• 3 commenti
  • 03/12/2023 18:26

Il generale Roberto Vannacci promosso capo di stato maggiore

Dopo le polemiche, la nuova nomina. Il generale esercito Roberto Vannacci da domani sarà trasferito a Roma e nella capitale assumerà l'incarico di capo di stato maggiore del comando delle forze operative terrestri del comando operativo dell’esercito. A dare la notizia è il sito La Gazzetta di Lucca, città dove vive il militare finito quest'estate alla ribalta delle cronache e delle polemiche per quanto scritto nel suo libro Il mondo al contrario. Proprio in seguito all'uscita del volume Vannacci ha dovuto lasciare il suo incarico al comando dell'Istituto geografico militare. Il generale assumerà il nuovo ruolo dopo un lungo periodo di affiancamento, spiegano all'Adnkronos fonti della Difesa che chiariscono come non si tratti di una promozione ma solo di un incarico adeguato al suo ruolo e non avrà nessuna relazione di comando. Diversa la versione di Vannacci, secondo cui si tratterebbe di un incarico prestigioso. “Una nomina in linea con il mio grado, con la mia funzione e con la mia esperienza", sostiene. "Un incarico prestigioso – confida all’Adnkronos - che assumerò con grande determinazione e passione e che mi vedrà nella Capitale dove presterò servizio. Un comando che si occupa della validazione delle unità che devono partire con ruoli operativi all'estero, della loro preparazione, del loro addestramento". Nel suo libro autoprodotto e venduto online su Amazon l’ex capo dei paracadutisti della Folgore con un linguaggio triviale e sessista attacca omessuali, migranti e femministe. Motivo per cui il testo è stato accolto da un vortice di polemiche e il ministro della Difesa Crosetto ha immediatamente avviato una indagine disciplinare. Nonostante questo, il libro di Vannacci in pochi giorni ha venduto decine di migliaia di copie e il militare è stato corteggiato da diversi partiti in vista delle prossime elezioni Europee: dalla Lega di Salvini a Forza Nuova di Roberto Fiore. Le reazioni Per Riccardo Magi, segretario di + Europa, la nuova nomina di Vannacci “è indegna. Probabilmente è stato premiato per le sue fatiche letterarie ma e' la conferma che con questo governo la xenofobia, l'omofobia e le farneticazioni complottiste sono meriti e non demeriti. Invece di destituire un militare che con le sue parole tradisce i valori della costituzione su cui ha giurato, viene confermato ai massimi vertici dell'Esercito". La Repubblica

I commenti

Auguriamoci, per il suo bene, che non gli diano in dotazione una pistola: questo capoccione, sveglio com'è, sarebbe capace di spararsi sui piedi

Anonimo - 04/12/2023 01:28

Era l’ora di avere finalmente un non dichiarato con enormi situazioni psicologiche irrisolte in posizioni di rilievo. Complimenti, e viva l’anormalità!
https://www.youtube.com/watch?v=CrAe3ipYADk

M.D. - 04/12/2023 00:03

Intanto non è stato promosso e poi è libero di pensare quel che vuole. Semmai sono le simpatie per Putin e per la Russia che potrebbero essere causa di destituzione, ma questo solo se le suddette simpatie fossero accompagnate da azioni indegne. Evidentemente, allo stato attuale, il generale non ha compiuto azioni indegne.

Anonimo - 03/12/2023 22:13

Gli altri post della sezione

Le solite maldicenze

di Massimo Gramellini - co ...