-out e gli applausi del pubblico.
Palermo 19 gennaio 2024. Al Teatro Politeama è sold-out per il concerto della Sinfonica Siciliana dedicato a Pëtr Il’i? ?ajkovskij, diretto da Beatrice Venezi.

“Non ho fortuna con i critici, in Russia non c’è un solo critico disposto a scrivere di me con calore e amicizia, in Europa chiamano la mia musica puzzolente” scriveva il grande compositore russo. I critici russi almeno, a torto (come poi si è dimostrato) o a ragione, scrivevano di musica.

La Repubblica, 20 gennaio. “Beatrice Venezi, direttore d’orchestra vicina a Giorgia Meloni, non è ancora salita sul podio del Politeama per dirigere l’Orchestra sinfonica siciliana ma già tra il pubblico, giunto venerdì sera per assistere al Concerto in re maggiore per violino e alla Quinta Sinfonia di ?ajkovskij, si fa un gran parlare di lei”. La curiosità che avrebbe spinto il pubblico a riempire il Politeama non è quella di scoprire dal vivo la giovane donna direttore d’orchestra che appare sui cartelloni di mezzo mondo: “La curiosità è tanta: a Nizza è stata contestata al grido di Non vogliamo i fascisti” (anche se a Nizza è stato sold-out).

Quel “vicina a Giorgia Meloni” come presentazione dice tutto. Come l’ormai consueta iscrizione sepolcrale dei Guardiani dell’Antifascismo di “direttore d’orchestra fascista”. Quasi che l’interpretazione di uno spartito variasse a seconda del pensiero ideologico o religioso del suo interprete, o delle sue intime amicizie.

La recensione è infine costretta ad ammettere, con un risveglio di pudore: “Il pubblico entusiasta applaude e lo farà anche alla fine del concerto, dopo cinquanta minuti di Quinta sinfonia in cui la direttrice d’orchestra, capelli stretti in una coda di cavallo e completo bianco elegantissimo, scattante ed eterea sul podio, ha tutti gli sguardi su di sé”. Il titolo della recensione è: “Beatrice Venezi, solo applausi al Politeama: “E’ stata impeccabile”.

E, invece, no. Non poteva essere impeccabile. Ai Guardiani dell’Antifascismo è sufficiente la dichiarazione di quattro orchestrali per tornandoci sopra il giorno seguente con una bella foto di apertura in pagina che ritrae la Venezi insieme alla Meloni, titolo a caratteri cubitali “Gli orchestrali della sinfonica di Palermo bocciano Beatrice Venezi”. Il Fatto Quotidiano riprende oggi le dichiarazioni. “Beatrice Venezi “stroncata” dagli orchestrali del Politeama di Palermo: “Non sa dirigere”.

Quattro orchestrali. Può essere che abbiano pure ragione, non m’intendo di lirica. Mi limito a constatare che sempre quattro rimangono per una notizia. Viceversa, c’è la dissociazione degli altri orchestrali appartenenti alla Uilcom: “Prendiamo le distanze, dalle dichiarazioni dei 4 musicisti, anzi vogliamo rappresentare tutta quella parte di musicisti che non amano la notorietà sui giornali e che hanno apprezzato il lavoro svolto dalla Direttrice”; e dei maestri appartenenti al Libersind-Confsal: ” La Scrivente in rappresentanza e per espresso mandato dei professori d’orchestra aderenti a codesta O.S. prende le distanze dalle affermazioni rilasciate a mezzo stampa da alcuni musicisti, dipendenti della Foss, in merito alla Direzione d’orchestra del M° B. Venezi”.

Maestro, che cosa vuole dire essere di destra a 33 anni? le chiede Andrea Malaguti (La Stampa, 6 agosto 2023). “Vuole sapere se sono fascista?” ribatte Beatrice. “Può andare a rileggere quello che ho detto e scritto nella mia vita, non troverà niente che si avvicini anche solo solo vagamente alla prevaricazione sull’altro, all’omofobia o al fascismo”.

Perché, allora, tanto accanimento mediatico e sempre dalla stessa parte? Provo a spiegarlo, e forse lo merita assumendo un significato più grande.

L’odio mediatico è una forma di sopravvivenza per gli orfani della piazza. Appartengono a quel filone intellettuale che risale alle origini del comunismo in Italia (ma anche alla formazione storica vaticana) che ha attraversato tutta la nostra storia, e che lo stesso Partito Comunista Italiano non riuscì a debellare; un filone tramandato, purtroppo, nelle sedi più importanti dove si determina l’opinione pubblica: scuola e università, editoria, informazione, enti culturali. E’ una razza il cui nutrimento è l’insostenibile sopportazione di chi non è disposto ad omologarsi al (proprio) pensiero unico. Perduto il treno della storia, i vinti spinti dal bisogno di autoconservazione si sono aggrappati all’antifascismo come ancora di salvezza della propria incapacità di misurarsi con il tempo.

Il sangue versato dai partigiani sui monti, in ogni borgo, in ogni città, per liberare l’Italia dalla dittatura fascista e dall’invasore nazista: “Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu la possa esprimere”, quale altra sintesi della libertà da restituire agli italiani potrebbe essere migliore.

Il regime fascista è morto e seppellito, non esiste probabilità della storia che possa ripetersi, è infantile inseguire i fantasmi. Il vero antifascismo oggi, ma forse da tempo, ha cambiato nome e non per negazione ma come compimento: il rispetto e l’applicazione dei principi scritti nello spirito della Costituzione. Se quello slogan riecheggiato nelle piazze per decenni ha ancora un senso, “Ora e sempre Resistenza” questo è il suo vero monito attuale, continuare a lottare affinché la Costituzione nata dal sangue dei martiri, con i suoi valori umani e i principi dello Stato di Diritto non rimanga sulla carta. Come invece tutt’ora è ampiamente disattesa, progressivamente svilita, ignorata e offesa nello svolgersi quotidiano della vita degli italiani.

E c’è ancora qualcuno (come sembrerebbe sia accaduto anche a Palermo) che pretende una dichiarazione di antifascismo firmata dal direttore d’orchestra Beatrice Venezi.

TOSCANA TODAY ha pubblicato una lunga inchiesta giornalistica (2020-2021) sulla “Casta dei Teatri”. Abbiamo denunciato i milioni di denaro pubblico dilapidato dal sistema delle Fondazioni Liriche, abbiamo denunciato il sistema medievale di sfruttamento e ricatto degli orchestrali, in particolare dei giovani musicisti e cantanti, abbiamo prodotto documentazione ineccepibile sugli scambi di favori, abbiamo dato voce ai sindacati dei lavoratori dello spettacolo in ogni parte d’Italia. Siamo finiti anche in tribunale denunciati per diffamazione.

In due anni di inchiesta (puntualmente diffusa per email alle commissioni parlamentari e ai capi redattori dei quotidiani e agenzie di stampa), non abbiamo trovato nessun giornale disponibile a seguire questa strada. E stiamo qui a parlare del “direttore fascista di Beatrice Venezi?”.

Aldo Belli - direttore di Toscana Today

Giordana - 30/03/2024 21:51

Il sovrintendente della Foss, Andrea Peria, si è subito dissociato dalle dichiarazioni «rese da soli tre professori dell’orchestra su un organico di oltre 70 elementi», gettando acqua sul fuoco e spiegando che, in teatro, episodi come questi sono all’ordine del giorno.

E ha aggiunto che, avendo l’orchestra provato quattro giorni con Beatrice Venezi, «se qualcosa non fosse andato bene, sarebbe stato più opportuno farlo presente alla direzione artistica o allo stesso sovrintendente».

Ma anche i sindacati Libersind e Uilcom hanno sconfessato i contestatori, mentre un gruppo di prime parti della Sinfonica Siciliana ha preso le distanze tramite un comunicato «dalle affermazioni rese a titolo personale dai colleghi, perché non corrispondenti alla realtà dei fatti».

Un professore, che preferisce rimanere anonimo, sostiene che Venezi non sarà Karajan, ma svolge il suo mestiere in modo competente, e attacca Sardisco per aver preso l’iniziativa senza consultare i colleghi e per aver messo in cattiva luce l’orchestra

Fly - 30/03/2024 21:48

La Venezi è invidiata da tanti musicisti Falliti che nessuno ha mai cagato anche a Lucca c'è ne sono molti ma non hanno pagine sui giornali anche perché scarsi..ma sono gelosi della Venezi perché ha avuto risonanza più di loro ed ora caricano di odio definendola fascista o incompetente per partito preso.Anche Vasco Rossi ed altri hanno voci penose ma sono diventati famosi lo stesso perché erano veri ARTISTI ugualmente.poi chi l ha criticata, sono alcuni membri e basta di quella orchestra, degli altri dissociati nessuno ne ha parlato.

È la classica mafietta nusicofila come nelle università italiane dove i talentuosi vengono disprezzati ed i leccapiedi osannati
Forza Beatrice

Lina - 30/03/2024 21:45

Gli altri post della sezione

Lo sport a Lucca

lucca ha un bacino di uten ...

La guerra dell'acqua

Tutti insieme a un tavolo? ...

CaSSaPound Lucca

CaSSaPound Lucca La Giu ...

Coincidenze?

https://www.luccaindiretta ...

La sanità a Lucca

....E' certo che la sanit ...